Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/220: BROOKS KOEPKA FA IL BIS ALL'US OPEN

Il terribile campo di Shinnecock Hills fa strage di big


TREVISO - Risale al 1891 la storia di questo percorso che nasce a 12 buche, alle porte di New York. Seguirono le altre 6 nel 1895, poi subì modifiche nel 1920, per essere completato nel 1931. Oggi il percorso è un par 70 di ben 6.808 metri. Da sempre considerato tra i più...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/219: DAI CONTI CORRENTI AL GREEN, LA SFIDA DEI BANCARI

A Ca' della Nave il torneo tra gli istituti di credito europei


MARTELLAGO - Patrocinato dalla Federazione Italiana Golf, c’è stato, al Circolo del Golf di Cà della Nave, l’incontro di Golf interbancario, tra i dipendenti degli istituti di credito d’Europa, il 17esimo, che ha impegnato il Club ospitante per cinque giornate. Si...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/218: UN GRANDE MOLINARI INFIAMMA L'OPEN D'ITALIA

La vittoria finale, però, va per un colpo al danese Olesen


SOLANO DEL LAGO (BS) - Eccoci arrivati all’Open d’Italia, il tanto atteso appuntamento, il maggiore del Golf italiano. Prologo domenica 27, in piazza Malvezzi e sul lungolago Cesare Battisti a Desenzano, era festa grande a Soiano del Lago: entusiasmo, curiosità, musica e...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 
ASCOLTA IL SERVIZIO ON-LINEAscolta la notizia

Ne parliamo con la psicologa Marta Benvenuti del Centro della Famiglia

RELAZIONE E BENESSERE, LA TERAPIA E IL GIOCO CORPOREO

Dall'attività guidata a quella spontanea, che abilità vengono stimolate?


Il gioco è per i bambini l'impegno evolutivo più importante. Giocare "bene", infatti, ha valore terapeutico in sè: mentre gioca il bambino integra gli aspetti emotivi con quelli più cognitivi e motori, aumentando la consapevolezza di sè dall'altro.
Non tutti i bambini giocano positivamente: a volte sono troppo trattenuti, a volte troppo esplosivi, il gioco non parte o non si ferma, la carica emotiva e motoria è "troppa". Ecco allora che la neuropsicomotricità, tramite il rapporto individuale, l'uso del corpo nel gioco e libertà di espressione permette al bambino con difficoltà di ritrovare il proprio modo di giocare bene, promuovendo il benessere del bambino, della famiglia, e delle relazioni allargate. Ne parliamo con Marta Benvenuti del Centro della Famiglia di Treviso.


Notizie collegateNOTIZIE COLLEGATE Notizie collegate
07/12/2017 - Relazione e benessere - Figli e autonomia, un binomio impossibile?
05/12/2017 - Relazione e benessere - La Regolazione emotiva nei bambini
22/11/2017 - Relazione e benessere: la dipendenza da internet
22/11/2017 - Relazione e benessere: L'invecchiamento attivo
22/11/2017 - Relazione e Benessere: Relazionarsi con il cibo
15/11/2017 - Relazione e benessere: cerchiamo un figlio ma non arriva, cosa fare?
15/11/2017 - Relazione e benessere: media a schermo, "terzo incomodo" nella quotidianità
07/11/2017 - Relazione e Benessere: i disturbi dell'attenzione
24/10/2017 - Relazione e Benessere - Tecnologia e Bullismo
24/10/2017 - Relazione e Benessere - Guida alla guerra per l'eredità
18/09/2017 - Relazione e Benessere - Dislessia e altri disturbi nell'apprendimento
15/09/2017 - Relazione e Benessere - Fiaba, mito e psicologia
13/09/2017 - Relazione e Benessere 28 - La vita nella mente della famiglia
13/09/2017 - Relazione e Benessere 27 - Il Perineo

09/05/2017 - Relazione e Benessere - 26 - Bambini e schermi digitali