Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/288: TRIONFO DA RECORD IN GIAPPONE PER TIGER WOODS

La "Tigre" raggiunge il mito Snead con 82 titoli sul circuito


Non finisce di stupire Tiger Woods, il grande Campione. Eccolo allo Zozo Championship, giocato sul par 70 dell'Accordia Golf Narashino a Chiba, l’evento con cui il PGA Tour fa il suo esordio in Giappone. Aveva un obiettivo Tiger Woods: raggiungere Sam Snead, che lo avanzava di un solo titolo...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/287: ALL'ALBENZA IL CAMPIONATO INDIVIDUALE AIGG

Dario Bartolini si aggiudica il titolo italiano asoluto


BERGAMO - A conclusione del nostro challenge, è il momento del Campionato individuale 2019. Siamo ad Almenno San Bartolomeo, nel Bergamasco, al Golf Club Albenza. Il Campo copre 85 ettari di delicate colline in direzione delle Prealpi lecchesi, su cui si snodano 27 buche nate da più...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/286: L'OPEN D'ITALIA PER LA PRIMA VOLTA PARLA AUSTRIACO

All'Olgiata si impone Bernd Wiesberger, sotto tono Chicco Molinari


ROMA - Eccoci giunti al più grande appuntamento italiano dell’anno con il Golf: la 76esima edizione dell’OPEN D’ITALIA. A ospitarla è l’Olgiata Golf Club di Roma,nel percorso di gara, par 71, su quei terreni dove pascolava Ribot; un Open da gustare dalla...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Si rinnova la proficua collaborazione con l’architetto Tobia Scarpa

FONDAZIONE BENETTON RIAPRE LA CHIESA DI SAN TEONISTO

Spazio adatto sia a concerti che a mostre grazie alle tribune reclinabili


TREVISO - Uno spazio adatto sia a concerti e conferenze, sia a mostre ed esposizioni artistiche. Riapre la chiesa di San Teonisto in via San Nicolò. Il restauro dell’edificio nel centro storico di Treviso, fortemente voluto da Luciano Benetton, è giunto al termine e riconsegna alla città un importante patrimonio storico per lo svolgimento di attività culturali.

Le nuove esigenze funzionali di San Teonisto hanno trovato soluzione nella realizzazione di due tribune reclinabili che, quando sollevate, consentono di adibire l’aula della chiesa a sala da musica e auditorium, per una capienza complessiva di 300 persone.
Per questo complesso intervento, iniziato alla fine del 2014, si rinnova la proficua collaborazione con l’architetto Tobia Scarpa, nata negli anni sessanta con il restauro di villa Minelli, sede operativa del Gruppo Benetton.

L’intero progetto è impreziosito da tutti i dettagli architettonici di Tobia Scarpa, tra cui svettano i quattro lampadari in vetro soffiato presenti nell’aula, le sedute delle tribune e della platea, l’allestimento del cortile di ingresso e la nuova scala in ferro e legno dell’ex sacrestia.

La chiesa restaurata troverà a breve la sua collocazione tra gli spazi della cultura di Treviso con un calendario di eventi adatto alla sua nuova identità e riaccoglierà le opere d’arte che lo decoravano, grazie a una felice quanto veloce intesa con il Comune di Treviso che le ha custodite per quasi un secolo nei Musei civici.



IL RESTAURO

Le soluzioni progettuali adottate consentono di ottenere la duplice configurazione funzionale dello spazio come sala espositiva e auditorium. Nel primo caso, le tribune sono nascoste e la pavimentazione sopraelevata è continua su tutta l’area, permettendo di allestire mostre temporanee e di mantenere inalterata la leggibilità dello spazio architettonico. Nella configurazione ad auditorium le tribune sono sollevate e occupano il fondo della chiesa, mentre il resto dell’aula ospita una platea di sedie, per una capienza complessiva fino a trecento persone. Tutte le nuove parti strutturali, comprese quelle in legno e ferro delle tribune, sono state realizzate con elevate caratteristiche di resistenza al fuoco.

Il nuovo soffitto si regge su un’apposita struttura realizzata con travi metalliche vincolate ai muri d’ambito e resa indipendente dalla sovrastante copertura a capriate lignee. Il progetto di restauro ha previsto che la ricostruzione seguisse l’originale andamento del soffitto crollato ricavandone il profilo da semicentine perimetrali esistenti. Una sottile fessura sottolinea il distacco tra la parte ricostruita e quella originaria anche mediante una differenza cromatica. Lo spazio tra il nuovo controsoffitto e le capriate della copertura ospita gli impianti di destratificazione dell’aria e una passerella tecnica per la manutenzione. I lacerti pittorici originali presenti sulle pareti, appartenenti al ciclo del Guarana che affrescava il soffitto, sono stati interamente restaurati. L’intervento conservativo ha interessato anche tutte le parti lapidee della chiesa.

Attigua all’aula si trova l’ex sacrestia, parzialmente ricostruita poiché priva del tetto e del solaio. L’edificio è composto da un piano terra e piano primo collegati da una nuova scala in ferro e legno. Al piano terra gli stucchi originali sono stati recuperati integrando le parti mancanti con un’attenta opera di restauro. Il volume adiacente all’ex sacrestia, ricostruito sul sedime originale di un corpo realizzato negli anni settanta ad unico piano, ospita all’interno i locali tecnici e in copertura le unità esterne degli impianti di climatizzazione, opportunamente mascherati da un dogato metallico in corten. L’intero complesso della chiesa è accessibile da un piccolo cortile di proprietà attraverso un cancello metallico. L’ingresso è inserito in un portale di mattoni facciavista, che è stato restaurato lasciandone visibili i segni dovuti ai crolli del bombardamento. Il cortile è delimitato dal prospetto della chiesa, dal fronteggiante Istituto Diocesano di musica e da un nuovo muro composto dal susseguirsi ritmico di corsi orizzontali in mattoni e cemento. Il nuovo muro divide la proprietà di Fondazione dal vicino Seminario Vescovile. Nel cortile, che funge da foyer all’aperto, è collocata un’installazione di quattro colonne, provenienti da un altro edificio, poste sul basamento ai piedi del nuovo muro. Tre colonne sono sormontate da un antico capitello ionico mentre la quarta da una scultura composta da un piano verticale in vetro serigrafato, bordato in corten, raffigurante l’originale bassorilievo da cui è tratto il logo istituzionale di Fondazione Benetton Studi Ricerche.