Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/223: I SOCI AIGG SI SFIDANO SULLE DOLOMITI

Tre giornate in quota tra Alto Adige e Trentino


BOLZANO - Un interessante momento nelle gare dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti: tre giornate di golf impegnativo, in aggiunta all’annuale challenge, per godere le Dolomiti. Nella giornata di apertura ci spalanca le porte il Golf Club Eppan (Appiano): un campo da golf a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Replica l'azienda: "Investimenti solo con impegno condiviso"

ROSSIGNOL LANGE, ACCORDO APPROVATO, MA RIMANGONO LE TENSIONI

I sindacati: "Screditata la professionalitą dei lavoratori"


MONTEBELLUNA - Al termine di una trattativa lunga e complicata, segnata anche dallo sciopero di 4 ore dello scorso primo settembre, l'assemblea dei lavoratori di Rossignol Lange di Montebelluna mercoledì 13 settembre ha dato parere positivo sulla firma del nuovo accordo aziendale. L'aumento economico del premio di risultato - fermo dal 2009 - sarà garantito a tutti i 120 dipendenti fra operai e impiegati. In particolare i lavoratori della produzione finalmente potranno ottenere un premio che, abbinato ai benefit e alle prestazioni di welfare già in essere, toccherà i 1.000 euro. Per la parte impiegatizia, generalmente non chiamata ad ore aggiuntive in flessibilità, il premio sarà aumentato di 60 euro.
“Siamo soddisfatti - commentano Gianni Boato della Femca Cisl Belluno Treviso e Massimo Messina della Filctem Cgil Treviso - ma non possiamo dimenticare l’amarezza di una trattativa iniziata male, durante la quale i lavoratori hanno vissuto costantemente con la frustrazione di non vedere riconosciuta la propria professionalità, con l'azienda che minacciava di rispondere alle legittime richieste di sbloccare un premio fermo da 8 anni con la chiusura dello stabilimento di Montebelluna. I dipendenti hanno vissuto per mesi con il timore di essere sostituibili e hanno subìto uno screditamento strumentale della loro professionalità. Un particolare ringraziamento va dato alle rsu, che con tenacia, hanno portato al tavolo della trattativa le aspettative dei loro colleghi”.
Dichiarazioni, però, accolte con stupore dalla dirigenza italiana dell'azienda, che le considera una provocazione e un tentativo "di esasperare strumentalmente il clima interno", ricordando come le richieste iniziali dei sindacati fossero "insostenibili". "Pur in un clima esasperato - scrive una nota del gruppo francese -, l’essere riusciti a firmare l’accordo conferma, ancora una volta, la volontà di Rossignol Lange (una delle poche aziende calzaturiere ad avere un contratto aziendale) di individuare soluzioni che diano risposte positive ai dipendenti con costi compatibili. La nostra posizione è stata sempre per il confronto, ponendo sul tavolo proposte concrete ed applicabili, con l’obiettivo primario di valorizzare le specificità di questo sito industriale, dove è ancora attiva una parte manifatturiera per i prodotti di alta gamma. E’ un vero made in Italy, che siamo rimasti tra i pochi a realizzare, e proprio per questo dobbiamo avere un’attenzione costante alla sostenibilità dei costi". La casamadre francese, assicurano i manager, ha intenzione di continuare a investire su Montebelluna, per rafforzarne il ruolo di centro di ricerca e sviluppo. "E’ importante però che vi sia un impegno condiviso che consenta anche in futuro di mantenere la competitività del sito di Montebelluna quale sede di competenze avanzate nell’industria della calzatura sportiva e non solo".