Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/227: JUSTIN THOMAS SENZA RIVALI AL BRIDGESTONE INVITATIONAL

Il terzo evento del circuito World Golf Championship


AKRON (USA) - È Francesco Molinari a godere il favore degli spettatori. Lo divide con il leader mondiale Dustin Johnson, che di WGC ne ha già conquistati cinque. Anche Tiger Woods, riemerso grazie alla bella prestazione nell’Open Championship, è atteso con...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/226: UN BEL COMPLEANNO FESTEGGIATO SUL FAIRWAY

Torneo e party in onore di Luigino Conti, patron di Ca' della Nave


MARTELLAGO - Una Louisiana a due, per festeggiare il genetliaco di Luigino Conti, direttore del Club Cà della Nave, persona che sa farsi benvolere.Luigino, che ormai da tre anni ha assunto la dirigenza del Circolo trovando nel suo cammino un mare di difficoltà, è riuscito a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/225: CON L'ACI SI GIOCA NEL BOSCO DELLA SERENISSIMA

Al Golf Cansiglio il torneo promosso dall'Automobile Club


TAMBRE D'ALPAGO - L’Automobile Club d’Italia ha cura dei propri soci: al di là del suo compito d’istituto su tutto quanto è attinente all’automobile, mette a loro disposizione un Campionato italiano di Golf, che gira da aprile ad agosto, su 28 tra i...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

"E non deve essere un tabł abbattere gli edifici inadeguati"

L'APPELLO DEGLI INDUSTRIALI: "SOSTEGNI PER LA RIQUALIFICAZIONE"

Riparte la riflessione sul futuro di capannoni e aree industriali


TREVISO - Riconvertire, riqualificare, in taluni casi anche abbattere. Di certo, ripensare i moltissimi capannoni (ma non solo) disseminati nella Marca e nel Veneto. Unindustria Treviso e Confindustria Padova rilanciano la riflessione sul futuro del territorio. L'hanno fatto con un convegno intitolato "FabbricAzione" ospitato non a caso nell'ex area industriale Pagnossin, dove oggi il gruppo Zanardo ha ricavato uno suo centro per la logistica farmaceutica, ma dove soprattutto è allo studio un progetto di recupero legato all'arte, al turismo, alle eccellenze tipiche.
Altri siti e intere aree da riqualificare non mancano in una provincia, per parlare solo del Trevigiano, in cui esistono 51 milioni di metri cubi di immobili in disuso e un migliaio di zone produttive.
Al di là della denuncia, dagli industriali trevigiani e patavini l’invito a ragionare su regole e progetti che guardino alle migliori esperienze italiane ed europee di recupero di aree produttive e insieme elaborino un modello adatto alla ‘città diffusa’ che caratterizza il Nord Est.
Molto qualificati i relatori: Mariarosa Barazza Presidente Associazione Comuni della Marca Trevigiana, Bruno Barel Professore Università di Padova, Dipartimento di Diritto Pubblico, Internazionale e Comunitario, Giancarlo Corò Professore Università Ca' Foscari Venezia, Dipartimento di Economia, Marco Ferrari Università Iuav di Venezia, Dipartimento di Progettazione e pianificazione in ambienti complessi. A seguire la testimonianza del Sindaco di Reggio Emilia, Luca Vecchi, che presenta il caso delle Officine Reggiane. Intervengono il Presidente della Regione Veneto Luca Zaia e l’architetto Flavio Albanese.