Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/197: IL RITORNO DI TOGER WOODS

Il campione di nuovo sul green nel "Torneo degli eroi"


NASSAU - Un evento atteso, e da molti auspicato: il fuoriclasse Tiger Woods 41enne di Cypress (California), si rimette in gioco. È sceso in campo dal 30 novembre al 3 dicembre all’Albany Golf Course (par 72) di Nassau, a New Providence sulle isole Bahamas, praticamente a casa sua,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/196: AD ALICANTE LA SFIDA ITALIA - SPAGNA DEI GIORNALISTI

Vincono gli iberici, ma è festa per tutti


ALICANTE (SPA) - Ad Alicante, il match “Periodistas España-Italia”, la tradizionale sfida dei giornalisti spagnoli nostri antagonisti, in un clima di grande amicizia. È il più cordiale e allegro tra gli incontri internazionali che nella stagione vede i giornalisti...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/195: A DUBAI IL GRAN FINALE DELL'EUROPEAN TOUR

Rahm vince il torneo, classifica generale a Fleetwood


DUBAI - Con la disputa del DP World Tour Championship Dubai (16-19 novembre), è terminata al Jumeirah Golf Estates (Par 72), la stagione dell’European Tour cui hanno partecipato i primi sessanta classificati nell’ordine di merito della "Race To Dubai". Unico italiano in gara...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

La senatrice trevigiana presenta un'interrogazione al ministro

"PORTARE A TEMINE I PROCESSI SULLE BANCHE VENETE"

Monito di Laura Puppato per evitare la prescrizione


ROMA - "Quali strumenti intenda mettere in campo, data la straordinarietà della questione, per evitare che i processi contro gli ex-vertici delle popolari venete fallite cadano in prescrizione, evento che renderebbe vano lo sforzo in corso di Governo e Parlamento per garantire tutela ai risparmiatori”. È questa la richiesta rivolta al ministro della Giustizia, Andrea Orlando, in un’interrogazione firmata dalla senatrice Laura Puppato e sottoscritta dai colleghi Santini e Filippin.
“Lo slittamento della azioni di responsabilità a maggio 2018, necessarie per risarcire almeno in parte i risparmiatori, pur essendo una questione tecnica, creano allarme perché attorno alla vicenda non devono esserci ulteriori ritardi, oltre a quelli a cui abbiamo assistito per l’inizio dei processi - spiega Puppato - ne va della fiducia, già debole, dei cittadini nelle istituzioni e nella possibilità di avere giustizia e risarcimento per il danno subito da chi ha diretto per anni le banche, con la compiacenza della maggioranza politica veneta”.
“Il Governo - conclude la parlamentare trevigiana - ha adottato provvedimenti straordinari per salvaguardare conti corrente, operatività delle banche e migliaia di posti di lavoro, ma bisogna riuscire in uno sforzo importante anche in questo campo, per garantire la conclusione dei processi".