Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/240: A DONNAFUGATA IL CAMPIONATO INDIVIDUALE AIGG 2018

I giornalisti golfisti si sfidano in Sicilia


DONNAFUGATA - Il maltempo aveva imperversato fino il giorno prima, e continuava a devastare parte della Sicilia. Non eravamo in molti giornalisti praticanti di golf provenienti da mezza Italia, a prendere il coraggio e andar a sostenere il Campionato già da tempo programmato. Donnafugata, il...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/239: DAGLI USA LA NUOVA PROMESSA AZZURRA

Virginia Elena Carta vince il Landfall Traditional


La giovane italiana Virginia Elena Carta trionfa nel Landfall Traditional, prestigioso torneo del campionato universitario americano.  È il 30° successo azzurro in campo internazionale: nuovo record in una stagione. Conosco Virginia, son passati molti anni da quando ebbi...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/238: IL CAMPIONATO ITALIANO DI DOPPIO DELL'AIGG

Al club Chervò il torneo intitolato a Paolo Dal Fior


SIRMIONE - Concluso il Challenge AIGG che ci ha portato a giocare sui più bei Campi d’Italia, e insabbiata la Coppa delle Nazioni dall’esito meno brillante per la squadra dell’Italia (sesto posto), vinta dalla Germania a Villa Carolina, era ora la volta del Campionato...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Pachistano tenta di fuggire e colpisce anche un agente

PROFUGO SORPRESO DUE VOLTE A SPACCIARE IN TRE GIORNI

Fermato dalla Locale davanti al Riccati di Treviso


TREVISO -  Sorpreso due volte in tre giorni a spacciare sostanze stupefacenti, e nella seconda occasione un agente della Polizia locale è rimasto anche contuso nella colluttazione che ha preceduto il fermo.
È accaduto a Treviso, dove stamattina un richiedente asilo pachistano è stato sorpreso in flagranza di reato di fronte all'Istituto Riccati, intento a vendere marijuana a giovani studenti italiani, probabilmente minorenni. M.A. non è nuovo a questo tipo di condotta: si tratta di un pachistano di 31 anni già noto alle autorità, espulso dal centro di accoglienza dell'ex Caserma Serena e già identificato più di una volta nelle zone di spaccio. La richiesta di asilo politico gli è stata negata e adesso è in attesa del pronunciamento in merito al suo ricorso: nel frattempo, risulta senza fissa dimora e nullatenente.

Appena due giorni fa, martedì 9 gennaio intorno alle 19, era stato fermato in via Orioli dagli agenti della Polizia Locale in abiti civili, mentre vendeva sostanze stupefacenti ad una ragazza italiana. In tasca, 11 grammi di marijuana già suddivisi in dosi e 160 euro in contanti: una somma sospetta per una persona in stato di indigenza. Gli agenti avevano allora provveduto al sequestro penale del denaro e delle sostanze illegali, e avevano deferito l'immigrato all'autorità giudiziaria.

Evidentemente non è bastato, perché stamattina, intorno alle 7.30, la scena si è ripetuta davanti ad una delle scuole del centro storico. Accortosi della presenza dei vigili, lo straniero è fuggito, ma è stato infine raggiunto all'altezza delle Poste centrali, in via degli Scaligeri. Nella successiva colluttazione un agente ha riportato delle lesioni di non grave entità, per le quali ha dovuto però recarsi all’ospedale Ca' Foncello di Treviso.
Nuovamente accompagnato in Comando, il pachistano stato trovato in possesso di una dozzina di dosi di marijuana. È stato allora interpellato il pm: il magistrato ha così disposto che il 31enne fosse denunciato a piede libero. Gli vengono contestati quindi i reati previsti e puniti dagli artt. 73 del D..R. 309/1990 (spaccio), 337 c.p. (resistenza) e 582 c.p. (lesioni).