Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/231: A BIELLA IL CAMPIONATO DEI GIOVANI TALENTI DEDICATO A TEODORO SOLDATI

Lucas Fallotico vince il 12° Reply International under 16


BIELLA - A ospitare la gara è il Golf Club “Le Betulle”, campo realizzato alla fine degli anni 50 sulla collina morenica della Serra, la più lunga d’Europa, un ambiente ideale per il golf. Situato a un’altitudine di 590 metri slm, Il Campo, è un...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/230: ANDREA PAVAN VINCE IL REAL CZECH MASTERS

Primo successo sull'European Tour del romano


PRAGA - È il primo successo sull’European Tour di Andrea Pavan, che già si era imposto in quattro occasioni sul Challenge Tour. Il 29enne romano ha vinto, 22 colpi sotto il par del campo, il Real Czech Masters sul percorso Albatross Golf Resort (par 72), di Praga, montepremi un...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/229: ANCHE IL GOLF A SQUADRE AGLI EUROPEI IN SCOZIA

Il team italiano medaglia di bronzo nella foursome


AUTCHTERARDER (SCOZIA) – L’innovativa competizione ha visto gareggiare insieme uomini e donne, sul percorso del Gleneagles PGA Centenary, Il torneo si è giocato nell’ambito dell’European Championship 2018, la grande novità in ambito sportivo, che dopo gli...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Commovente ricordo dell'ex pilota Antonio Gallus

LE FRECCE TRICOLORI PROTAGONISTE A CISON DI VALMARINO

L'annuale incontro organizzato dal club di Pieve di Soligo


CISON DI VALMARINO - Oltre quattrocento persone hanno partecipato alcune sera fa, all’annuale appuntamento con i piloti della Pattuglia Acrobatica Nazionale delle “Frecce Tricolori” svoltosi nel Teatro Magno dello storico castello “Castelbrando” a Cison di Valmarino. L’incontro, come avviene ormai da diversi anni, è stato organizzato dal 1° Frecce Tricolori Club di Pieve di Soligo, che è stato anche il primo club al mondo, con centinaia di iscritti, tutti uniti da una grande passione per gli aerei e soprattutto per il volo acrobatico. Dopo Pieve di Soligo, sono stati 135 i club creatisi nei cinque continenti, che seguono costantemente i mitici piloti della Pan. A fare gli onori di casa l’intraprendente presidente del club pievigino Remigio Villanova, il quale dopo aver salutato e ringraziato per la loro presenza tutti i piloti e i numerosi presenti, ha consegnato - come da rituale - un trofeo ricordo al nuovo componente della pattuglia, il capitano pilota Franco Paolo Marocco e una tessera di socio onorario ai due nuovi piloti attualmente in addestramento, i capitanni Pierluigi Raspa e Alfio Mazzoccoli. Il momento forse più commovente della serata è stato toccato quando sul palco il presidente Villanova e l’attuale comandante della Pan, il colonnello pilota Mirco Caffelli, hanno consegnato a Nelly, la figlia del ex pilota delle Frecce Tricolori Antonio Gallus, il casco del padre. Il casco faceva parte della collezione privata di un socio del club pievigino Gianni Paini. Gallus era deceduto durante un'esibizione nei cieli di Udine il 2 settembre del 1981, quando perse il controllo del suo aereo in seguito ad una collisione in volo. Questo pilota viene considerato da tutti un eroe, poiché sacrificò la sua vita rinunciando a lanciarsi col paracadute per portare il velivolo lontano dal centro abitato, in modo da evitare una strage. Antonio Gallus era stato Capoformazione delle Frecce Tricolori e nei dodici anni di permanenza nella pattuglia acrobatica nazionale, ha effettuato oltre duecento manifestazioni, portando la formazione ai vertici mondiali. Tra i vari ospiti della serata anche il generale Gianfranco Da Forno, il generale Barre Seguin, il colonnello pilota Edi Turco, comandante dell'aeroporto di Rivolto, il colonnello pilota David Chace, vice com. 31° Fighter Wing di Aviano, gli ex piloti delle Frecce Tricolori Fabio Brovedani, Piero Purpura, Piergiorgio Accorsi, Andrea Di Pauli, lo scrittore Roberto Bassi ed il consigliere regionale Alberto Villanova, che ha portato i saluti del presidente regionale Luca Zaia.
Diego Berti