Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/243: IN AUSTRALIA LA COPPA DEL MONDO A SQUADRE

Vince il Belgio, sesta la coppia azzurra Pavan - Paratore


MELBOURNE - Ancora nel clamore del trionfo di Francesco Molinari alla Race To Dubai, i giocatori azzurri sono chiamati a un altro importante appuntamento. A Melbourne, si gioca la 59ª edizione della Isps Handa Melbourne World Cup of Golf, la Coppa del Mondo a squadre che ha luogo al...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/242: SENZA SOSTA, L'EUROPEAN TOUR RIPARTE DA HONG KONG

La prima tappa della nuova stagione all'anglo-indiano Aaron Rai


HONG KONG - Ancora in aria il fragore per il successo di Francesco Molinari, l’European Tour riparte subito per la nuova stagione 2019, come di consueto in anticipo sull’anno solare. Riprende appena una settimana dopo la conclusione del precedente torneo a Dubai, dove Francesco Molinari...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/241: MOLINARI NUMERO UNO IN EUROPA

A Dubai conclusa la stagione del circuito continentale


DUBAI - Sul percorso dello Jumeirah Golf Estates, a Dubai, negli Emirati Arabi Uniti, si gioca l’ultima gara stagionale, il DP World Tour Championship, che va a concludere la “Race to Dubai”, con un montepremi di otto milioni di dollari. Sono ammessi i primi sessanta della...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

L'indagine demografica della Cgil di Treviso

MARCA SEMPRE PIÙ VECCHIA: 1,5 ANZIANI PER OGNI ADOLESCENTE

Vittorio Veneto il Comune più attempato, Loria il più giovane


TREVISO - Una Marca trevigiana sempre più vecchia. E' la fotografia della provincia scattata dalla Cgil di Treviso elaborando i dati Istat. 
I residenti con 65 anni o più sono ormai una volta e mezza i giovanissimi da zero a 14 anni su scala provinciale. Nel comune di Vittorio Veneto si arriva addirittura a 2,3 over 65 per ogni adolescente, a Tarzo 2,1, così come a Conegliano, valori appnea inferiori a Treviso e San Pietro di Feletto
L'indice di vecchiaia (ovvero il numero di appartenenti alla classe d'età più elevata, rispetto a cento esponenti della fascia più bassa) è in costante aumento: la media provinciale raggiunge 147,6, venti punti in più di cinque anni fa. Secondo gli esperti, il ricambio è garantito quando il parametro non cento. Sotto questa soglia, si mantengono solo cinque territori trevigiani: il comune più giovane della Marca è Loria, il cui indice sfiora 89 su cento, seguito da San Vendemiano, Resana, Istrana e Zero Branco.
Vittorio Veneto, invece, si conferma il più anziano: qui gli ultrassentacinquenni rappresentano il 27% dell'intera popolazione, a fronte del 21% registrato in tutta la provincia.
Tra il 2012 e il 2017, nella Marca, gli abitanti che hanno già spento 65 candeline sono aumentati di 18.790 unità, pari all'11%, mentre gli individui potenzialmente in età lavorativa (tra i 15 e i 64 anni: classificazione forse datata, ma a tutt'oggi in vigore) sono rimasti invariati (meno 0,7). Ma soprattutto i nuovi nati e i ragazzi under 14 sono diminuiti di quasi 5mila soggetti, per 3,7 punti percentuali.

Per Giacomo Vendrame, segretario provinciale della Cgil, incremento della popolazione aziana e calo della natalità sono due facce della stesso problema. E, pertanto, necessitano di un'attenta programmazione, a partire dal welfare: "Dobbiamo pensare oggi a come rispondere alle sempre più numerose persone anziane. Ciò significa certamente più strutture, ma soprattutto più personale adeguato e più risorse pubbliche, perché stiamo parlando in prevalenza di servizi pubblici. Questo deve diventare un comparto in grado di dare risposte occupazionali e, allo stesso, risposte a bisogni che, lo dicono i dati, sono crescenti. Per i giovani, è evidente che se non offriamo alle famiglie facilitazioni per ridurre il carico dei figli, è molto difficile che aumenti la natalità rispetto alla situazione attuale”.

“L'altro tema - ribadisce Vendrame - che come sindacato ci poniamo è: che tipo di politiche nei luoghi di lavoro si possono mettere in atto per facilitare il connubio tra vita lavorativa e vita quotidiana e familiare? Questioni come pari opportunità e gestione dei tempi di vita e di lavoro sono fondamentali e vanno affrontate tutti insieme”