Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/223: I SOCI AIGG SI SFIDANO SULLE DOLOMITI

Tre giornate in quota tra Alto Adige e Trentino


BOLZANO - Un interessante momento nelle gare dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti: tre giornate di golf impegnativo, in aggiunta all’annuale challenge, per godere le Dolomiti. Nella giornata di apertura ci spalanca le porte il Golf Club Eppan (Appiano): un campo da golf a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Scoperta dalla Polizia locale, denunciati due nigeriani

OFFICINA ABUSIVA IN VIA CASTELLANA INQUINAVA IL SILE

Motori smontati e lasciati sul terreno, l'olio colava nel fossato


TREVISO - Autovetture smontate in attesa di riparazione, attrezzature per il sollevamento dei veicoli, ricambi depositati al suolo e contenitori colmi di olio motore esausto: questo lo scenario che si è presentato davanti agli occhi degli agenti. La Polizia Locale di Treviso ha compiuto un'importante attività di contrasto all'inquinamento ambientale ed all'abusivismo commerciale, eseguita dal Nucleo di Tutela Territorio. Gli operatori, infatti, in seguito di un minuzioso controllo su un'area residenziale di via Castellana, hanno accertato la presenza abusiva di un'officina meccanica a cielo aperto, in totale assenza di autorizzazioni ambientali ed amministrative.
I vigili hanno immediatamente identificato due quarantenni di nazionalità nigeriana, come i responsabili dell'attività di autoriparazione. Nel corso dell'operazione gli agenti hanno verificato come proprio l'attività abusiva fosse la causa dell'inquinamento delle acque di un fossato affluente al fiume Sile, segnalato ripetutamente negli ultimi mesi dai residenti della zona. L'olio esausto dei veicoli riparati, infatti, percolava in un fossato adiacente alla pseudo officina, costituendo un grave pericolo per l'ecosistema fluviale minacciandone la fauna e la flora. Anche il deposito di parti di motore sul terreno rappresentava un fattore di rischio ambientale, stante l'altissima probabilità di infiltrazione di liquidi lubrificanti. Il Nucleo Tutela Territorio, rilevato il reato ambientale, ha proceduto alla messa in sicurezza dell'area con conseguente intimazione di pulizia e bonifica dei luoghi.
I gestori dell'attività abusiva sono stati quindi denunciati a piede libero per la violazione della normativa in materia ambientale e per la gestione illecita dei rifiuti, nonché sanzionati con un verbale da 5mila euro, a fronte dell'esercizio dell'attività abusiva di autoriparazione.
Si mantiene così attivo il ruolo di tutela dell'ambiente esercitato dalla Polizia Locale di Treviso, attraverso la vigilanza ed il controllo in ambito urbanistico ed edilizio nonchè di polizia ambientale e sanitaria. “Un altro importante risultato conseguito dalla nostra polizia locale – affermano il sindaco di Treviso Giovanni Manildo e l’assessore alla sicurezza Roberto Grigoletto – un plauso ai nostri agenti, al comandante Maurizio Tondato per questa operazione che restituisce alla giustizia i responsabili e mette in sicurezza il nostro patrimonio ambientale”.
“Continua la presenza dei nostri agenti sul territorio con risultati positivi anche nell'ambito della tutela del territorio e in questo caso di contrasto all'inquinamento ambientale – dichiara il comandante Maurizio Tondato - La nuova riorganizzazione che ci siamo dati ha permesso di avere più agenti sul territorio e questa accompagnata dalla professionalità dei nostri agenti ci ha permesso di raggiungere risultati positivi in tutti i settori di nostra competenza”.