Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/302: FRATELLO E SORELLA IN GARA NELLO STESSO TORNEO

All'Isps Handa Open in Australia in contemporanea field maschile e femminile


AUSTRALIA - Siamo al terzo torneo stagionale del Ladies PGA Tour: l'Isps Handa Vic Open realizzato in collaborazione con Australian Ladies Professional Golf, in programma sui due percorsi del 13th Beach Golf Links (Beach Course, e Creek Course), in Australia. a Geelong nello Stato del Victoria. In...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/301: SAUDI INTERNATIONAL NEL SEGNO DI G-MAC

Graeme McDowell conquista la tappa in Arabia Saudita dell'European Tour


EDDA - Siamo in Arabia Saudita, al Royal Greens King Abdullah Economic City, vicino a Gedda, polemizzata sede della Supercoppa Juve - Milan del 16 gennaio scorso. Alcuni grandi Campioni hanno rinunciato a giocare, nonostante che oltre ai premi in palio, avrebbero ricevuto rilevanti premi di...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/300: PRIMA VITTORIA DA PRO PER L'EX CALCIATORE LUCA HERBET

L'australiano si impone a sorpresa nel Dubai Desert Classic


DUBAI - Concluso il Championship di Abu Dhabi, l’European Tour è rimasto ancora negli Emirati Arabi Uniti, per la disputa dell’Omega Dubai Desert Classic. Si gioca sul percorso dell’Emirates GC, a Dubai, con sei italiani in campo: Edoardo Molinari, Andrea Pavan, Renato...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Il bilancio di Confagricoltura: rese inferiori a causa delle gelate

PROSECCO, PRODUZIONE IN CALO, MA AUMENTANO I PREZZI

Il doc supera i 2 euro al litro, il docg sfiora i 3 euro


TREVISO - Produzione in calo del 20%, ma prezzi in impennata per il Prosecco: il doc supera l’asticella dei 2 euro per litro (alla produzione) e va ad assestarsi in una forbice tra 1,85 e 2,10, il docg Asolo oscilla in media tra 2,35 e 2,45 e il Conegliano-Valdobbiadene docg tra 2,75 e 2,95. Un aumento dovuto, da un lato, alla produzione di uva inferiore all’anno scorso a causa delle gelate di aprile e alla mancanza di riserva vendemmiale, e dall’altro alla grande richiesta del mercato, che nei primi 8 mesi del 2017 ha visto salire le vendite del 8,1%.
A vendemmia da poco ultimata, quello che si prospetta è un bilancio alla fine positivo secondo Lodovico Giustiniani, presidente di Confagricoltura Treviso, sottolinea: “La stagione era cominciata con le gelate di aprile che ci avevano dato grande preoccupazione – dice il presidente – ed è proseguita con un andamento afoso tra giugno e luglio che ha messo sotto stress le piante. Abbiamo però avuto buone piogge, tra fine agosto e settembre, che ci hanno aiutato e i risultati in conclusione sono buoni: l’uva è sana e di qualità buona e il Prosecco ha mantenuto l’acidità, importante per garantire la freschezza al vino. Le rese produttive, come in tutto il Veneto e in Italia, hanno subito un calo, che però per quanto ci riguarda è stato inferiore rispetto a quello di altre regioni e, secondo le prime stime, andrà ad attestarsi attorno a un meno 20% di resa rispetto all’annata precedente”.
Il calo della produzione è, tuttavia, compensato almeno in parte dal rialzo dei prezzi: “Stiamo vivendo momenti di mercato molto favorevole e sicuramente la minore resa sta creando qualche tensione sui prezzi - conclude il leader dell'associazione imprenditoriale agricola -. Quello che conta è che la domanda di prodotto c’è. Bisogna solo stare attenti a non andare fuori mercato, attestandosi su un prezzo congruo".
Pierclaudio De Martin, presidente dei viticoltori di Confagricoltura Treviso, ricorda che l’accordo sottoscrittoin luglio dal Consorzio del Prosecco doc con imbottigliatori e trasformatori va in questa direzione: "Ci siamo impegnati a concludere contratti su base triennale in modo da dare stabilità al sistema. In questo modo si può dare equilibrio all’imbottigliatore, che può fare con anticipo il suo business plan basandosi su un prezzo massimo, e garantire contestualmente al produttore una remunerazione gratificante e stabile per un triennio. L’aumento delle quotazioni dell’8,1 % e il rialzo causato dal calo di produzione hanno, però, determinato una fibrillazione del mercato, che ora auspichiamo vada risolvendosi con una equa mediazione sul prezzo".