Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/220: BROOKS KOEPKA FA IL BIS ALL'US OPEN

Il terribile campo di Shinnecock Hills fa strage di big


TREVISO - Risale al 1891 la storia di questo percorso che nasce a 12 buche, alle porte di New York. Seguirono le altre 6 nel 1895, poi subì modifiche nel 1920, per essere completato nel 1931. Oggi il percorso è un par 70 di ben 6.808 metri. Da sempre considerato tra i più...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/219: DAI CONTI CORRENTI AL GREEN, LA SFIDA DEI BANCARI

A Ca' della Nave il torneo tra gli istituti di credito europei


MARTELLAGO - Patrocinato dalla Federazione Italiana Golf, c’è stato, al Circolo del Golf di Cà della Nave, l’incontro di Golf interbancario, tra i dipendenti degli istituti di credito d’Europa, il 17esimo, che ha impegnato il Club ospitante per cinque giornate. Si...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/218: UN GRANDE MOLINARI INFIAMMA L'OPEN D'ITALIA

La vittoria finale, però, va per un colpo al danese Olesen


SOLANO DEL LAGO (BS) - Eccoci arrivati all’Open d’Italia, il tanto atteso appuntamento, il maggiore del Golf italiano. Prologo domenica 27, in piazza Malvezzi e sul lungolago Cesare Battisti a Desenzano, era festa grande a Soiano del Lago: entusiasmo, curiosità, musica e...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Da sempre diviso tra proibizione e concessione

LOTTO, LOTTERIE E SLOT MACHINE: LA LUNGA STORIA DELL'AZZARDO

Una mostra alla Fondazione Benetton a Treviso


TREVISO - Nella Genova del Settecento alcune alte magistrature cittadine erano assegnate tirando a sorte tra 90 illustri candidati, identificati ciascuno con un numero progressivo. A cinque di questi numeri era anche abbinato un premio: ecco l'origine del moderno gioco del lotto. I proventi, tra l'altro, servivano a procurare la dote a cinque ragazze povere. A Venezia ribalti e barattieri - i giocatori incalliti diremmo oggi - potevano sfogare il loro vizio solo tra le due colonne di piazza San Marco: cioè in un luogo all'aperto, pubblico e centralissimo, proprio per favorire il controllo sociale. Ma si tentava la sorte anche nei casini, apposite stanze nei palazzi dei nobili, da cui poi deriverà il termine attuale casinò. A Roma si scommetteva su tutto: dalla morte del papa all'elezione del successore.
Quella dell'azzardo è una vicenda secolare e avvincente, che procede di pari passo con la storia della società, del costume e della morale pubblica. La ripercorre la mostra della Fondazione Benetton "Lotterie, lotto, slot machine. L'azzardo del sorteggio: storia dei giochi di fortuna". L'esposizione, dal 18 novembre al 14 gennaio a palazzo Bomben, è anche la sintesi di un trentennio di ricerche e iniziative su questo argomento da parte della Fondazione. "Abbiamo voluto un appuntamento dedicato non solo agli addetti ai lavori, ma al grande pubblico", conferma il direttore Marco Tamaro. Una lunga carrellata che, dal Duecento, quanto con l'economia moderna, nasce anche il concetto di scommessa come lo intediamo oggi, passa per la censura del Quattrocento, con i "falò delle vanità" dei bollettini,  fino ai giorni nostri con la definizione di ludopatia come vera e propria malattia.
Cartelle di riffe, biglietti di lotterie, carte da gioco, urne per i sorteggi, documenti storici, immagini d'epoca, il grande quadro di Eugenio Bosa sull'"Estrazione del lotto in piazza San Marco", prestito dei Musei civici di Treviso o i manifesti della Collezione Salce: sono oltre 130 i reperti in mostra. "Non si tratta di una rassegna sui giochi in sè - avverte  il curator Gherardo Ortalli, storico specialista della materia e consulente di Fondazione Benetton -, ma sulla storia del gioco d'azzardo, da sempre oscillante  tra proibizione e concessione". Soprattutto da parte del potere pubblico, combattuto tra la condanna etica e l'impossibilità di rinunciare ai lauti guadagni derivanti dall'imposizione fiscale sui giochi.. "L'unica tassa che si paga volentieri", sorridono i promotori dell'esposizione. E allora si giustifica il "male" con opere di bene: così i proventi del Lotto, oltre a risanare i bilanci statali, sono serviti a bonificare le paludi pontine, a costruire la fontana di Trevi o, in tempi recenti, a restaurare il patrimonio artistico.
Il vernissage dell'esposizione, in concomitanza con la prima di due giornate di un convegno internazionale in materia, è in programma venerdì 17 novembre alle 18. Nell'occasione, i partecipanti veranno coinvolti anche in alcuni giochi. Naturalmente, innocui e legali.

Galleria fotograficaGalleria fotografica