Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/194: IN SUDAFRICA IL PENULTIMO ATTO DELL'EUROPEAN TOUR

Vittoria per l'indolo di casa Brendan Grace


Dopo il Turkish Open, giocato ad Antalya la scorsa settimana e conquistato da Justin Rose, siamo ora al Gary Player GC di Sun City (par 72) in Sudafrica, dove, dal 9 al 12 novembre, si disputa il Nedbank Golf Challenge penultimo atto dell’European Tour, e settimo degli otto eventi delle Rolex...continua

Cronaca
PILLOLE DI GOLF/193: IN OMAN SI CONCLUDE LA CORSA DEL CHALLENGE

In palio la "carta" per l'European Tour


MUSCAT - Ricordiamo brevemente cos’è il Challenge, chiamato un tempo Satellite. È un Tour organizzato dal PGA European Tour, con la serie di tornei di golf professionali. È finalizzato allo sviluppo e alla promozione degli atleti al Tour europeo, che si classificano in...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/192: JUSTIN ROSE, RIMONTA VINCENTE IN CINA

Il Wgc di Shanghai si decide solo nel giro finale


SHANGHAI - Sul percorso dello Sheshan International GC (par 72), a Shanghai, dal 26 al 29 ottobre, si è giocato il quarto e ultimo torneo stagionale, del World Golf Championship, il mini circuito mondiale, a cui sono stati ammessi appena 78 concorrenti, solo i grandi. Com’è...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Sabato un convegno dedicato a specialisti, ma anche alle famiglie

MIASTENIA, 160 PAZIENTI SEGUITI ALL'OSPEDALE CA' FONCELLO DI TREVISO

Da un anno attivo un ambulatorio per la malattia neurologica


TREVISO - Sono circa 160 le persone affette da miastenia seguite dall’Ambulatorio dedicato, attivo presso l’Unità Operativa di Neurologia dell’Ospedale di Treviso. A loro, ai familiari ma, anche a medici, specialisti, infermieri è dedicato il corso “Miastenia: gestione condivisa con il paziente”, in programma sabato 21 ottobre. L’evento, che si terrà presso l’Auditorium del Ca’ Foncello dalle 9, è organizzato dall’Ulss 2 in collaborazione con l’Associazione Miastenia (www.assmiastenia.it)
“La Miastenia Gravis - spiega Marco Bonifati, direttore Unità Operativa di Neurologia - è una malattia autoimmune della trasmissione neuromuscolare, causata da anticorpi contro una proteina della membrana muscolare. La distruzione e la conseguente riduzione di questa proteina (il recettore nicotinico dell'acetilcolina), impedisce una corretta trasmissione degli impulsi tra nervo e muscolo. I sintomi principali sono la stanchezza e l'affaticabilità dopo esercizio, che migliorano con il riposo. La debolezza muscolare è fluttuante e può colpire qualsiasi muscolo del corpo. Queste caratteristiche, insieme alla rarità della malattia, rendono la diagnosi a volte molto difficile. In relazione ai muscoli colpiti i sintomi possono essere a livello oculare (caduta della palpebra e vista doppia), bulbare (difficoltà a deglutire, masticare, parlare) o sistemico (difficoltà e fatica alle braccia o alle gambe). Nei casi più gravi vi può essere coinvolgimento dei muscoli respiratori. Le terapie, seppur complesse e prolungate, sono in grado di portare ad una remissione nella maggior parte dei casi. La prevalenza della malattia è di circa 150-200 casi per milione di abitanti e recentemente è entrata a far parte della malattie rare”.

Per seguire al meglio i pazienti affetti da miastenia dal 2016 è stato attivato, nell’ambito dell’Unità Operativa di Neurologia del Ca’ Foncello, l’Ambulatorio dedicato, cui fanno riferimento anche molte persone provenienti da fuori Ulss. “Il corso - spiega Bonifati - è rivolto, in primis, ai pazienti e ai loro familiari. Essendo la miastenia una patologia cronica che prevede l’utilizzo di terapie complesse, la collaborazione attiva e consapevole del paziente è fondamentale nella gestione della malattia e nei risultati che si possono raggiungere. Un paziente che conosce la propria malattia sarà in grado di gestire al meglio la malattia stessa e le ricadute che essa può avere sul suo equilibrio psico-fisico e sugli aspetti sociali. La conoscenza può evitare fenomeni di scarsa compliance o di abuso di farmaci e rafforzare quell’alleanza terapeutica tra medico e paziente indispensabile per ottenere i maggiori benefici dalle terapie oggi disponibili”.