Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/302: FRATELLO E SORELLA IN GARA NELLO STESSO TORNEO

All'Isps Handa Open in Australia in contemporanea field maschile e femminile


AUSTRALIA - Siamo al terzo torneo stagionale del Ladies PGA Tour: l'Isps Handa Vic Open realizzato in collaborazione con Australian Ladies Professional Golf, in programma sui due percorsi del 13th Beach Golf Links (Beach Course, e Creek Course), in Australia. a Geelong nello Stato del Victoria. In...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/301: SAUDI INTERNATIONAL NEL SEGNO DI G-MAC

Graeme McDowell conquista la tappa in Arabia Saudita dell'European Tour


EDDA - Siamo in Arabia Saudita, al Royal Greens King Abdullah Economic City, vicino a Gedda, polemizzata sede della Supercoppa Juve - Milan del 16 gennaio scorso. Alcuni grandi Campioni hanno rinunciato a giocare, nonostante che oltre ai premi in palio, avrebbero ricevuto rilevanti premi di...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/300: PRIMA VITTORIA DA PRO PER L'EX CALCIATORE LUCA HERBET

L'australiano si impone a sorpresa nel Dubai Desert Classic


DUBAI - Concluso il Championship di Abu Dhabi, l’European Tour è rimasto ancora negli Emirati Arabi Uniti, per la disputa dell’Omega Dubai Desert Classic. Si gioca sul percorso dell’Emirates GC, a Dubai, con sei italiani in campo: Edoardo Molinari, Andrea Pavan, Renato...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

La dott.ssa Giuseppina Barbiero ha scoperto la variante durante l'attività diagnostica

AL CA' FONCELLO SCOPERTA UNA NUOVA EMOGLOBINA

Riconosciuta dalla comunità internazionale, si chiamerà "Sile"


Scoperta una nuova emoglobina all’Ospedale Ca’ Foncello di Treviso. Si tratta di una variante che è stata riscontrata nel corso dell’attività diagnostica ed è stata chiamata Emoglobina “Sile”. E’ già stata confermata dal laboratorio di genetica umana del Galliera di Genova e ufficialmente riconosciuta nel database mondiale dal Boston University Medical Center. Artefice della scoperta è la dottoressa Giuseppina Barberio - che già otto anni fa firmò quella dell’emoglobina “Treviso” – della Medicina di Laboratorio, diretta dal dr. Livio Caberlotto.

L’emoglobine sono proteine globulari presenti nei globuli rossi. Una nuova variante è stata nei giorni scorsi scoperta nel corso dell’attività diagnostica delle emoglobinotaie nel reparto di Medicina di Laboratorio dell’Ospedale Ca’ Foncello di Treviso. E’ stata chiamata Emoglobina “Sile” dal nome del fiume che bagna la città veneta e lungo un’ansa del quale sorge l’Ospedale teatro della scoperta.

La conferma molecolare della nuova variante Emoglobina “Sile” è venuta dal Laboratorio di Genetica Umana degli Ospedali Galliera di Genova, diretto dal dott. Domenico Coviello. La nuova variante è già stata portata a conoscenza della comunità scientifica internazionale ed è già stata ufficialmente riconosciuta, sia in Europa con l’inserimento nel Database of Human Hemoglobin Variants and Thalassemias (HbVar) presso l’INSERM (Istituto di Sanità e Ricerca Medica francecse) nell’Hôpital Henri Mondor a Creteil (Francia) sia a livello mondiale con la registrazione negli Stati Uniti nel database presso il Boston University Medical Center.

“L’importanza della scoperta nasce dalla caratteristica della variante – sottolinea il dr. Livio Caberlotto, primario della Medicina di Laboratorio - si presenta, infatti, ‘silente’, ma in associazione ad altri difetti può indurre errori diagnostici. La scoperta di tale difetto emoglobinico si deve alla dottoressa Giuseppina Barberio, che con grande competenza dirige il settore delle emoglobinopatie del laboratorio”.

“A distanza di otto anni dalla scoperta della variante denominata Emoglobina “Treviso sempre ad opera della dottoressa Barberio, viene scoperta nella popolazione trevigiana un’altra variante – pone l’accento il Direttore generale Francesco Benazzi - . Mi congratulo vivamente con lei in particolare e con tutta l’equipe guidata dal dr. Caberlotto per l’importante traguardi di ricerca che hanno raggiunto. Ma li ringrazio anche perché questa non è una ricerca fine a se stessa ma un’ulteriore arma a vantaggio dei cittadini. Queste identificazioni, fatte dalla Medicina di Laboratorio dell’Ospedale di Treviso, infatti, sono il segno di un’elevata professionalità raggiunta nella diagnostica delle emoglobinopatie: l’accurata diagnosi dei difetti emoglobinici è un elemento essenziale per un’efficace prevenzione delle malattie correlate a questi difetti”.