Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/220: BROOKS KOEPKA FA IL BIS ALL'US OPEN

Il terribile campo di Shinnecock Hills fa strage di big


TREVISO - Risale al 1891 la storia di questo percorso che nasce a 12 buche, alle porte di New York. Seguirono le altre 6 nel 1895, poi subì modifiche nel 1920, per essere completato nel 1931. Oggi il percorso è un par 70 di ben 6.808 metri. Da sempre considerato tra i più...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/219: DAI CONTI CORRENTI AL GREEN, LA SFIDA DEI BANCARI

A Ca' della Nave il torneo tra gli istituti di credito europei


MARTELLAGO - Patrocinato dalla Federazione Italiana Golf, c’è stato, al Circolo del Golf di Cà della Nave, l’incontro di Golf interbancario, tra i dipendenti degli istituti di credito d’Europa, il 17esimo, che ha impegnato il Club ospitante per cinque giornate. Si...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/218: UN GRANDE MOLINARI INFIAMMA L'OPEN D'ITALIA

La vittoria finale, però, va per un colpo al danese Olesen


SOLANO DEL LAGO (BS) - Eccoci arrivati all’Open d’Italia, il tanto atteso appuntamento, il maggiore del Golf italiano. Prologo domenica 27, in piazza Malvezzi e sul lungolago Cesare Battisti a Desenzano, era festa grande a Soiano del Lago: entusiasmo, curiosità, musica e...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 
ASCOLTA IL SERVIZIO ON-LINEAscolta la notizia

La nostra rubrica sul mondo golfistico a cura di Paolo Pilla

PILLOLE DI GOLF/200: DUSTIN JOHNSON CAMPIONISSIMO ALLE HAWAII

Il numero uno del ranking trionfa nel Sentry Toornament


TREVISO - Siamo ormai all’undicesimo torneo del PGA americano 2018, il Sentry Tournament of Champions, che si è giocato negli Stati Uniti al Plantation Course di Kapalua, da 4 al 7 gennaio. È l’undicesimo, giacché la prima gara della stagione, il Safeway Open, è stata giocata nel mese di ottobre in California. Nell’incontro, in questo campo par 73, nella contea di Maui - Hawaii, il montepremi è di 6.300.000 dollari, con prima moneta di 1.260.000.
Il torneo ha anche valore per la FedExCup, competizione che procede di pari passo con il Tour. Ad ogni partita del Tour viene assegnato un punteggio, che va a determinare il Campione PGA Tour della stagione. Alla conclusione, i migliori confluiscono nei Playoff di FedExCup, che si giocano nelle quattro settimane successive alla stagione, e vanno a competere per il premio più ricco del golf, il FedExCup. Al primo playoff partecipano i 125 migliori giocatori, al secondo 100, al terzo 70, il finale, sempre ad Atlanta, sarà composto dalle migliori 30 qualificazioni. Tiger Woods è stato vincitore con primo premio da 10 milioni$ nel 2007, e la seconda volta nel 2009. La scorsa stagione ha visto vincitore della Fedex Cup il ventiquattrenne del Kentucky Justin Thomas, che in una sola gara ha guadagnato 10.945.000 dollari, compresi i 945.000 della seconda moneta del Championship, ed è anche balzato in vetta alla money list statunitense, con un totale di 9.921.560 dollari. Il record, è tuttavia ancora del nordirlandese Rory McIlroy, il quale nel 2016 ne ricevette 11.530.000.
Tra i giocatori idonei al Tour ci sarebbero Matteo Manassero, Edoardo e Francesco Molinari, ma per entrare a far parte di ogni singolo torneo, la selezione avviene tenendo conto del punteggio che il professionista ha nell’ordine di merito.
Gli orari di partenza sono alle 10.20 di ogni giorno, salvo il sabato che avviene alle 7.20 del mattino.
Ma seguiamo il torneo, composto da un field di altissimo livello, con i 34 partecipanti vincitori di tornei nella passata stagione, di cui sette figurano tra i top ten del mondo. Grandi assenti gli europei Justin Rose, Henrik Stenson, e Sergio Garcia.

- E' Marc Leishman a comandare la classifica dopo la prima giornata. Con (-6) l’australiano guida i migliori, precedendo Brian Harman e il boliviano Jhonattan Vegas a quota (-5).
Avvio negativo per il vincitore dello U.S. Open 2017 Brooks Koepka (+5): inizia il nuovo anno con un giro da dimenticare: prime quattro buche bogey, bogey, doppio bogey, bogey.

- E' ancora l’australiano a mantenere la supremazia nel secondo giro con (-10), ma è raggiunto al vertice dall’americano Brian Harman, che ha girato con un colpo di meno, e si lascia alle spalle Dustin Johnson, attualmente in testa alla classifica mondiale. Il miglior secondo giro è stato di Jordan Spieth, con -7; non bene per Justin Thomas, che con uno score di (+2), perde tredici posizioni.


- Nella giornata di sabato è Dustin Johnson che tira finalmente fuori le unghie: con lo score a -7, Il numero uno del mondo sale al primo posto (-16), due colpi di vantaggio sul connazionale. Continua in negativo Brooks Koepka, che chiude a (+11), dopo 54 buche sempre tristemente sopra il par del Campo.


- Siamo alle battute finali: con otto colpi di vantaggio sullo spagnolo Jon Rahm, è Dustin Johnson a dominare il Sentry Tournament of Champions con (-24), nei parziali di 69-68-66-65. È così che il numero uno del mondo inizia il 2018, con un’eccellente prestazione, messa ancor più in risalto l’ultimo giorno, ottenendo il migliore score di tutto il torneo; chiude infatti l’ultimo giro, con otto sotto il par del campo, nonostante quei cinque bogey che hanno tolto un po’ di smalto ai 23 birdie e tre eagle. Straordinario!!


Tutto al contrario per il vincitore dell’U.S. Open, Brooks Koepka, che ha evidenziato un deciso fuori forma: ha giocato tutti quattro i giri sopra par, chiudendo a (+13), addirittura 37 colpi più dell’americano. Superdotato fisicamente, con uno swing molto potente, il campione dei campioni Dustin Johnson, che ha il colpo più lungo tra i giocatori del circuito, è all'ottava vittoria dall'inizio del 2016. Solo Tiger Woods con 18 vittorie ha vinto più di Johnson (17), da quando è professionista. Lo aveva detto prima del torneo, che avrebbe avuto una stagione fortissima. Intasca 1.260.000 dollari, e raggiunge il secondo posto nella FedEx Cup, al cui comando vede per il momento il massiccio 41enne di Phoenix, Arizona, Pat Perez. Il prossimo rendez-vous del PGA Tour sarà giovedì, sempre alle Hawaii, con il Sony Open, e mi sa tanto….
Paolo Pilla