Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/223: I SOCI AIGG SI SFIDANO SULLE DOLOMITI

Tre giornate in quota tra Alto Adige e Trentino


BOLZANO - Un interessante momento nelle gare dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti: tre giornate di golf impegnativo, in aggiunta all’annuale challenge, per godere le Dolomiti. Nella giornata di apertura ci spalanca le porte il Golf Club Eppan (Appiano): un campo da golf a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Opera finanziata da Comune di Treviso e Consorzio Piave

NUOVE CANALETTE PER EVITARE ALLAGAMENTI A SAN PELAJO

Conclusi i lavori da 40mila euro in via Loevera


TREVISO - Convoglierà le acque utilizzate per l'irrigazione direttamente nel vicino canale Pegorile, evitando di intasare la rete delle fognature bianche. Che in questo modo potrà meglio contenere acquazzoni e bombe d'acqua sempre più frequenti soprattutto d'estate. E impedirà che un'ampia zona di San Pelajo finisca allagata come successo, ad esempio, due anni fa.
Sono stati ultimati in via Lovera, tra i campi, al confine con Ponzano, i lavori di messa in sicurezza idraulica. Il progetto, del valore di 40mila euro complessivi, è stato cofinanziato al 50 per cento ciascuno dal Comune di Treviso e dal Consorzio Piave, che ha realizzato l'opera. Gli interventi vanno dalla fornitura e posa di nuove canalette e tubazioni, allo spurgo e risezionamento di scoli e fossati esistenti che daranno continuità alle acque di scarico.

“Ringrazio prima di tutto il Consorzio Piave e il Presidente Romano per aver dato vita insieme al Comune di Treviso a questi lavori che completano gli interventi di riequilibrio idraulico realizzati negli anni scorsi nella zona - dichiara il sindaco di Treviso Giovanni Manildo - Nel 2015 infatti è stata creata una nuova condotta di circa 130 metri per le acque bianche in via Cartera, mentre nel 2016 sono stati realizzati i pozzi drenanti in via Gramsci e all’inizio del 2017 ricalibrati i fossati di via Lovera e via Boschetto. Tutti interventi complementari ai lavori che presentiamo oggi. Nel quartire in questi anni sono state realizzate opere per oltre un milione di euro per interventi legati all'illuminazione, al rifacimento delle case popolari e appunto per il miglioramento dei sottoservizi".  

"In questi anni il quartiere di San Pelaio è stato oggetto di diversi interventi - fa sapere l'assessore alla Cura e al benessere urbano Ofelio Michielan - A giugno del 2016 sono iniziati i lavori per la realizzazione delle nuove fognature, 995 mila euro il costo totale, realizzate grazie anche a un grosso impegno da parte di ATS. Si tratta di 1700metri rete fognaria e 2mila nuove utenze. Tra il 2014 e il 2015 siamo intervenuti anche sul fronte dell'illuminazione: un centinaio le nuove lampade al sodio che sono state installate. Vanno poi ricordati i lavori degli alloggi popolari in via Chiereghin: oltre 300mila euro per rimettere a nuovo i cappotti esterni delle abitazioni".

Soddisfatto anche il presidente del Consorzio, Piave Giuseppe Romano: "Continua la nostra collaborazione con i Comuni del comprensorio da un lato cofinanziando interventi come in questo caso al 50%  e dall'altro mettendo a disposizione le competenze idrauliche del consorzio attraverso il supporto progettuale con la Direzione dei lavori. Ciò è fondamentale per affrontare e superare le criticità idrauliche del territorio. Ricordo che il Consorzio stanzia nel proprio bilancio oramai da quattro anni risorse per cofinanziare i Piani delle Acque comunali importantissimi e indispensabili per la prevenzione delle emergenze idrauliche che spesso si abbattono sul nostro territorio: come spesso dico, l'emergenza idraulica su superare solo con la prevenzione".