Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/190: L'OPEN D'ITALIA 2017 È DA RECORD

Davanti a 73mila spettatori, vince l'inglese Hatton


MONZA - Eccoci giunti all’attesissimo evento, la manifestazione golfistica cardine sul territorio italiano! Preceduto da festeggiamenti, si è celebrato, dal 12 al 15 ottobre il 74° Open d’Italia, al Golf Club Milano. I più forti professionisti mondiali di Golf si son...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/189: CAMPI PRATICA, COLONNA PORTANTE DELLO SPORT

A Ca' della Nave il torneo dell'associazione dei club


MARTELLAGO - È con simpatia, che sabato 30 settembre il Golf Club Cà della Nave ha accolto l’Associazione Campi Pratica per una gara stableford a tre categorie, settima degli otto incontri della serie TROFEO, che a turno ogni Circolo appartenente all’associazione,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/188: TUTTO PRONTO PER L'OPEN D'ITALIA 2017

Al Parco di Monza il torneo del massimo circuito europeo


TREVISO - Il 74° Open d’Italia sta per andare in scena; è il principale evento sportivo nazionale legato alla Ryder Cup 2022, la sfida fra Europa e Stati Uniti, in programma fra cinque anni al Marco Simone Golf & Country Club. È il primo Open d’Italia con un...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Solo dopo lunghi minuti la vittima è riuscita a dare l'allarme

SCONOSCIUTO SALE SULLA SUA AUTO, LA MINACCIA E LA SEQUESTRA

Una 56enne trevigiana aggredita nella zona dell'ospedale


TREVISO - Si è intrufolato nella sua auto e ha iniziato a dare in escandescenze, minacciandola e costringendola a portarlo dove voleva. Ha passato un'ora da incubo, martedì una 56enne trevigiana. La donna, di ritorno dall'ospedale Ca' Foncello dove si era recata per delle visite, stava percorrendo via Scarpa: procedeva lentamente per in traffico, quando ha visto un uomo correre in modo convulso e scoordinato. All'improssivo, passando accanto alla vettura, il soggetto ha aperto la portiera e, sanza dare il tempo alla signora di reagire, è salito sulla Fiat 500. A quel punto, l'uomo, dall'aspetto nordafricano, si è messo a tempestare di pughi il cruscotto, urlando di portarlo a Canizzano. Forse un individuo sotto l'effetto di stupefacenti o con problemi psichici, riuscito a sfuggire alla sorveglianza di una delle comunità collegate all'ospedale.
Di fronte all'esplosione di rabbia, la 56enne ha avuto il sague freddo di fingere di assecondarlo: ha continuato il percorso, cercando di attirare l'attenzione degli altri automobilisti, ma senza successo. Arrivata davanti ad un bar, nei pressi del cavalcavia, con la scusa di dover prendere un caffè è scesa e senza farsi notare dal passeggero, grazie al bluetooth del telefonino, è riuscita a mandare un messaggio di allarme al 112. Dopo minuti interminabili, sono arrivati due agenti della Polizia locale. Il magrebino, capendo cosa era accaduto, ha cercato di scagliarsi contro la donna, ma fortunatamente sono arrivati altri vigili e personale sanitario e l'hanno bloccato. Ora la signora, che ha subito un forte choc, si è rivolta ad un avvocato, per appurare se vi siano responsabilità di un mancato controllo riguardo alla persona che l'ha aggredita.