Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/264: PIERO TARUFFI, L'"UOMO FRECCIA"

Un evento alla Montecchia celebra l'ingegnere- pilota


PADOVA - Atleti, piloti, e Vip al Golf della Montecchia, sabato 25 maggio, a celebrare Piero Taruffi, la “Volpe argentata”. L’evento, nella sua terza edizione, intende essere una giornata di celebrazione dell’indimenticabile pilota. Ci sarà il concorso di eleganza...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/263: IL VICENTINO MIGLIOZZI MIGLIOR AZZURRO AL CHINA OPEN

A Shenzen il finlandese Korhonen si impone al playoff sul francese Hebert


SHENZEN - Sono ben quattro gli azzurri che partecipano al Volvo China Open, evento dell’Asian Tour e dell’European Tour, in programma a Shenzhen, al Tradition at Wolong Valley, di Chengdu in Cina. È Il venticinquesimo anniversario di questo torneo, che significa scadenza molto...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/20: GOLF CLUB CASTELFALFI

Tra le colline del Chianti, il paesaggio fa dimenticare anche le difficoltà tecniche


CASTELFALFI - Si arriva a Castelfalfi, località ignota ai più, percorrendo le luminose colline del Chiantigiano che riservano splendidi scorci. Siamo a Montaione, nei pressi dei borghi di San Gimignano e di Volterra, e Castelfalfi è un piccolo villaggio medievale arroccato...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Solo dopo lunghi minuti la vittima è riuscita a dare l'allarme

SCONOSCIUTO SALE SULLA SUA AUTO, LA MINACCIA E LA SEQUESTRA

Una 56enne trevigiana aggredita nella zona dell'ospedale


TREVISO - Si è intrufolato nella sua auto e ha iniziato a dare in escandescenze, minacciandola e costringendola a portarlo dove voleva. Ha passato un'ora da incubo, martedì una 56enne trevigiana. La donna, di ritorno dall'ospedale Ca' Foncello dove si era recata per delle visite, stava percorrendo via Scarpa: procedeva lentamente per in traffico, quando ha visto un uomo correre in modo convulso e scoordinato. All'improssivo, passando accanto alla vettura, il soggetto ha aperto la portiera e, sanza dare il tempo alla signora di reagire, è salito sulla Fiat 500. A quel punto, l'uomo, dall'aspetto nordafricano, si è messo a tempestare di pughi il cruscotto, urlando di portarlo a Canizzano. Forse un individuo sotto l'effetto di stupefacenti o con problemi psichici, riuscito a sfuggire alla sorveglianza di una delle comunità collegate all'ospedale.
Di fronte all'esplosione di rabbia, la 56enne ha avuto il sague freddo di fingere di assecondarlo: ha continuato il percorso, cercando di attirare l'attenzione degli altri automobilisti, ma senza successo. Arrivata davanti ad un bar, nei pressi del cavalcavia, con la scusa di dover prendere un caffè è scesa e senza farsi notare dal passeggero, grazie al bluetooth del telefonino, è riuscita a mandare un messaggio di allarme al 112. Dopo minuti interminabili, sono arrivati due agenti della Polizia locale. Il magrebino, capendo cosa era accaduto, ha cercato di scagliarsi contro la donna, ma fortunatamente sono arrivati altri vigili e personale sanitario e l'hanno bloccato. Ora la signora, che ha subito un forte choc, si è rivolta ad un avvocato, per appurare se vi siano responsabilità di un mancato controllo riguardo alla persona che l'ha aggredita.