Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/203: GARY WOODLAND È IL RE DEL PHOENIX OPEN

Vittoria allo spareggio, tra invasioni di campo e commoventi dediche


SCOTTSDALE (ARIZONA - USA) - dall’1 al 4 febbraio. È sul percorso del TPC, la sfida Waste Management Phoenix, l’Open supportato dalla Gestione dei Rifiuti, che, strano a dirsi, nell'economia dell'Arizona vale 389 milioni di dollari. Il montepremi è di 6.900.000 dollari,...continua

Cronaca
PILLOLE DI GOLF/202: AL FARMERS INSURANCE È IL GIORNO DI JASON DAY

Nel torneo al Torrey Pines si rivede anche il vero Tiger Woods


In California, nei due percorsi del Golf Torrey Pines, entrambi Par 72, si è giocato dal 25 al 28 gennaio, l’Open sostenuto dalla potente “Assicurazione Agricoltori” americana, con montepremi di 6.900.000 dollari, 1.200.000 dei quali, destinati al vincitore. Il Torrey...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/17: GARDAGOLF COUNTRY CLUB

Sulle colline attorno al lago si disputerà l'Open d'Italia


SOIANO DEL LAGO - È recente la notizia che l’Open d’Italia 2018 è stato assegnato a Gardagolf; andiamo ora a vedere dal vicino questo Club, la cui scelta è stata apprezzata dal gotha dirigenziale dell’European Tour.Di progetto squisitamente inglese (Cotton,...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Si stima che sarà la prima causa di disabilità a livello mondiale

DEPRESSIONE E MONDO DEL LAVORO, IL FOCUS DELLA COOPERATIVA SOLCO

"Il lavoro, elemento fortemente riabilitante"


In occasione della giornata internazionale delle persone con disabilità, che si celebra il 3 dicembre, la cooperativa Solco, che dal 1992 realizza percorsi di formazione e inserimento lavorativo di persone in situazione di svantaggio, pone l’accento sul tema “depressione e mondo del lavoro”.
Si stima che il 25% della popolazione femminile mondiale soffra di depressione e che nel 2030 questa patologia sarà la prima causa di disabilità a livello mondiale (dati OMS).
Mediamente,  sono persone che hanno un’aspettativa di vita minore e con una qualità ridotta, fino ad arrivare, in casi estremi, ad una morte precoce.
 
Le persone che soffrono di depressione perdono circa il 25% delle giornate lavorative a causa della patologia di cui soffrono. La percentuale di assenteismo, a livello nazionale, si attesta sul 5,49%, mentre per i soci Sol.Co. questa percentuale è molto più bassa, si ferma al 4%.
 
“E’ un dato significativo, reso possibile dalla collaborazione tra le varie realtà del territorio, i servizi sociali, le Ulss e il privato sociale, che permette la realizzazione di un progetto personalizzato, per le esigenze di ogni singolo utente, che naturalmente da maggiori risultati finali in termini di recupero e di autonomia professionale e relazionale – commenta Luciana Cremonese, Presidente della coopertiva Sol.Co.  - All'interno della nostra cooperativa, con il costante supporto e monitoraggio dell'equipe guidata da una psicologa, si sostiene il socio lavoratore cercando di intercettare eventuali segnali di disagio, intervenendo tempestivamente, evitando che la situazione peggiori, e sia necessario il ricovero ospedaliero.”
 
Il lavoro è quindi un elemento fortemente riabilitante per le persone che soffrono di depressione, i dati sull’assenteismo in cooperativa SolCo sono un chiaro esempio di quanto lavorare possa rafforzare l’autostima, la serenità e, in un percorso personalizzato, il recupero quasi totale della persona.
Sull’argomento sono significative alcune riflessioni raccolte tra i soci SolCo, come quella di Mauro che dice: “Per me il lavoro è portare a termine i compiti che mi vengono assegnati e anche come terapia per la depressione perché ti fa pensare ad altro e ti senti utile e gratificato” o di Fabrizio che confida quanto: “Il lavoro per me è importante perché mi permette ancora di sperare di avere una vita migliore”
 



Galleria fotograficaGalleria fotografica