Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/194: IN SUDAFRICA IL PENULTIMO ATTO DELL'EUROPEAN TOUR

Vittoria per l'indolo di casa Brendan Grace


Dopo il Turkish Open, giocato ad Antalya la scorsa settimana e conquistato da Justin Rose, siamo ora al Gary Player GC di Sun City (par 72) in Sudafrica, dove, dal 9 al 12 novembre, si disputa il Nedbank Golf Challenge penultimo atto dell’European Tour, e settimo degli otto eventi delle Rolex...continua

Cronaca
PILLOLE DI GOLF/193: IN OMAN SI CONCLUDE LA CORSA DEL CHALLENGE

In palio la "carta" per l'European Tour


MUSCAT - Ricordiamo brevemente cos’è il Challenge, chiamato un tempo Satellite. È un Tour organizzato dal PGA European Tour, con la serie di tornei di golf professionali. È finalizzato allo sviluppo e alla promozione degli atleti al Tour europeo, che si classificano in...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/192: JUSTIN ROSE, RIMONTA VINCENTE IN CINA

Il Wgc di Shanghai si decide solo nel giro finale


SHANGHAI - Sul percorso dello Sheshan International GC (par 72), a Shanghai, dal 26 al 29 ottobre, si è giocato il quarto e ultimo torneo stagionale, del World Golf Championship, il mini circuito mondiale, a cui sono stati ammessi appena 78 concorrenti, solo i grandi. Com’è...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Alla base un progetto degli studenti vincitore del concorso del ministero

LA GRANDE GUERRA RISCOPERTA NELLE VECCHIE CARTE TOPOGRAFICHE

Da sabato una mostra al museo di Maserada


MASERADA - Dalle mappe dell'epoca ai segni ancora presenti sul territorio per scoprire o riscoprire, attraverso itinenari ed escursioni, i luoghi del primo conflitto mondiale.
E' il tema al centro della mostra "Segni di terra. La cartografia nella Grande guerra", che verrà inaugurata sabato a Maserada sul Piave.
La rassegna è stata ideata grazie alla collaborazione tra il Museo di Maserada, il locale Istituto comprensivo, la Rete delle GeoStorie a scala locale (che riunisce varie scuole) e l’Itis Max Planck di Villorba. L’idea alla base dell'iniziativa era quella di far interagire la scuola con il museo, intrecciando i percorsi didattici all’interno di una ricerca sulla cartografia di guerra. Il progetto è risultato vincitore del concorso nazionale “Progetti didattici nei musei, nei siti di interesse archeologico, storico e culturale o nelle istituzioni culturali e scientifiche”, indetto dal ministero dell'Istruzione, ottenendo un finanziamento di 35mila euro.

Gli allievi di quattro classi di III media e il gruppo di lavoro formato da alcuni studenti dell’istituto Planck hanno sviluppato una app per la consultazione mobile delle informazioni riguardanti le peculiarità del museo e delle sue iniziative.
"La mostra – spiega il sindaco Anna Sozza – è caratterizzata da diversi livelli espositivi: la mostra tematica, pensata per un’utenza standard, la mostra per la scuola, realizzata per la fruizione da parte degli studenti, e la mostra della scuola con percorsi espositivi nei quali le scuole presentano le attività didattiche progettate e realizzate". L’esposizione diventa così un’occasione non solo per esplorare il territorio alla ricerca di testimonianze della Grande Guerra, ma anche per approfondire la conoscenza dei luoghi e delle realtà sociali che caratterizzano l’area del Piave.
A precedere il taglio del nastro al museo, si terrà, a partire dalle 9.30, un convegno di approfondimento all'auditorium Vidotto.