Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/299: AD ABU DHABI WESTWOOD SI IMPONE SU UN SORPRENDENTE LAPORTA

Nel torneo in vigore le norma anti-gioco lento


ABU DHABI - Sono sette gli azzurri che partecipano al Championship di Abu Dhabi, il primo degli otto tornei sponsorizzati dalla Rolex nell’ambito dell’Eurotour. Sono numerosi, i campioni che iniziano l’anno 2020 negli Emirati Arabi Uniti all’Abu Dhabi GC, con lo statunitense...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/298: DOPO LE PROTESTE POLITICHE, AD HONG KONG TORNA IL GOLF

Successo per Wade Ormsby, Andrea Pavan unico azzurro


HONG KONG - Era stato rinviato per problemi di sicurezza l'Hong Kong Open. Avrebbe dovuto prendere avvio il 28 novembre, ma i disordini legati alla difficile situazione sociale, riordiamo i continui scontri nel Paese, aveva indotto gli organizzatori ad annullare la gara. Ora questo torneo...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/297: L'ALTRA META' DEL CIELO, IL GOLF AL FEMMINILE

Ad Evian, in Francia, l'unico major "rosa" d'Europa


EVIAN  - Nel doveroso ricordo del record assoluto di vittorie in campo internazionale conquistate dagli azzurri Bertasio, Gagli, Laporta, Migliozzi, i Molinari, Paratore, Pavan nel 2019, cominciamo il 2020 dando l'onore al Golf femminile, seppur in assenza delle atlete italiane.Il Ladies...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Le linee del nuovo piano industriale presentate ai sindacati

BENETTON, RILANCIO IN TRE ANNI PARTENDO DAI GIOVANI

Niente esuberi, ma nuovi negozi e nuovi mercati


TREVISO - Niente esuberi e tre anni per tornare all'utile. Ripartendo dai giovani. Sono le linee guida del nuovo piano industriale di Benetton: le hanno illustrate i manager, in testa il nuovo responsabile delle risorse umane Nicola Pelà, in un incontro martedì con sindacati e rsu, e questi ne hanno poi riferito ai lavoratori nelle assemblee  succedutesi per tutta la giornata di mercoledì, mentre il cda iniziava a discutere i programmi concreti.
Il primo punto della svolta impressa con il ritorno alla guida operativa di Luciano Benetton, è di riportare i conti in attivo. Il rilancio passa attraverso la conquista di nuovi mercati e il recupero di quelli da cui il gruppo si è di recente progressivamente ritirato, ad esempio Cina, Estremo Oriente e area del Pacifico. Per aumentare le vendite si punterà sul restyling dei negozi. Dove già sperimentati, i nuovi allestimenti stanno dando risultati soddisfacenti, come a Treviso (in piazza Indipendenza), Cortina, Milano: lo store milanese, in particolare, ha registrato un più 40% rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso. E verranno potenziate le piattaforme per il commercio elettronico. Riguardo al prodotto, le nuove collezioni cercheranno di rappresentare ancor più l'essenza storica del marchio, puntando su colore e maglieria, senza inseguire il modello di fast fashion dei concorrenti Zara e H&M.
Ma il rinnovamento riguarderà anche l'organizzazione: la catena decisionale verrà accorciatata e i nuovi vertici mirano ad abbassare l'età media dei 1.400 dipendenti (400 circa in produzione, il resto nelle aree creative, progettazione, commerciale e amministrativa), attualmente intorno ai 46 anni: l'obiettivo, hanno spiegato i dirigenti, è arrivare ad "una Benetton dei trentenni".