Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/203: GARY WOODLAND È IL RE DEL PHOENIX OPEN

Vittoria allo spareggio, tra invasioni di campo e commoventi dediche


SCOTTSDALE (ARIZONA - USA) - dall’1 al 4 febbraio. È sul percorso del TPC, la sfida Waste Management Phoenix, l’Open supportato dalla Gestione dei Rifiuti, che, strano a dirsi, nell'economia dell'Arizona vale 389 milioni di dollari. Il montepremi è di 6.900.000 dollari,...continua

Cronaca
PILLOLE DI GOLF/202: AL FARMERS INSURANCE È IL GIORNO DI JASON DAY

Nel torneo al Torrey Pines si rivede anche il vero Tiger Woods


In California, nei due percorsi del Golf Torrey Pines, entrambi Par 72, si è giocato dal 25 al 28 gennaio, l’Open sostenuto dalla potente “Assicurazione Agricoltori” americana, con montepremi di 6.900.000 dollari, 1.200.000 dei quali, destinati al vincitore. Il Torrey...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/17: GARDAGOLF COUNTRY CLUB

Sulle colline attorno al lago si disputerà l'Open d'Italia


SOIANO DEL LAGO - È recente la notizia che l’Open d’Italia 2018 è stato assegnato a Gardagolf; andiamo ora a vedere dal vicino questo Club, la cui scelta è stata apprezzata dal gotha dirigenziale dell’European Tour.Di progetto squisitamente inglese (Cotton,...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

A chi non accetterà andranno 3mila euro di incentivo all'esodo

ELLETI, FIRMATO IN PREFETTURA L'ACCORDO SULLA CHIUSURA

L'azienda fornirà un mezzo per gli addetti trasferiti a Verona


TREVISO - Raggiunto l'accordo per la Elleti di Vedelago. Dopo una settimana di occupazione della fabbrica da parte dei lavoratori, azienda e sindacati hanno siglato un intesa, grazie alla mediazione della Prefettura.
Lo stabilimento trevigiano, specializzato in lavorazioni tessili, anche per marchi prestigiosi, verrà chiuso: i 45 dipendenti potranno scegliere se accettare il trasferimento in altre sedi del gruppo a San Bonifacio (Verona) o Toscanella (Bologna). L'impresa riconoscerà loro mille euro di bonus una tantum e metterà a disposizione un mezzo di trasporto (potrebbero essere anche alcune auto della nutrita flotta aziendale) per l'andata e ritorno quotidiana. I sindacati hanno anche chiesto che i tempi per le trasferte siano conteggiati nell'orario lavorativo.
Oppure i lavoratori potranno non aderire allo spostamento: in questo caso riceveranno un incentivo all'esodo da tremila a cinquemila euro (a seconda di quanti colleghi sceglieranno la prima opzione), per poi essere licenziati.
Proprio le contropartite per gli addetti, per le conseguenze dello spostamento delle attività, avevano portato allo stallo del negoziato: dal primo settembre scorso, i dipendenti avevano bloccato lo stabilimento e la produzione. Il tavolo in Prefettura era stato convocato proprio per cercare di risolvere il braccio di ferro. Non sono mancati momenti di accesa discussione anche durante la riunione, condotta dal prefetto Laura Lega, ma alla fine si è riusciti a raggiungere un risultato. Nel frattempo, i lavoratori hanno dato vita ad un presidio in piazza dei Signori. L'occupazione è stata sospesa dalla mattina: operai e impiegati, comunque, rimangono in assemblea permanente fino a lunedì prossimo, poi entro martedì dovranno prendere una decisione sul loro futuro. La Elleti ha annunciato la chiusura di Vedelago per il 30 settembre, riservandosi di valutare la richiesta di prolungare l'operatività per un ulteriore paio di settimane.
“Siamo soddisfatti - commenta Gianni Boato, segretario della Femca Cisl Belluno Treviso - perché i 45 lavoratori sono stati finalmente messi dall'azienda nelle condizioni di poter scegliere se accettare un trasferimento oppure no: mettere in capo ai dipendenti i costi del trasporto, circa 400 euro al mese per lavoratore, avrebbe reso impossibile qualsiasi ragionamento. L'accordo va nella direzione della tutela dei posti di lavoro e dell'agevolazione al proseguimento del lavoro in un'altra sede, e il prefetto si è dimostrato sensibile rispetto alla necessità di conservare 45 posti di lavoro”. Anche Francesca Pol, della Uiltec Uil Belluno Treviso, esprimee soddisfazione per essere riusciti a sbloccare  lo stallo: "Data la situazione,, il risultato raggiunto è positivo".
L'accordo, invece, lascia l'amaro in bocca a Cristina Furlan, segretaria provinciale della Filctem Cgil: "Il meglio che si potesse ottenere visti i presupposti. Abbiamo difeso i posti di lavoro – sottolinea Cristina Furlan – ma con questa impietosa operazione si sono impoverite produttività e occupazione nel nostro territorio".