Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/194: IN SUDAFRICA IL PENULTIMO ATTO DELL'EUROPEAN TOUR

Vittoria per l'indolo di casa Brendan Grace


Dopo il Turkish Open, giocato ad Antalya la scorsa settimana e conquistato da Justin Rose, siamo ora al Gary Player GC di Sun City (par 72) in Sudafrica, dove, dal 9 al 12 novembre, si disputa il Nedbank Golf Challenge penultimo atto dell’European Tour, e settimo degli otto eventi delle Rolex...continua

Cronaca
PILLOLE DI GOLF/193: IN OMAN SI CONCLUDE LA CORSA DEL CHALLENGE

In palio la "carta" per l'European Tour


MUSCAT - Ricordiamo brevemente cos’è il Challenge, chiamato un tempo Satellite. È un Tour organizzato dal PGA European Tour, con la serie di tornei di golf professionali. È finalizzato allo sviluppo e alla promozione degli atleti al Tour europeo, che si classificano in...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/192: JUSTIN ROSE, RIMONTA VINCENTE IN CINA

Il Wgc di Shanghai si decide solo nel giro finale


SHANGHAI - Sul percorso dello Sheshan International GC (par 72), a Shanghai, dal 26 al 29 ottobre, si è giocato il quarto e ultimo torneo stagionale, del World Golf Championship, il mini circuito mondiale, a cui sono stati ammessi appena 78 concorrenti, solo i grandi. Com’è...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

"Ennesima occasione persa per chiarire le responsabilitą"

"SUL CRACK DELLE BANCHE, LA VECCHIA POLITICA FA MURO CONTRO LA VERITĄ"

Il senatore Girotto contro la presidenza di Casini alla commissione d'inchiesta


TREVISO - “Siamo certi che anche questa volta i risparmiatori truffati dalle banche venete e dalle altre quattro popolari non avranno giustizia. Con l’indirizzo politico di Pieferdinando Casini la commissione d’inchiesta sul sistema bancario sarà l’ennesimo parafulmine per le banche". Commenta così l’elezione di Casini, il senatore del Movimento 5 Stelle Gianni Girotto, componente della commissione d’inchiesta parlamentare sulle banche.
"La responsabilità è tutta della vecchia politica, Pd in testa - ribadisce Girotto -. In modo compatto i partiti hanno eletto l’amico di Cesare Geronzi e il genero dell’ex vicepresidente e azionista di Mps Francesco Gaetano Caltagirone alla presidenza della commissione voluta dal M5S, che invece resta tagliato fuori”.
Il senatore trevigiano ricorda che Casini pochi mesi fa è entrato come socio nella fondazione bancaria Carisbo, azionista di Intesa San Paolo. "Questa è l’ennesima occasione persa per mettere la parola fine a una triste vicenda che vede coinvolti onesti cittadini e piccoli risparmiatori - sottolinea l'esponente pentastellato -. L'M5S ha lottato in questi mesi per avere la commissione d’inchiesta, ostacolata in ogni modo dagli altri partiti, per chiarire finalmente le responsabilità sui recenti crack bancari. Avevamo chiesto trasparenza. Hanno invece risposto ai cittadini con un bel tappeto di sabbia". “Se saremo al governo – conclude Girotto – quella commissione verrà immediatamente ripristinata con uno spirito diverso: alla ricerca della verità".