Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/194: IN SUDAFRICA IL PENULTIMO ATTO DELL'EUROPEAN TOUR

Vittoria per l'indolo di casa Brendan Grace


Dopo il Turkish Open, giocato ad Antalya la scorsa settimana e conquistato da Justin Rose, siamo ora al Gary Player GC di Sun City (par 72) in Sudafrica, dove, dal 9 al 12 novembre, si disputa il Nedbank Golf Challenge penultimo atto dell’European Tour, e settimo degli otto eventi delle Rolex...continua

Cronaca
PILLOLE DI GOLF/193: IN OMAN SI CONCLUDE LA CORSA DEL CHALLENGE

In palio la "carta" per l'European Tour


MUSCAT - Ricordiamo brevemente cos’è il Challenge, chiamato un tempo Satellite. È un Tour organizzato dal PGA European Tour, con la serie di tornei di golf professionali. È finalizzato allo sviluppo e alla promozione degli atleti al Tour europeo, che si classificano in...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/192: JUSTIN ROSE, RIMONTA VINCENTE IN CINA

Il Wgc di Shanghai si decide solo nel giro finale


SHANGHAI - Sul percorso dello Sheshan International GC (par 72), a Shanghai, dal 26 al 29 ottobre, si è giocato il quarto e ultimo torneo stagionale, del World Golf Championship, il mini circuito mondiale, a cui sono stati ammessi appena 78 concorrenti, solo i grandi. Com’è...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Entusiasmo alle stelle alla palestra di Sant'Antonino

800 TIFOSI AL RADUNO DELLA DE' LONGHI

Pillastrini: "Situazione nuova, sono pieno di stimoli"


TREVISO - Grande entusiasmo per il raduno di Treviso Basket. In 800 si sono dati appuntamento alla palestra di Sant'Antonino per salutare i vecchi giocatori (pochi) ed i nuovi (tanti). Dice coach Stefano Pillastrini. "Situazione nuova, mi piace: finora avevamo sempre avuto il ritorno di tanti giocatori dell’anno prima, stavolta almeno all’inizio saremo tutti nuovi, visto che due sono in rieducazione (e De Zardo arriva da una stagione persa ndr). Grandi stimoli, roster con un ottimo potenziale, la voglia di far bene non mancherà di certo.”
-Avete cambiato non solo i giocatori ma anche filosofia.
“Un 4 perimetrale come Antonutti non l’avevamo mai avuto, quindi giocheremo meno con i due lunghi interni: squadra diversa e con più tiratori. Forse c’è un po’ meno esuberanza atletica ma anche lì non siamo messi male.”
-Inalterato è rimasto il calore della vostra tifoseria.
“Che è una certezza. In questi tre anni, ma penso anche prima, il pubblico ci ha sempre dato un sostegno insostituibile. E ne avremo bisogno anche oggi, dovremo diventare squadra in fretta e l’aiuto di chi ci vuole bene e ci sostiene sarà determinante. E di certo non mancherà.”
-Al quarto anno di A2 darete l’assalto alla serie A?
“Noi la A l’abbiamo sempre voluta, Treviso Basket gioca sempre per vincere ogni partita. Poi, chiaro, l’A2 è difficilissima e la formula con una sola promozione è infame, per cui programmare non si può; resta il fatto che siamo determinatissimi, a questa TVB non manca nulla, fermo restano che i conti bisogna farli con gli avversari.”
-Avete un solo americano, ma che americano…
“Siamo felici che John Brown abbia scelto di restare in A2, ci darà atletismo orizzontale e verticale, nel senso che è corridore e saltatore. In più mi pare che abbia un entusiasmo speciale, di sicuro saremo contenti di lui.”