Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/194: IN SUDAFRICA IL PENULTIMO ATTO DELL'EUROPEAN TOUR

Vittoria per l'indolo di casa Brendan Grace


Dopo il Turkish Open, giocato ad Antalya la scorsa settimana e conquistato da Justin Rose, siamo ora al Gary Player GC di Sun City (par 72) in Sudafrica, dove, dal 9 al 12 novembre, si disputa il Nedbank Golf Challenge penultimo atto dell’European Tour, e settimo degli otto eventi delle Rolex...continua

Cronaca
PILLOLE DI GOLF/193: IN OMAN SI CONCLUDE LA CORSA DEL CHALLENGE

In palio la "carta" per l'European Tour


MUSCAT - Ricordiamo brevemente cos’è il Challenge, chiamato un tempo Satellite. È un Tour organizzato dal PGA European Tour, con la serie di tornei di golf professionali. È finalizzato allo sviluppo e alla promozione degli atleti al Tour europeo, che si classificano in...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/192: JUSTIN ROSE, RIMONTA VINCENTE IN CINA

Il Wgc di Shanghai si decide solo nel giro finale


SHANGHAI - Sul percorso dello Sheshan International GC (par 72), a Shanghai, dal 26 al 29 ottobre, si è giocato il quarto e ultimo torneo stagionale, del World Golf Championship, il mini circuito mondiale, a cui sono stati ammessi appena 78 concorrenti, solo i grandi. Com’è...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Treviso, negli edifici riscaldamento a non più di 18°

DAL 30 OTTOBRE LIMITI AI VEICOLI CON MOTORI FINO AD EURO 2

Il sindaco Manildo ha firmato l'ordinanza anti-smog


TREVISO - Al fine di contrastare i livelli critici raggiunti dalla concentrazione di rifiuti gassosi nell’aria, il sindaco di Treviso Giovanni Manildo ha firmato questa mattina l’ordinanza antismog, che sarà applicata dal 30 ottobre 2017 al 30 aprile 2018 su tutto il territorio comunale, ad eccezione della tangenziale sud.
L’ordinanza si rende necessaria per tutelare la salute dei cittadini, dal momento che le polveri fini (Pm10 e Pm2,5) possono comportare gravi patologie dell’apparato respiratorio e malattie cardiovascolari, e risponde alle direttive europee e regionali in tema di tutela e risanamento dell’atmosfera, oltre ad essere conforme al “nuovo Accordo di programma per l’adozione coordinata e congiunta di misure per il miglioramento della qualità dell’aria del bacino padano”, stipulato lo scorso giugno tra il Ministero dell’Ambiente e la Regione Veneto.
L’ordinanza prevede una serie di provvedimenti, in particolare nell’ambito del traffico urbano e della combustione di biomassa.

DIVIETI DI CIRCOLAZIONE
Ogni giorno dal lunedì al venerdì, dalle 8:30 alle 12:30 e poi dalle 14:30 alle 18:30, stop a tutte le autovetture e agli autoveicoli diesel e benzina che rispondono alla direttiva Cee Euro 2 e precedenti, e ai ciclomotori e motoveicoli a due tempi Euro 0 e precedenti. Sarà inoltre obbligatorio spegnere i motori durante la sosta prolungata (carico/scarico, particolari impianti semaforici o passaggi a livello…).

Il divieto è sospeso nel periodo natalizio (dal 18 dicembre al 5 gennaio), il giorno della tradizionale sfilata dei carri di Carnevale, ogni martedì mattina a causa del mercato in Piazza del Grano e Borgo Mazzini e nei giorni festivi infrasettimanali. Non si applica inoltre a tutta una serie di veicoli (lavoratori con permesso di circolazione o di transito, car pooling certificato, veicoli di servizio o di assistenza, autovetture dirette al pronto soccorso e altri ancora) indicati nell’ordinanza pubblicata nell’Albo Pretorio del Comune di Treviso.

RESTRIZIONI ALL’USO DEL RISCALDAMENTO
Tutti i giorni dal 30 ottobre 2017 al 30 aprile 2018, 24 ore su 24 e sull’intero territorio comunale, la media ponderata della temperatura nei singoli ambienti riscaldati non deve superare i 18°C (più 2° C di tolleranza), e i 16° C (più 2° C di tolleranza) negli edifici adibiti ad attività industriali o artigianali. È inoltre vietato tenere le porte aperte dei bar o degli esercizi commerciali, né è possibile riscaldare garage, cantine e scale, o utilizzare generatori di calore domestici alimentati a biomassa legnosa che non rispondano almeno alle prestazioni energetiche ed emissive della classe “3 stelle”, in base alla classificazione ambientale introdotta dalla DGRV 1908/2006. Anche in questo caso, le deroghe sono pubblicate nell’Albo Pretorio.

Chiunque verrà colto in infrazione rispetto alle disposizioni dell’ordinanza incorrerà in sanzioni amministrative e pecuniarie.