Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/248: PADRAIG HARRINGTON CAPITANO DELL'EUROPA IN RYDER CUP

Nel 2020 l'irlandese guiderà il team continentale nella sfida agli Usa


ROMA - Sarà l’irlandese Padraig Harrington, a svolgere la missione di Capitano europeo alla Ryder Cup 2020, prossimo appuntamento americano fra Europa e Stati Uniti. Harrington è stato scelto da un Comitato composto dagli ultimi tre capitani del massimo circuito europeo: Paul...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/247: I CAMPIONI DEL PGA INIZIANO L'ANNO ALLE HAWAII

L'outsider Schauffele trionfa nel torneo riservato ai 37 vincitori del circuito


MAUI - Al Plantation Course di Kapalua, è andato in scena l’evento riservato alla crema del PGA, cioè ai 37 che hanno vinto un torneo nel circuito della passata stagione. Il Sentry Tournament of Champions ha luogo sempre durante la prima settimana di gennaio, sempre nel medesimo...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/19: IL MOLINETTO GOLF & COUNTRY CLUB

Dai Celti agli Sforza, a Cernusco sul Naviglio si gioca tra la storia d'Italia


CERNUSCO SUL NAVIGLIO - Quello che colpisce maggiormente arrivando al Golf Molinetto, è di trovarsi all’improvviso in una realtà che si stacca completamente da tutto ciò che la circonda: il territorio tipico della Lombardia produttiva, dove la gente è soprattutto...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

I Carabinieri li hanno arrestati all'alba tra Treviso e Vicenza

SGOMINATA BANDA SPECIALIZZATA IN RAPINE IN CASA E SALE SLOT

Cinque sinti sono accusati di sei episodi


TREVISO - Sono accusati di aver compiuto una rapina in abitazione, “spaccate” ai danni di sale slot e furti d'auto: in tutto sei episodi accertati, tra novembre 2016 e gennaio 2017. I Carabinieri del comando provinciale di Treviso, su mandato della Procura trevigiana, hanno arrestato, nelle prime ore di mercoledì i componenti della banda, cinque cittadini italiani, di etnia sinti, residenti tra la Marca e la provincia di Vicenza..
Al termine di una complessa indagine, sono finiti in manette: K. B, 20 anni, residente a Gorgo al Monticano, F. B., 49 anni, e D. B, 29, zio e nipote, di Montebelluna, S. G., 22 anni, di Rosà (Vicenza) e S. B., 27 anni, di Vedelago. Quest'ultimo era già destinatario di un'ordinanza di carcerazione dovendo scontare oltre due anni per furto e resistenza a pubblico ufficiale. Ma tutti i soggetti hanno a carico precedenti di polizia.
Il fatto più grave, da cui è partita l'opera di investigazione, come ricorda il comandante provinciale Gaetano Vitucci, risale al 19 novembre dell'anno scorso: i malviventi erano entrati nottetempo, a volto scoperto, nella casa di un impiegato quarantenne a Castelfranco, avevano ferito l'uomo ad un avambraccio con un cacciavite e minacciando lui e la moglie di estrarre una pistola nascosta nel giubotto se non avessero ubbidito. Arraffatti 2.500 euro, telefonini e altri apparecchi elettronici, si erano dati alla fuga.
Ma ai cinque sono stati attribuiti anche tre colpi ad altrettante sale giochi: una a Pramaggiore, nel veneziano, a fine novembre 2016, e due in provincia di Pordenone, ad Azzano Decimo e Zoppola, a dicembre. In totale, i malviventi avevano raccolto un bottino di 15mila euro in contanti, 4mila euro sotto forma di tabacchi e 3mila euro di gratta e vinci, senza contare gli ingenti danni provocato sfasciando le vetrine a colpi di piccone e mazza. Il gruppo agiva sempre con notevole determinazione e velocità, arrivando sul posto e poi dileguandosi rapidamente anche grazie ad auto di grossa cilindrata. Due, in particolare, erano state rubate allo scopo proprio in quello stesso periodo: una Mercedes a Conegliano e una Toyota Celica a Quinto di Treviso.
Gli investigatori sono risaliti a loro mettendo insieme svariati elementi, a partire dalle immagini delle telecamere di videosorveglianza presenti nelle località interessate. L'indagine ha coinvolto diversi reparti dell'Arma sul territorio, oltre che, nell'ultima fase le unità cinofile di Torreglia e gli elicotteri del 14° Nec di Belluno, come ricordano il maggiore Salvatore Gueli e il luogotenente comandante della Compagnia e del Nucleo Operativo Radiomobile di Conegliano. Gli arresti sono stati convalidati dal Gip.

Galleria fotograficaGalleria fotografica