Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/340: L'AUGUSTA MASTERS INCORONA DUSTIN JOHNSON

Insolita collocazione autunnale per l'ultimo major


AUGUSTA - Un Masters Tournament insolito, giocato a metà novembre anziché ad aprile, non primo, ultimo major. L’autunno propone tutt’altra scenografia rispetto al clima primaverile quando l’Augusta in Georgia ama fare sfoggio di un mare di fiori: distese di...continua

Attualità
PILLOLE DI GOLF/339: FRANCESCO MOLINARI, AL RIETRO, È 15° A HOUSTON

Carlos Ortiz regala al Messico un successo dopo 40 anni


HOUSTON (USA) - Francesco Molinari è tornato in campo per partecipare al Vivint Houston Open, torneo del PGA Tour in programma sul par 70 del Memorial Park Golf Course di Houston in Texas. Qualcuno lo definisce “la gara dei grandi ritorni”. Tra i più attesi, oltre a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/338: ALL'ASOLO GOLF IL TROFEO CA' DEL POGGIO

Evento tra sport, musica e convilità, con star Mal dei Primitives


SAN PIETRO DI FELETTO - Una partita di Golf coronata da una gustosissima serata. Centoquattro hanno partecipato alla gara: musicisti, cantanti o semplicemente amanti della musica, al seguito di Paul Bradley Couling, in arte Mal dei Primitives. Era la tappa finale del Challenge AICMG,...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Vittoria con bonus per il Benetton nel derby d'Italia

I LEONI SBRANANO LE ZEBRE: A MONIGO FINISCE 27-14

Doppietta di Esposito e mete di Faiva e Gori


TREVISO - Finalmente un pomeriggio di gloria per il Benetton, che fa suo il derby d'Italia portandosi a casa anche il punto di bonus. Nei minuti iniziali il possesso dell’ovale è completamente bianconero, ospiti che provano a rendersi pericolosi con le invenzioni nel loro numero 10 Carlo Canna. Al 5’ ancora le Zebre con Boni ma il centro perde il controllo del pallone. I Leoni si affacciano in avanti e lo fanno anche grazie alle lunghe pedate di Banks che in un paio di circostanze permette ai suoi di risalire il campo. Così al 18’ dagli sviluppi di una touche, gli uomini di Crowley costruiscono l’azione che porta Esposito in meta; Banks dalla piazzola non centra i pali. Dopo la meta realizzata, i Leoni continuano a tenere alta la pressione costringendo le Zebre a rimanere all’interno della loro metà campo. Al 32’ fuorigioco biancoverde a ridosso della propria linea dei 22, Violi dalla piazzola accorcia le distanze per i suoi. Nei minuti finali del primo tempo i Leoni provano a fare male ancora ma un errore in touche vanifica quanto di buono fatto, non c’è più tempo e si va negli spogliatoi sul parziale di 5 a 3. L’inizio di ripresa è subito più vivace della prima frazione di gioco, l’appena entrato Faiva raccoglie l’ovale a pochi metri dalla linea di meta delle Zebre e marca per i suoi; Banks dalla piazzola non sbaglia.

Le Zebre replicano subito, fallo commesso dai Leoni sotto i propri pali, Canna accorcia le distanze con un piazzato. Al 46’ confusione in campo con un accenno di rissa successiva ad un’irregolarità commessa, il direttore di gara Mitrea si consulta con il TMO e decide di sanzionare Meyer con il cartellino rosso e Budd con il giallo. Il gioco riprende con la punizione di Banks che centra i pali portando il punteggio sul 15 a 6 in favore dei Leoni. Al 49’ le Zebre trovano la meta grazie alla bella azione di Minozzi che trova il break giusto, l’estremo serve Bisegni e quest’ultimo vola in meta. Canna non è preciso nella trasformazione. Al 60’ da un errore in touche dei Leoni, le Zebre trovano la punizione per centrare i pali e portarsi ad un solo punto di svantaggio dai biancoverdi. Gli uomini di Crowley non si scompongono così al 64’ da rimessa laterale portano a terra l’ovale e dopo una serie di pick and go la palla finisce le mani di Banks che serve Esposito per la doppietta dell’ala. Il calcio di Banks dalla piazzola finisce fuori bersaglio.

Alcuni minuti dopo Barbieri va oltre la linea di meta ma l’arbitro non convalida. Si riprende con una mischia sui 5, il pack biancoverde avanza ordinato così Gori raccoglie da terra l’ovale e si tuffa in meta. McKinley dalla piazzola si iscrive tra i marcatori del match.


BENETTON-ZEBRE 27-14
BENETTON 15 Jayden Hayward, 14 Angelo Esposito (67’ Tommaso Benvenuti), 13 Ignacio Brex, 12 Alberto Sgarbi, 11 Monty Ioane, 10 Marty Banks (66’ Ian McKinley), 9 Tito Tebaldi (51’ Edoardo Gori), 8 Robert Barbieri (71’ Marco Barbini), 7 Abraham Steyn, 6 Whetu Douglas, 5 Dean Budd (C), 4 Alessandro Zanni (47’ Federico Ruzza), 3 Tiziano Pasquali (58’ Cherif Traore), 2 Tomas Baravalle (40’ Hame Faiva), 1 Nicola Quaglio (48’ Federico Zani) All. Crowley.
ZEBRE 15 Matteo Minozzi, 14 Giulio Bisegni (67’ Ciaran Gaffney), 13 Tommaso Boni, 12 Tommaso Castello (C), 11 Mattia Bellini, 10 Carlo Canna, 9 Marcello Violi (67’ Guglielmo Palazzani), 8 Renato Giammarioli, 7 Johan Meyer, 6 Maxime Mbandà (67’ Derick Minnie), 5 George Biagi, 4 David Sisi (66’ Jacopo Sarto), 3 Dario Chistolini (56’ Roberto Tenga), 2 Oliviero Fabiani (68’ Tommaso D’Apice), 1 Andrea Lovotti (67’ Cruze Ah-Nau) A disposizione 22 Serafin Bordoli
MARCATORI: 18’ meta Esposito, 33’ p. Violi, 41’ meta Faiva tr. Banks, 47’ p. Banks, 49’ meta Bisegni, 60’ p. Canna, 64’ meta Esposito, 71’ meta Gori tr. McKinley
ARBITRO: Mitrea (Italia)
NOTE: 47’ giallo a Budd, 47’ rosso a Meyer