Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/248: PADRAIG HARRINGTON CAPITANO DELL'EUROPA IN RYDER CUP

Nel 2020 l'irlandese guiderà il team continentale nella sfida agli Usa


ROMA - Sarà l’irlandese Padraig Harrington, a svolgere la missione di Capitano europeo alla Ryder Cup 2020, prossimo appuntamento americano fra Europa e Stati Uniti. Harrington è stato scelto da un Comitato composto dagli ultimi tre capitani del massimo circuito europeo: Paul...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/247: I CAMPIONI DEL PGA INIZIANO L'ANNO ALLE HAWAII

L'outsider Schauffele trionfa nel torneo riservato ai 37 vincitori del circuito


MAUI - Al Plantation Course di Kapalua, è andato in scena l’evento riservato alla crema del PGA, cioè ai 37 che hanno vinto un torneo nel circuito della passata stagione. Il Sentry Tournament of Champions ha luogo sempre durante la prima settimana di gennaio, sempre nel medesimo...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/19: IL MOLINETTO GOLF & COUNTRY CLUB

Dai Celti agli Sforza, a Cernusco sul Naviglio si gioca tra la storia d'Italia


CERNUSCO SUL NAVIGLIO - Quello che colpisce maggiormente arrivando al Golf Molinetto, è di trovarsi all’improvviso in una realtà che si stacca completamente da tutto ciò che la circonda: il territorio tipico della Lombardia produttiva, dove la gente è soprattutto...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

I fondatori: "Ora puntiamo al mercato asiatico"

HBI, LA STARTUP TREVIGIANA DELL'ANNO TRIONFA ANCHE IN CINA

E' nelle prime 5 del concorso del ministero della Scienza di Pechino


TREVISO - La startup trevigiana dell'anno trionfa anche in Cine. Il 21 e 22 settembre si è tenuto a Xi’an, nelle repubblica cinese, l’Euroasian Economic Forum, conferenza internazionale organizzata dal ministero della Scienza e dell'innovazione di Pechino, insieme al ministero italiano dell’Istruzione, Il team Hbi sbarca in Cinauniversità e ricerca. Tra i temi trattati quello dell’innovazione e delle startup, nonché delle potenziali partnership tra imprese cinesi ed italiane. A rappresentare il Belpaese, insieme ad altre 15 neo-società e aziende avviate, è stata chiamata Hbi, impresa che nelle scorse settimane si era aggiudicata il riconoscimento di startup trevigiana del 2017, oltre ad aver superato le semifinali del concorso “China-Italy Innovation Entrepreneurship Competition 2017”. Durante il forum internazionale, si è tenuta la finalissima del concorso e la rappresentante della Marca si è piazzata tra le cinque migliori. “Siamo estremamente contenti di questo risultato - spiega l'amministratore delegato Daniele Basso - perché abbiamo conteso il podio con aziende già avviate da tempo. Questa rappresenta per noi l’ennesima conferma che il nostro business plan è solido e che le prospettive di crescita sono ottime. Il nostro obiettivo, in Cina, è ora di riuscire a stringere un accordo commerciale con un partner locale, per poterci aprire al mercato asiatico”.
Hbi, fondata dal ricercatore Daniele Basso, dall’imprenditore Renato Pavanetto, insieme alla società Carretta Srl, ha ingegnerizzato un materiale, chiamato Greenpeat, che può essere utilizzato sia come combustibile solido ad alto rendimento per la produzione di energia pulita rinnovabile, sia come substrato in grado di aumentare la produttività e la fertilità dei terreni, diminuendo l’uso di fertilizzanti chimici e acqua. Ma la vera innovazione di Hbi sta nel processo di produzione di Greenpeat: il materiale viene estratto in sole cinque ore dagli scarti organici biodegradabili, prodotti ad esempio dalle industrie agro-alimentari. Del team fanno attualmente parte anche Sara Sbroggiò, i fratelli Massimo, Giancarlo e Andrea Pavanetto e l’ingegner Alberto Serena.
“Ora ci stiamo confrontando con alcuni investitori per riuscire a chiudere un primo round di finanziamento, con il quale andremo a realizzare il primo impianto a scala industriale”, sottolinea Renato Pavanetto - ad ottobre saremo a Cipro per la finale internazionale del Climate KIC, dove ci confrontermo con startup di altri 35 paesi”.