Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/223: I SOCI AIGG SI SFIDANO SULLE DOLOMITI

Tre giornate in quota tra Alto Adige e Trentino


BOLZANO - Un interessante momento nelle gare dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti: tre giornate di golf impegnativo, in aggiunta all’annuale challenge, per godere le Dolomiti. Nella giornata di apertura ci spalanca le porte il Golf Club Eppan (Appiano): un campo da golf a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

L'opera in bronzo, realizzata nel 1925, ricorda i "Caimani del Piave"

TORNERÀ A NUOVA VITA IL MONUMENTO AGLI ARDITI DI FALZÈ

Il restaro, da 48mila euro, partirà a metà settembre e durerà un mese


SERNAGLIA DELLA BATTAGLIA - È pronto a partire il restauro del monumento “Tre arditi all’assalto”, simbolo di Falzè di Piave di cui impreziosisce la piazza principale. Il progetto di restauro si è classificato al primo posto nella graduatoria regionale che ha erogato fondi a 23 domande di restauro ammesse in base alla Legge regionale 30/2016, art. 109. A Falzè sono così arrivati 8mila euro che integreranno la somma di 40mila euro necessaria a dare nuova dignità al monumento proprio mentre si avvicina il centesimo anniversario della fine della Grande Guerra.
Il monumento “Tre arditi all’assalto” è l’indiscusso capolavoro bronzeo di Giovanni Possamai. Plastico e suggestivo riproduce a grandezza naturale tre arditi nell'atto di sferrare l'assalto: il primo a sinistra armato di pugnale in bocca, quello al centro con moschetto '91 in mano e quello a destra nell'atto di lanciare una bomba a mano. La scena ricorda l'episodio dell'attraversamento del Piave, il 27 novembre 1918, di un gruppo di arditi del LXXII Reparto d'Assalto, episodio che valse loro l'appellativo di "Caimani del Piave" da parte degli Austriaci.
La posa della prima pietra avvenne il 24 maggio 1925, mentre al 27 settembre dello stesso anno risale l’inaugurazione. Dopo il secondo Conflitto mondiale la lastra con i nominativi dei Caduti venne sostituita per integrare anche i morti della Guerra del 1940-45. Le rocce hanno dimensioni varie e collocazione “libera” a riprodurre un tratto roccioso del Montello da cui tre arditi balzano all'assalto della sponda sinistra del Piave. Nel tempo l’aspetto “naturalistico” del basamento è stato ridimensionato, in particolare a seguito della sigillatura con malta cementizia delle connessure del pietrame. Il monumento è stato oggetto di un rilievo fotogrammetrico tridimensionale su cui sono stati mappati i materiali ed il degrado. Il basamento risulta costituito da rocce dette conglomerati cementati caratterizzati da fessurazioni, distacchi diffusi di parti e perdita di materiale dalla superficie che derivano dalla natura del materiale ma che la sigillatura in malta cementizia potrebbe avere favorito e accelerato. Sono inoltre presenti muschi e licheni nonché colature e macchie di rame derivanti dai bronzi.
Nella lapide in marmo risultano evidenti depositi, macchie e colature di rame (localmente di ruggine) provenienti sia dalla scultura sommitale che dagli elementi decorativi bronzei. Nelle sculture in bronzo sono evidenti alcune corrosioni puntiformi, forse segno della presenza del fenomeno detto “cancro del bronzo”, che se non fermate preventivamente possono portare a forare per intero lo spessore del metallo.
Il progetto prevede il restauro del monumento (sculture, basamento e lapidi) con interventi differenziati in base allo stato di conservazione dei singoli elementi. Si prevede inoltre di intervenire anche nella pavimentazione circostante e nei basamenti dei pennoni. Nel basamento in pietrame l’intervento prevede la rimozione della malta di sigillatura dei giunti, sia per aspetti conservativi (malta molto tenace in presenza di un conglomerato cementato debole) che estetici (restituire i chiaroscuri del progetto originario e, se possibile, una certa naturalità). Il cantiere, che salvo imprevisti si aprirà a metà settembre e durerà circa un mese, si caratterizzerà come luogo di formazione poiché vedrà anche la presenza di due giovani tirocinanti.
Il progetto e la direzione dei lavori sono affidati all’architetto pievigino Marco Merello, il rilievo tridimensionale alla Mirartech di Belluno. Impresa esecutrice dei lavori è la Padovan Restauri di Crespano del Grappa.
Il restauro del monumento della piazza di Falzè segue di circa un anno quello alla statua dell’Emigrante in piazza Martiri a Sernaglia. "In entrambi i casi parliamo di sculture che oltre a un indubbio valore artistico possiedono un enorme carattere identitario per la nostra comunità e non solo – afferma il sindaco Sonia Fregolent – ci è sembrato giusto, a maggior ragione in vista del centenario della fine del primo Conflitto mondiale, ridare massima dignità ai tre “Arditi” raffigurati a Falzè. Un’operazione resa possibile anche grazie alla Regione Veneto che ha premiato il nostro progetto di restauro con il primo posto nella graduatoria delle richieste di contributo".