Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/248: PADRAIG HARRINGTON CAPITANO DELL'EUROPA IN RYDER CUP

Nel 2020 l'irlandese guiderà il team continentale nella sfida agli Usa


ROMA - Sarà l’irlandese Padraig Harrington, a svolgere la missione di Capitano europeo alla Ryder Cup 2020, prossimo appuntamento americano fra Europa e Stati Uniti. Harrington è stato scelto da un Comitato composto dagli ultimi tre capitani del massimo circuito europeo: Paul...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/247: I CAMPIONI DEL PGA INIZIANO L'ANNO ALLE HAWAII

L'outsider Schauffele trionfa nel torneo riservato ai 37 vincitori del circuito


MAUI - Al Plantation Course di Kapalua, è andato in scena l’evento riservato alla crema del PGA, cioè ai 37 che hanno vinto un torneo nel circuito della passata stagione. Il Sentry Tournament of Champions ha luogo sempre durante la prima settimana di gennaio, sempre nel medesimo...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/19: IL MOLINETTO GOLF & COUNTRY CLUB

Dai Celti agli Sforza, a Cernusco sul Naviglio si gioca tra la storia d'Italia


CERNUSCO SUL NAVIGLIO - Quello che colpisce maggiormente arrivando al Golf Molinetto, è di trovarsi all’improvviso in una realtà che si stacca completamente da tutto ciò che la circonda: il territorio tipico della Lombardia produttiva, dove la gente è soprattutto...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Tre studenti del liceo Da Vinci di Treviso tra i vincitori juniores

I VENETI BORTOLUZZI E PANFIDO SUL PODIO DEL MAZZOTTI 2017

Premiato anche lo storico Alessandro Vanoli


TREVISO - Sono i veneti Antonio Bortoluzzi con "Paesi alti" per la sezione "Montagna: cultura e cività" e Isabella Panfido con "Lagunario" per "Finestra sulle Venezie", per opere riguardanti aspetti della cività e della cultura territoriale  ed ambientale del mondo veneto, e lo storico Alessandro Vanoli con "L'ignoto davanti a noi. Sognare terre lontane", per la sezione "Esplorazione - viagi", i vncitori del XXXV Premio letterario Gambrinus "Giuseppe Mazzotti" 2017.
Noivtà di quest'anno, la giuria ha assegnato anche un premio speciale a "Guant, abbigliamento tradizionale in Val di Fassa", a cura di Fabio Chiocchetti, mentre un premio honoris causa è andato alla scrittrice e ambientalista trevigiana, da anni residente in Kenia, Kuki Gallmann.
Il Mazzotti Juniores, il premio riservato agli studenti delle superiori, ha visto trionfare il Liceo scientifico Leonardo Da Vinci di Treviso, con ben tre propri rappresentanti tra i cinque vincitori.
Intanto l'elaborato di uno dei premiati 2016, diventa un romanzo edito dalla casa editrice trevigiana Michael Edizioni: è "Il dio del mare" di Luca Maggio Zanon.
Le tre opere finaliste, scelte tra 132 libri provenienti da 71 case editrici, si contenderanno nel corso della cerimonia finale al Parco Gambrinus di San Polo di Piave, il prossimo 18 novembre, il premio finale "La voce dei lettori" del valore di 3mila euro, assegnato da una giuria popolare di 40 membri.
Due dei tre volumi saliti sul podio sono un elogio alla terra di Bepi Mazzotti, il Veneto,  e ai suoi molteplici paesaggi, in cui è ancora possibile scoprire qualcosa di nuovo: Bortoluzzi con il suo romanzo (Edizioni Biblioteca dell'Immagine 2015) ci porta nei borghi sperduti di montagna degli anni '50, una comunità antica e immobile all'alba del boom economico, che l'autore esplora, con anche un certo rimpianto, attraverso lo sguardo e le vicende del giovane Tonìn. Isabella Panfido (Editrice Santi Qaranta 2016) guida il lettore da un'isola all'altra della Laguna veneziana: "un inconsueto percorso tra le isole minori e misconosciute della laguna - scrive la giuria nella sua motivazione - per ciascuna delle quali vengono delinetati, con acuta leggerezza e abili tratti, storia, paesaggio, caratteristiche naturali, che si trasformano in deliziosi miti e piccole storie".
La terza opera vincitrice (Società editrice Il Mulino, 2017) è un excursus tra le grandi scoperte storiche che possono raccontare qualcosa del rapporto secolare tra scoperta e fantasia, lasciando aperto un quesito "Non abbiamo più nulla da esplorare?".