Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/227: JUSTIN THOMAS SENZA RIVALI AL BRIDGESTONE INVITATIONAL

Il terzo evento del circuito World Golf Championship


AKRON (USA) - È Francesco Molinari a godere il favore degli spettatori. Lo divide con il leader mondiale Dustin Johnson, che di WGC ne ha già conquistati cinque. Anche Tiger Woods, riemerso grazie alla bella prestazione nell’Open Championship, è atteso con...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/226: UN BEL COMPLEANNO FESTEGGIATO SUL FAIRWAY

Torneo e party in onore di Luigino Conti, patron di Ca' della Nave


MARTELLAGO - Una Louisiana a due, per festeggiare il genetliaco di Luigino Conti, direttore del Club Cà della Nave, persona che sa farsi benvolere.Luigino, che ormai da tre anni ha assunto la dirigenza del Circolo trovando nel suo cammino un mare di difficoltà, è riuscito a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/225: CON L'ACI SI GIOCA NEL BOSCO DELLA SERENISSIMA

Al Golf Cansiglio il torneo promosso dall'Automobile Club


TAMBRE D'ALPAGO - L’Automobile Club d’Italia ha cura dei propri soci: al di là del suo compito d’istituto su tutto quanto è attinente all’automobile, mette a loro disposizione un Campionato italiano di Golf, che gira da aprile ad agosto, su 28 tra i...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Per la parlamentare il settore dei rifiuti in Veneto a forte rischio

"L'OMBRA DELLE MAFIE DIETRO ALL'INCENDIO ALLA VIDORI"

La senatrice Puppato chiede una nuova indagine alla Commissione Ecomafie


VIDOR - “Ho richiesto l’apertura di un nuovo fascicolo sulla Vidori alla Commissione Ecomafie, perché l’accertamento del dolo, personale o di terzi, pressoché certo, determina uno scenario preoccupante che conferma la situazione che vede il Veneto con fatti delittuosi in numero superiore a regioni con comprovata storia di criminalità organizzata”. Lo annuncia Laura Puppato, capogruppo PD in Commissione bicamerale di inchiesta sul ciclo dei rifiuti.

“La nostra regione rimane un’area all’avanguardia nella gestione del ciclo dei rifiuti, con impianti molto moderni di smistamento, ma inevitabilmente questo settore, che può divenire un business molto redditizio, attira appetiti alieni alla volontà di creare un sistema virtuoso, ma intenti solamente alla speculazione, ottenendo massimi profitti senza scrupolo alcuno - ribadisce Puppato -. Qui si tratta di capire se l’incendio dipenda dall’attività di terzi o si tratti di un inside job ad opera di un settore aziendale. In entrambi i casi ci troveremmo di fronte a situazioni gravissime, che determinerebbero la necessità di indagini approfondite al fine di capire se esista e come agisca un’eventuale organizzazione di stile mafioso, o di identificare con chiarezza i soggetti privati che sia necessario allontanare per sempre dal ciclo dei rifiuti”.
Secondo la parlamentare trevigiana proprio l'opera della Commissione Ecomafie ha contribuito a redigere una legge innovtiva in materia, velocizzando le procedure ed evitando anche che i responsabili possano farla franca per il sopraggiungere della prescrizione.  "Ora continueremo il nostro lavoro, valutando nuovi articoli funzionali a cancellare rischi come questi - assicura l'esponente trevigiana di Palazzo Madama -. La gestione della materia rifiuto, da reinserire nel ciclo produttivo, è una delle chiavi dello sviluppo economico e dell'economia circolare fondamentale per il nostro futuro anche produttivo"