Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/271: MATTHEW JORDAN ALL'ULTIMO COLPO NELL'ITALIAN CHALLENGE

L'inglese si impone al playoff sull'azzurro Scalise


MONTEROSI (VT) - Usciamo per un po’ dagli schemi del PGA, e dell’European Tour, per vedere come vanno le cose con l’Italian Challenge. Il Challenge Tour è il tour di golf professionale maschile europeo di secondo livello. È gestito dal PGA European Tour e, come per...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/270: IL GOLF ABBRACCIA LA SOLIDARIETA’

A Ca' della Nave l'undicesimo Trofeo Par 108


MARTELLAGO - Non finisce di stupire il Par 108. È nato bene, ed è un continuo crescendo: per l’affiatamento dei soci, e la buona organizzazione. Domenica il loro Comitato ha programmato una Louisiana a quattro giocatori, 18 buche stableford sul percorso del Club di Ca della...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/269: SETTE AZZURRI IN GARA IN GERMANIA PER L'EUROTOUR

Con una spettacolare rimonta Andrea Pavan vince il Bmw International


MONACO DI BAVIERA (GER) - Edoardo Molinari, Guido Migliozzi, Nino Bertasio, Lorenzo Gagli, Andrea Pavan, Filippo Bergamaschi e Renato Paratore reduce quest’ultimo dall’US Open, sua prima esperienza in un major, scendono in campo al Golf Club München Eichenried di Monaco di Baviera,...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Analisi sul mercato del lavoro trevigiano della Cisl

CRESCONO I GIOVANI ASSUNTI, MA SONO TUTTI PRECARI

Calvagna: "Le imprese abbiano il coraggio di stabilizzare"


TREVISO - Il mercato del lavoro trevigiano mostra segnali di ripresa, trainato dal manifatturiero. Resta però il nodo giovani: in gran parte ancora assunti con contratti atipici.
Sono i fattori messi in evidenza dalla periodica analisi curata dalla Cisl Belluno Treviso.
Nella Marca, nei primi sei mesi dell'anno il saldo tra assunzioni e cessazioni è in attivo per 8.585 posizioni. Prosegue dunque il recupero rispetto al picco negativo di quasi 31mila posti persi toccato a fine 2014: a giugno il "deficit" è di 8.695 posizioni sui livelli pre-crisi, dimezzato rispetto ad un anno fa.  La risalita nel secondo trimestre dell'anno è dovuta soprattutto al sistema manifatturiero (più 70% di occupati nei tre mesi).
E ad entrare nelle aziende sono in particolare i giovani: nel trimestre gli under 30 registrano un saldo tra assunti e cessati pari a 2.125 unità, unica fascia d'età in crescita. Aumentano, però, anche i contratti in somministrazione: più 28%, saldo positivo di 1.290 unità. Due dati che sono in stretta correlazione, per Alfio Calvagna, componente della segreteria confederale interprovinciale della Cisl. I  giovani cioè vengono assunti prevalentemente con rapporti atipici: "Così si alimenta la precarietà", conferma Calvagna. Che si inserisce nel dibattito avviato dalla presidente di Unindustria Maria Cristina Piovesana, sulla difficoltà delle aziende a trovare giovani, nonostante la disoccupazione. "Se la crisi è passata, come affermano loro stessi, gli imprenditori abbiano il coraggio di buttarsela definitivamente alle spalle - nota Calvagna - e investano sui giovani collaboratori stabilizzandoli. Se si vuole ridare fiducia al territorio e rendere attrattiva l'industria, come dice Piovesana, occorre offrire forme che possano dare una prospettiva".
Per questo secondo la Cisl occorre favorire, ad esempio, l'utilizzo dei contratti di apprendistato. La somministrazione, al contrario, non riduce il costo del lavoro, ma consente alle imprese di non farsi carico degli oneri di selezione e gestione del personale, assicura maggiore flessibilità e permette maggior controllo sui lavoratori, sotto "ricatto" del timore di non venire rinnovati.
Tornando ai dati, boom anche del lavoro a chiamata, che passa dai 40 contratti del secondo trimestre 2016 al numero record di 1.695 dello stesso periodo del 2017, come evidente effetto dell'abolizione dei voucher.
Tutte le aree mostrano un miglioramento nei saldi delle posizioni da dipendente, escluse Treviso e Pieve di Soligo, i cui saldi nel 2016 erano rispettivamente 40 e 15, mentre nel 2017 erano in ordine meno 395 e meno 115. Per il capoluogo, tuttavia, pesano le cessazioni dei contratti degli insegnanti precari.