Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/282: LA SOLHEIM CUP 2019 PRENDE LA VIA DELL'EUROPA

La squadra del Vecchio Continente si impone sugli Usa nel massimo torneo femminile


GLENEAGLES  (SCOZIA) - La Solheim Cup è la massima espressione del golf delle donne, la sfida al femminile della Ryder Cup, rispetto a cui ha una storia più recente. Ha preso il nome dall’ideatore del torneo, Karsten Solheim, noto fabbricante di attrezzi sportivi conosciuti...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/281: LE PROMESSE DEL GOLF EUROPEO FEMMINILE A VILLA CONDULMER

La padovana Benedetta Moresco trionfa all'Internazionale under 18


MOGLIANO VENETO - È il secondo anno consecutivo che Golf Villa Condulmer ospita questo importante campionato, l’Internazionale femminile under 18; da qui, spunteranno le future Campionesse del Tour europeo. Ben dodici le nazioni partecipanti, oltre all'Italia: Austria, Belgio, Croazia,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/280: OMEGA MASTERS, UN CLASSICO TRA LE ALPI

Nove gli italiani al torneo dell'European Tour


CRANS MONTANA (SVIZZERA) - L’Omega Masters è uno dei tornei classici dell’European Tour. La storia di questo torneo, seppur con diverso nome (all’epoca Swiss Open), risale al 1905. È la tappa svizzera del tour europeo del golf maschile professionistico, in cui si...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Attraverso lo sport, un messaggio di condivisione e voglia di vivere

IL DRAGON BOAT ROSA SFIDA IL TUMORE AL SENO A COLPI DI PAGAIA

La squadra della Lilt di Mestre ai Mondiali delle maxi canoe


VENEZIA - La gara più importante l'hanno già vinta,  ma ora sono pronte ad una nuova sfida. Sono le donne del Trifoglio Rosa della Lilt di Mestre che scendono in campo, anzi in “acqua”, ai Campionati mondiali di Dragon Boat, in programma a Venezia dal 3 all'8 settembre.
Forza ai remi!
Il Dragon Boat è una particolare canoa, di grandi dimensioni, dove gli atleti pagaiano a coppie: di origini cinesi (il nome deriva dalla tipica effige del dragone tradizionalmente posta a prua), queste imbarcazioni e questa specialità del canottaggio si stanno diffondendo sempre più anche in tutto il resto del mondo.

Molte di queste signore hanno iniziato a praticare questo sport come forma di La presentazione a Punta S. Giulianoriabilitazione, su consiglio dei medici della Casa di cura Giovanni XXIII di Monastier che le hanno seguite nel percorso terapeutico, dopo aver subito la mastectomia e l'aspirazione ascellare: l'attività, infatti, si rivela utilissima per il pieno recupero degli arti superiori.
Ma ancora più rileveanti, se possibili, sono i benefici sul piano psicologico: condivisione, fare squadra, scoprire, anche in un momento difficile, la voglia di puntare a nuovi obiettivi.
L'hanno ribadito loro stesse,  presentando alcuni giorni fa il loro prossimo impegno. Perchè l'equipaggio rosa ci ha preso gusto ed ha deciso di partecipare, insieme ad altre compagne, ai Mondiali, proprio nelle acque della laguna veneziana dove si allenano.
L’apertura della manifestazione avverrà lunedì 4 settembre quando le squadre, a piedi, partendo dal Tronchetto raggiungeranno Campo Santa Margherita con i loro stendardi e bandiere. Molto toccante sarà la cerimonia dei fiori, quando Il sindaco Brugnaro con i rappresentanti della Casa di cura di Monastiertutte le donne in rosa che gareggeranno ai mondiali scenderanno in acqua e getteranno dei fiori a ricordo di tante care amiche che non ce l’hanno fatta.
Prime prove per il Trifoglio Rosa il 5 settembre alle 16.18 sui 500 metri con il dragon boat da 20 posti. Il giorno successivo, il 6 settembre intorno a mezzogiorno (alle 12.12 per la precisione) la finale dei 500 metri con il dragone da 10. E poi l’8 settembre la prova più dura quella dei 2000 metri alle 10.20 con la barca da 20 posti e alle 17.15 con quella da 10.
Nata a Mestre nel 2012, la squadra del Trifoglio Rosa conta una quindicina di componenti dai 35 ai 70 anni. Si ritrovano due volte alla settimana alla Canottieri Mestre di Punta San Giuliano, dove utilizzano due "dragoni", uno da 10 persone e l'altro da 20, per allenarsi e gareggiare.
A dar loro l'in bocca al lupo, è arrivato anche il sindaco di Venezia, Luigi Brugnaro, insieme ad alcuni esponenti dell'amministrazione comunale. Per lanciare a tutte le donne il messaggio- motto del Dragone rosa: “Dai una pagaiata al cancro, e la vita… è tua”.

Video a cura di Nelly Pellin

La squadra del Trifoglio rosa