Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/194: IN SUDAFRICA IL PENULTIMO ATTO DELL'EUROPEAN TOUR

Vittoria per l'indolo di casa Brendan Grace


Dopo il Turkish Open, giocato ad Antalya la scorsa settimana e conquistato da Justin Rose, siamo ora al Gary Player GC di Sun City (par 72) in Sudafrica, dove, dal 9 al 12 novembre, si disputa il Nedbank Golf Challenge penultimo atto dell’European Tour, e settimo degli otto eventi delle Rolex...continua

Cronaca
PILLOLE DI GOLF/193: IN OMAN SI CONCLUDE LA CORSA DEL CHALLENGE

In palio la "carta" per l'European Tour


MUSCAT - Ricordiamo brevemente cos’è il Challenge, chiamato un tempo Satellite. È un Tour organizzato dal PGA European Tour, con la serie di tornei di golf professionali. È finalizzato allo sviluppo e alla promozione degli atleti al Tour europeo, che si classificano in...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/192: JUSTIN ROSE, RIMONTA VINCENTE IN CINA

Il Wgc di Shanghai si decide solo nel giro finale


SHANGHAI - Sul percorso dello Sheshan International GC (par 72), a Shanghai, dal 26 al 29 ottobre, si è giocato il quarto e ultimo torneo stagionale, del World Golf Championship, il mini circuito mondiale, a cui sono stati ammessi appena 78 concorrenti, solo i grandi. Com’è...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

L'opereazione eseguita dall'equipe di Cardiologia

INTERVENTO CHIRURGICO INNOVATIVO A CONEGLIANO

Riaperta l'aorta di un'anziana paziente


CONEGLIANO - L’unità operativa di Cardiologia dell’ospedale di Conegliano, diretta dal dottor Roberto Mantovan, ha eseguito nei giorni scorsi un intervento di valvuloplastica aortica percutanea, utilizzando un approccio innovativo.  "La valvuloplastica aortica - spiega il primario - è un intervento che si rende necessario nei casi di stenosi aortica severa, una malattia degenerativa della valvola aortica sempre più frequente nella popolazione anziana, che causa un grave peggioramento della qualità di vita e un elevato rischio di scompenso cardiaco, talora irreversibile".
"La valvuloplastica permette di dilatare la valvola - ribadisce il medico -, senza la necessità di un intervento chirurgico a cuore aperto, ma semplicemente attraverso la puntura di un’arteria, attraverso la quale un pallone miniaturizzato viene portato fino al cuore e gonfiato per aprire la valvola stenotica. L’arteria usata è generalmente l’arteria femorale, per le sue grosse dimensioni e la facilità di puntura: questo approccio porta con sé un elevato rischio di emorragia e un lungo tempo di allettamento successivo alla procedura".
Per ridurre tali rischi, considerando l’età avanzata della paziente e la necessità di assumere una terapia anticoagulante orale, i cardiologi di Conegliano hanno eseguito l’intervento in anestesia locale, utilizzando l’arteria radiale, punta a livello del polso, in modo da evitare rischi di sanguinamento. La paziente è stata messa in poltrona già poche ore dopo l’intervento, ha potuto riprendere a breve la consueta terapia. Questo approccio, inoltre permette una dimissione precoce e un rapido rientro alla vita normale. La procedura è stata eseguita dal dottor Andrea Pavei e dal dottor Gerlando Preti, con l’ausilio dell’équipe infermieristica e dei colleghi della Rianimazione. L’ottima riuscita dell’intervento – conclude Mantovan - consente di prevedere notevoli vantaggi per tutti i pazienti che, in futuro avranno bisogno di questo tipo di procedura”.