Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/219: DAI CONTI CORRENTI AL GREEN, LA SFIDA DEI BANCARI

A Ca' della Nave il torneo tra gli istituti di credito europei


MARTELLAGO - Patrocinato dalla Federazione Italiana Golf, c’è stato, al Circolo del Golf di Cà della Nave, l’incontro di Golf interbancario, tra i dipendenti degli istituti di credito d’Europa, il 17esimo, che ha impegnato il Club ospitante per cinque giornate. Si...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/218: UN GRANDE MOLINARI INFIAMMA L'OPEN D'ITALIA

La vittoria finale, però, va per un colpo al danese Olesen


SOLANO DEL LAGO (BS) - Eccoci arrivati all’Open d’Italia, il tanto atteso appuntamento, il maggiore del Golf italiano. Prologo domenica 27, in piazza Malvezzi e sul lungolago Cesare Battisti a Desenzano, era festa grande a Soiano del Lago: entusiasmo, curiosità, musica e...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/217: IL GOLF FINALMENTE VA IN TELEVISIONE

Sul campo di Ca' della Nave registrata la trasmissione di Bucarelli e Lanza


MARTELLAGO - È ben noto il disappunto del golfista che non è abbonato Sky, per non aver l’opportunità di vedere in chiaro le partite di golf nei programmi nazionali, seppur costretto a pagare il canone Rai. Non saprei a cosa ascrivere questo svantaggio sulla testa degli...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Tra i vigneti trevigiani il prossimo anno sarà vietato

LA UE AUTORIZZA IL GLIFOSATO CHE IL PROSECCO VUOLE BANDIRE

Concesso l'utilizzo del diserbante per altri 5 anni


TREVISO - L'Europa autorizza l'utilizzo del glifosato pr altri cinque anni. I produttori trevigiani di prosecco, però, confermano la messa al bando del più diffuso (e contestato) diserbante.
Il glifosato è il composto alla base dell'erbicida più utilizzato al mondo: da quando è stato introdotto sul mercato, a metà degli anni '70 del secolo scorso, si stima ne siano state sparse circa nove milioni e mezzo di tonnellate. Svariati studi, tuttavia, accusano la sostanza di essere cancerogena.
Anche per questo i Consorzi del prosecco Doc e del Docg Conegliano Valdobbiadene ne sconsigliano l'uso attraverso i rispettivi Vademecum viticoli, ovvero le linee guida raccomandate ai propri viticoltori per i trattamenti nei vigneti. Non solo, lo scorso aprile l'assemble adell'organismo di tutela della Doc ha votato l'inserimento del divieto (insieme ad altri due prodotti: Folpet e Mancozeb) nel disciplinare di produzione: chi utilizzerà questi composti, cioè, non otterrà la cetificazione di origine per il proprio vino.
L'Unione europea, tuttavia, va in direzione contraria: gli stati membri, riuniti nel Comitato d'appello, dovevano decidere sul prolungamento delle licenze di uso nel Vecchio continente, in scadenza a fine anno. Dopo una lunga impasse, lunedì la decisione di prorogare il termine per altri cinque anni: 18 paesi hanno votato sì, nove si sono pronunciati contro e uno solo (il Portogallo) si è astenuto. Decisivo il cambio delala Germania, che finora si era astenuta. Tra i Favorevoli anche numerosi paesi dell'Est. Contrarie, invece, Italia e Francia che sostenevano un'estensione al massimo per un altro triennio. Il via libera definitivo spetta alla Commissione europea, ma l'orientamento indicato non potrà non essere tenuto in conto.