Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/244: AUSTRALIA E SUD AFRICA OPEN, DEBACLE AZZURRA

Italiani sottotono negli ultimi due tornei prima delle festività


TREVISO - Due tornei di rilievo dell’European Tour, prima di una breve pausa.  Ad Albany, New Providence, organizzato in combinata tra European Tour e PGA of Australia, si è giocato l’Isps Anda. sul percorso del Royal Pines (par 72) a Benowa, nel Queensland. Montepremi un...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/243: IN AUSTRALIA LA COPPA DEL MONDO A SQUADRE

Vince il Belgio, sesta la coppia azzurra Pavan - Paratore


MELBOURNE - Ancora nel clamore del trionfo di Francesco Molinari alla Race To Dubai, i giocatori azzurri sono chiamati a un altro importante appuntamento. A Melbourne, si gioca la 59ª edizione della Isps Handa Melbourne World Cup of Golf, la Coppa del Mondo a squadre che ha luogo al...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/242: SENZA SOSTA, L'EUROPEAN TOUR RIPARTE DA HONG KONG

La prima tappa della nuova stagione all'anglo-indiano Aaron Rai


HONG KONG - Ancora in aria il fragore per il successo di Francesco Molinari, l’European Tour riparte subito per la nuova stagione 2019, come di consueto in anticipo sull’anno solare. Riprende appena una settimana dopo la conclusione del precedente torneo a Dubai, dove Francesco Molinari...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

L'assegnazione del titolo il 16 febbraio a Roma

TREVISO TRA LE DIECI FINALISTE PER CAPITALE DELLE CULTURA 2020

L'annuncio del ministero, Manildo: "Grande notizia"


TREVISO - Treviso è tra le dieci città selezionate dalla Ministero dei beni delle attività culturali e del turismo per aggiudicarsi il titolo di Capitale italiana della Cultura 2020.
La Commissione ministeriale, presieduta da Stefano Baia Curioni, ha annunciato quest’oggi le finaliste del bando dello scorso maggio: insieme alla città veneta si contendono il titolo Agrigento, Bitonto, Casale Monferrato, Macerata, Merano, Parma, Piacenza, Reggio Emilia e Nuoro.
"Una grande notizia": queste le prime parole del sindaco di Treviso Giovanni Manildo dopo l’annuncio. "Quello di oggi è già un grande risultato - sottolinea il primo cittadino - reso possibile grazie all’intenso lavoro coordinato dall’assessore ai Beni culturali Luciano Franchin e realizzato da tante forze vive della città. Un dossier che ha già ottenuto un primo risultato e che ha già fatto conquistare a Treviso un posizionamento importante. Comunque andrà la città ora può contare su un progetto organico di sviluppo, un acceleratore culturale".
“Ringrazio tutti coloro che con passione hanno lavorato alla nostra candidatura - commenta a caldo l’assessore Franchin - è la prova che insieme si possono raggiungere importanti traguardi. Ora attendiamo la nomina della città vincitrice: nel frattempo però possiamo dire che, alla prova dei fatti, Treviso sa essere una città fortemente competitiva nel tessuto della nostra Penisola così ricca di tesori e meraviglie culturali. La cultura ha chiamato e Treviso ha risposto presente”.
Le città della short list arrivano in finale superando le altre 21 candidate al bando dello scorso maggio e ora dovranno presentare il proprio progetto nel corso delle audizioni della Commissione presieduta da Stefano Baia Curioni. La città vincitrice potrà rappresentare per un anno la nuova offerta culturale e turistica nazionale, attuando il proprio progetto grazie al contributo statale di 1 milione di euro.
L’iniziativa, istituita con la Legge Art Bonus per il periodo 2015 – 2018 per valorizzare la progettualità delle candidate italiane a Capitale Europea della Cultura 2019 e divenuta stabile con la Legge di Bilancio 2018, è volta a sostenere e incoraggiare cartelloni di eventi e attività capaci di far recepire in maniera sempre più diffusa il valore della leva culturale per la coesione sociale, l’integrazione, la creatività, l’innovazione, lo sviluppo economico e il benessere individuale e collettivo.
Il titolo di Capitale italiana della Cultura 2020 sarà assegnato, come di consueto, nell’ambito di una cerimonia pubblica nella sede del ministero, a Roma, in via del Collegio Romano 27, il prossimo 16 febbraio alle 11.00 alla presenza del ministro Franceschini.