Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/211: PATRICK REED INDOSSA LA GIACCA VERDE

Lo statunitense vince l'82° Masters di Augusta


TREVISO - È l’edizione ottantadue del Masters, che data 1930; uno dei quattro maggiori campionati del Golf. Si tiene all'Augusta National, in Georgia, il Paradiso del Golf. Un Campo molto particolare, bello e difficile, massimamente rappresentato da” Amen Corner”, il tratto...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/210: A CA' DELLA NAVE BUON COMPLEANNO MAL

Gara (e festa) con protagonista il cantante dei Primitives


MARTELLAGO - A festeggiare la sua data di nascita avvenuta da qualche giorno, Mal (al secolo Paul Bradley Couling), il 28 marzo ha sponsorizzato una gara di Golf a Cà della Nave. Voleva festeggiare il suo compleanno in un Campo da Golf. La scelta del 28, a Cà della Nave, è...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/209: AL VIA IL CHALLENGE 2018 DELL'AIGG

A Roma debutta la stagione dei giornalisti golfisti


ROMA - Il debutto del challenge AIGG ha ormai una sede consolidata: la prima gara dell’anno si gioca al Marco Simone Golf and Country Club, a Guidonia, nell’ospitalità raffinata di Lavinia Biagiotti Cigna. Lavinia è la deliziosa figlia di Laura Biagiotti, la grande donna...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

"Lo Stato ha stanziato 8 miliardi, altre amministrazioni frenano"

"DISSESTO IDROGEOLOGICO, LE REGIONI SONO IN GRAVE RITARDO"

Intervento della senatrice trevigiana Laura Puppato


TREVISO - "Il dissesto idrogeologico nel nostro paese ha fatto emergere la qualità nell'operare che vede assai profonda la differenza di priorità tra lo Stato centrale, che ha stanziato 8 miliardi di euro per risolverne le gravi conseguenze o almeno contenerle, e le Regioni che invece paiono in grave, incomprensibile ritardo progettuale e quindi incapaci di spendere i fondi disponibili. Anche il Veneto che pure usa tutta la sua forza mediatica e operativa per un discutibile referendum sull'autonomia, in realtà dimostra nel settore ambiente in generale è più specificatamente in questo del dissesto di non essere in grado di gestire neppure quella, assai rilevante, che c’è”. Lo dice Laura Puppato, senatrice Pd.

“Di ben diversa celerità la forza programmatrice e realizzatrice del Governo centrale che prima con la Buona Scuola, poi con il Piano del ferro e, come dimostrato, anche con l'unità di missione di Italia sicura, ha avanzato con ottimi risultati fin dove era nella sua completa responsabilità, per offrire sicurezza ai cittadini di questo Paese - ha continuato Puppato - Parrebbe evidente che vi siano istituzioni che viaggiano a velocità ben diverse, con uno Stato che traina e Regioni che frenano. Abbiamo richiesto in commissione ambiente all'Unità di missione Italia Sicura, di renderci edotti sullo stato dell'arte dei progetti presentati e soprattutto motivare le ragioni addotte dalle regioni che piangono dopo i disastri battendosi il petto, ma non producono richieste e documentazioni idonee a permettere l'uscita dei fondi e la realizzazione delle opere. Qualunque esse siano, comprese ora anche le tecniche di rinaturalizzazione che vengono finanziate per ripristinare il territorio come era e dovrà tornare ad essere, per evitare tragedie come quelle di Genova e Livorno, tombinando fiumi e torrenti in modo assurdo e scellerato. Sta di fatto che poco più di 100 milioni spesi su 8 miliardi disponibili, sono un atto di accusa spaventoso alle autonomie solo proclamate."