Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/256: FRANCESCO MOLINARI CAMPIONE ALL'ARNOLD PALMER

Fantastico ultimo giro e vittoria del torinese


ORLANDO (FLORIDA) - Torna in campo Francesco Molinari. Lo fa ancora una volta nel leggendario sito di “Arnold Palmer Invitational”. Il torneo (7-10 marzo), dedicato al grande campione americano scomparso nel 2016, si gioca al Bay Hill Club & Lodge (par 72), di Orlando in Florida. Il...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/255: FRANCESCO SECCO APRE LA STAGIONE A "I SALICI"

Il club più vicino alla città di Treviso prosegue il rinnovamento


TREVISO - Golf Club “I Salici”, un bel giardino dove giocare a Golf. Per me una montagna di ricordi.Non sono del tutto compiuti gli impegnativi lavori al Golf Club “I Salici”, opere intese a rendere il club più importante nel complesso della Ghirada, la cittadella...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/254: IN MESSICO IL RIENTRO IN CAMPO DI FRANCESCO MOLINARI

Il torinese chiude 17° nel torneo vinto da Dustin Johnson


CITTA' DEL MESSICO - Il campionato mondiale messicano segna il rientro in campo di Francesco Molinari, nella prima delle contese stagionali del World Golf Championship. Il torneo si disputa al Club de Golf Chapultepec di Città del Messico, con un montepremi di 10.250.000 dollari....continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 
ASCOLTA IL SERVIZIO ON-LINEAscolta la notizia

Ne parliamo con la psicologa Marta Benvenuti del Centro della Famiglia

RELAZIONE E BENESSERE, LA TERAPIA E IL GIOCO CORPOREO

Dall'attività guidata a quella spontanea, che abilità vengono stimolate?


Il gioco è per i bambini l'impegno evolutivo più importante. Giocare "bene", infatti, ha valore terapeutico in sè: mentre gioca il bambino integra gli aspetti emotivi con quelli più cognitivi e motori, aumentando la consapevolezza di sè dall'altro.
Non tutti i bambini giocano positivamente: a volte sono troppo trattenuti, a volte troppo esplosivi, il gioco non parte o non si ferma, la carica emotiva e motoria è "troppa". Ecco allora che la neuropsicomotricità, tramite il rapporto individuale, l'uso del corpo nel gioco e libertà di espressione permette al bambino con difficoltà di ritrovare il proprio modo di giocare bene, promuovendo il benessere del bambino, della famiglia, e delle relazioni allargate. Ne parliamo con Marta Benvenuti del Centro della Famiglia di Treviso.


Notizie collegateNOTIZIE COLLEGATE Notizie collegate
07/12/2017 - Relazione e benessere - Figli e autonomia, un binomio impossibile?
05/12/2017 - Relazione e benessere - La Regolazione emotiva nei bambini
22/11/2017 - Relazione e benessere: la dipendenza da internet
22/11/2017 - Relazione e benessere: L'invecchiamento attivo
22/11/2017 - Relazione e Benessere: Relazionarsi con il cibo
15/11/2017 - Relazione e benessere: cerchiamo un figlio ma non arriva, cosa fare?
15/11/2017 - Relazione e benessere: media a schermo, "terzo incomodo" nella quotidianità
07/11/2017 - Relazione e Benessere: i disturbi dell'attenzione
24/10/2017 - Relazione e Benessere - Tecnologia e Bullismo
24/10/2017 - Relazione e Benessere - Guida alla guerra per l'eredità
18/09/2017 - Relazione e Benessere - Dislessia e altri disturbi nell'apprendimento
15/09/2017 - Relazione e Benessere - Fiaba, mito e psicologia
13/09/2017 - Relazione e Benessere 28 - La vita nella mente della famiglia
13/09/2017 - Relazione e Benessere 27 - Il Perineo

09/05/2017 - Relazione e Benessere - 26 - Bambini e schermi digitali