Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/298: DOPO LE PROTESTE POLITICHE, AD HONG KONG TORNA IL GOLF

Successo per Wade Ormsby, Andrea Pavan unico azzurro


HONG KONG - Era stato rinviato per problemi di sicurezza l'Hong Kong Open. Avrebbe dovuto prendere avvio il 28 novembre, ma i disordini legati alla difficile situazione sociale, riordiamo i continui scontri nel Paese, aveva indotto gli organizzatori ad annullare la gara. Ora questo torneo...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/297: L'ALTRA META' DEL GOLF AL FEMMINILE

Ad Evian, in Francia, l'unico major "rosa" d'Europa


EVIAN  - Nel doveroso ricordo del record assoluto di vittorie in campo internazionale conquistate dagli azzurri Bertasio, Gagli, Laporta, Migliozzi, i Molinari, Paratore, Pavan nel 2019, cominciamo il 2020 dando l'onore al Golf femminile, seppur in assenza delle atlete italiane.Il Ladies...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/296 - CAMPI/22: GOLF CLUB ACQUASANTA

Alle porte di Roma, il più antico "green" d'Italia


ROMA - Ha oltre un secolo il Golf Acquasanta, è il più antico d’Italia, è prestigioso, ha segnato l'inizio del golf in Italia. Siamo nel 1885 quando alcuni amici inglesi pensano di realizzarlo. Trovano quella posizione superba che odora di eucalipto e di pino marittimo ai...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Collaborazione con il Cro di Aviano e l'università di Hardvard

A TREVISO 400MILA EURO PER LA RICERCA SUI TUMORI RARI

La Ue finanzia il progetto dell'equipe di Paolo Dei Tos


TREVISO - L'impegno dell’Anatomia Patologica di Treviso nella ricerca sui tumori rari non si ferma. Dopo il riconoscimento dalla Commissione Europea che ha identificato nella struttura diretta dal professor Angelo Paolo Dei Tos come centro diagnostico di riferimento europeo, il ministero della Salute ha finanziato con 403mila euro un progetto biennale focalizzato all’identificazione di bersagli molecolari per trattamenti innovativi nel campo dei tumori rari mesenchimali (ovvero quelli che derivano dai tessuti) del tratto gastroenterico.
Il progetto finanziato prevede una stretta collaborazione scientifica con l’Oncologia Sperimentale del CRO di Aviano, diretta dalla dottoressa Roberta Maestro, e con la prestigiosa Università di Harvard (Boston, USA) e si avvarrà di sofisticate metodiche di indagine molecolare.

Questo finanziamento consentirà al gruppo di ricerca coordinato da Dei Tos e da Maestro di ampliare le ricerche che recentemente hanno tra l’altro portato ad individuare in queste neoplasie un’alterazione del gene NTRK. Scoperta che ha portato allo sviluppo di una sperimentazione clinica ancora in corso ma che ha già dimostrato la sua efficacia terapeutica.

“I pazienti affetti da tumore raro – spiega Dei Tos - tutti insieme rappresentano circa il 20% dei malati oncologici. Sono a rischio di discriminazione in quanto la rarità di per se rende problematica sia la fase diagnostica che terapeutica. Di qui la necessità di dedicare risorse alla ricerca ed alla assistenza. E’ tra l’altro di queste settimane la notizia che la Conferenza Stato Regioni, di concerto con il Ministero della Salute ha riconosciuto ufficialmente la Rete Nazionale Tumori Rari. Si tratta di un passo fondamentale che consentirà di garantire elevate qualità di diagnosi e di cura ai pazienti colpiti da forme tumorali a bassa incidenza”.
Nell’ambito della Rete Nazionale Tumori Rari, da più di 15 anni Angelo Paolo Dei Tos è responsabile della revisione diagnostica.