Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/298: DOPO LE PROTESTE POLITICHE, AD HONG KONG TORNA IL GOLF

Successo per Wade Ormsby, Andrea Pavan unico azzurro


HONG KONG - Era stato rinviato per problemi di sicurezza l'Hong Kong Open. Avrebbe dovuto prendere avvio il 28 novembre, ma i disordini legati alla difficile situazione sociale, riordiamo i continui scontri nel Paese, aveva indotto gli organizzatori ad annullare la gara. Ora questo torneo...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/297: L'ALTRA META' DEL GOLF AL FEMMINILE

Ad Evian, in Francia, l'unico major "rosa" d'Europa


EVIAN  - Nel doveroso ricordo del record assoluto di vittorie in campo internazionale conquistate dagli azzurri Bertasio, Gagli, Laporta, Migliozzi, i Molinari, Paratore, Pavan nel 2019, cominciamo il 2020 dando l'onore al Golf femminile, seppur in assenza delle atlete italiane.Il Ladies...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/296 - CAMPI/22: GOLF CLUB ACQUASANTA

Alle porte di Roma, il più antico "green" d'Italia


ROMA - Ha oltre un secolo il Golf Acquasanta, è il più antico d’Italia, è prestigioso, ha segnato l'inizio del golf in Italia. Siamo nel 1885 quando alcuni amici inglesi pensano di realizzarlo. Trovano quella posizione superba che odora di eucalipto e di pino marittimo ai...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

La senatrice trevigiana presenta un'interrogazione al ministro

"PORTARE A TEMINE I PROCESSI SULLE BANCHE VENETE"

Monito di Laura Puppato per evitare la prescrizione


ROMA - "Quali strumenti intenda mettere in campo, data la straordinarietà della questione, per evitare che i processi contro gli ex-vertici delle popolari venete fallite cadano in prescrizione, evento che renderebbe vano lo sforzo in corso di Governo e Parlamento per garantire tutela ai risparmiatori”. È questa la richiesta rivolta al ministro della Giustizia, Andrea Orlando, in un’interrogazione firmata dalla senatrice Laura Puppato e sottoscritta dai colleghi Santini e Filippin.
“Lo slittamento della azioni di responsabilità a maggio 2018, necessarie per risarcire almeno in parte i risparmiatori, pur essendo una questione tecnica, creano allarme perché attorno alla vicenda non devono esserci ulteriori ritardi, oltre a quelli a cui abbiamo assistito per l’inizio dei processi - spiega Puppato - ne va della fiducia, già debole, dei cittadini nelle istituzioni e nella possibilità di avere giustizia e risarcimento per il danno subito da chi ha diretto per anni le banche, con la compiacenza della maggioranza politica veneta”.
“Il Governo - conclude la parlamentare trevigiana - ha adottato provvedimenti straordinari per salvaguardare conti corrente, operatività delle banche e migliaia di posti di lavoro, ma bisogna riuscire in uno sforzo importante anche in questo campo, per garantire la conclusione dei processi".