Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/261: IL RITORNO DELLA TIGRE

Tiger Woods trionfa nel Mastersdi Augusta


AUGUSTA - Questo è il primo Major stagionale, il più ambito. Ha luogo nella consueta cornice dell’Augusta National, in Georgia, quel percorso tanto voluto dal mitico campione Bobby Jones. In Campo è presentela crema dei professionisti,i migliori giocatori del mondo, e tra...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/260: WGC, L'ÉLITE MONDIALE SI SFIDA IN MATCH PLAY

Vittoria a Kisner, ottimo terzo Francesco Molinari


AUSTIN (TEXAS) - È il secondo dei quattro eventi stagionali del World Golf Championship, le cui gare sono di livello inferiore solo ai major. Il WGC -Dell Technologies Match Play che si gioca in Texas sul percorso dell’Austin CC, è di spessore assoluto: nel field sono stati...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/259: AL VIA LA NUOVA STAGIONE DEI GIORNALISTI GOLFISTI

Come di consueto l'Aigg apre il campionato 2019 al Marco Simone


ROMA - La primavera era già esplosa, quando siamo andati a Roma per l’avvio del tour dei giornalisti golfisti. Alla prima giornata di tappa, però, abbiamo preso la pioggia. Come di consueto, il primo incontro era al Marco Simone Golf & Country Club, alle porte di Roma, che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Tra i vigneti trevigiani il prossimo anno sarà vietato

LA UE AUTORIZZA IL GLIFOSATO CHE IL PROSECCO VUOLE BANDIRE

Concesso l'utilizzo del diserbante per altri 5 anni


TREVISO - L'Europa autorizza l'utilizzo del glifosato pr altri cinque anni. I produttori trevigiani di prosecco, però, confermano la messa al bando del più diffuso (e contestato) diserbante.
Il glifosato è il composto alla base dell'erbicida più utilizzato al mondo: da quando è stato introdotto sul mercato, a metà degli anni '70 del secolo scorso, si stima ne siano state sparse circa nove milioni e mezzo di tonnellate. Svariati studi, tuttavia, accusano la sostanza di essere cancerogena.
Anche per questo i Consorzi del prosecco Doc e del Docg Conegliano Valdobbiadene ne sconsigliano l'uso attraverso i rispettivi Vademecum viticoli, ovvero le linee guida raccomandate ai propri viticoltori per i trattamenti nei vigneti. Non solo, lo scorso aprile l'assemble adell'organismo di tutela della Doc ha votato l'inserimento del divieto (insieme ad altri due prodotti: Folpet e Mancozeb) nel disciplinare di produzione: chi utilizzerà questi composti, cioè, non otterrà la cetificazione di origine per il proprio vino.
L'Unione europea, tuttavia, va in direzione contraria: gli stati membri, riuniti nel Comitato d'appello, dovevano decidere sul prolungamento delle licenze di uso nel Vecchio continente, in scadenza a fine anno. Dopo una lunga impasse, lunedì la decisione di prorogare il termine per altri cinque anni: 18 paesi hanno votato sì, nove si sono pronunciati contro e uno solo (il Portogallo) si è astenuto. Decisivo il cambio delala Germania, che finora si era astenuta. Tra i Favorevoli anche numerosi paesi dell'Est. Contrarie, invece, Italia e Francia che sostenevano un'estensione al massimo per un altro triennio. Il via libera definitivo spetta alla Commissione europea, ma l'orientamento indicato non potrà non essere tenuto in conto.