Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/243: IN AUSTRALIA LA COPPA DEL MONDO A SQUADRE

Vince il Belgio, sesta la coppia azzurra Pavan - Paratore


MELBOURNE - Ancora nel clamore del trionfo di Francesco Molinari alla Race To Dubai, i giocatori azzurri sono chiamati a un altro importante appuntamento. A Melbourne, si gioca la 59ª edizione della Isps Handa Melbourne World Cup of Golf, la Coppa del Mondo a squadre che ha luogo al...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/242: SENZA SOSTA, L'EUROPEAN TOUR RIPARTE DA HONG KONG

La prima tappa della nuova stagione all'anglo-indiano Aaron Rai


HONG KONG - Ancora in aria il fragore per il successo di Francesco Molinari, l’European Tour riparte subito per la nuova stagione 2019, come di consueto in anticipo sull’anno solare. Riprende appena una settimana dopo la conclusione del precedente torneo a Dubai, dove Francesco Molinari...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/241: MOLINARI NUMERO UNO IN EUROPA

A Dubai conclusa la stagione del circuito continentale


DUBAI - Sul percorso dello Jumeirah Golf Estates, a Dubai, negli Emirati Arabi Uniti, si gioca l’ultima gara stagionale, il DP World Tour Championship, che va a concludere la “Race to Dubai”, con un montepremi di otto milioni di dollari. Sono ammessi i primi sessanta della...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 
ASCOLTA IL SERVIZIO ON-LINEAscolta la notizia

La rubrica dedicata ai circoli golfisitici a cura di Paolo Pilla

CAMPI DA GOLF/16: IL GOLF CLUB SATURNIA

Si gioca tra le acque termali e la natura della Maremma


SATURNIA - Leggenda vuole che Saturnia, il cui nome si rifà a Saturno il dio delle messi che con una saetta fece zampillare una fonte di acqua calda, sia stata la prima città italica. Al di là della leggenda, in quella parte di affascinante misteriosa Maremma, quell’acqua calda e sulfurea sgorga ancora, e da tremila anni, alla stessa temperatura di 37,5 gradi. Inizia dal ventre del monte Amiata il percorso delle acque meteoriche. Le gocce d’acqua filtrano attraverso le fessure delle rocce calcaree fino a 60 metri di profondità, e fanno il loro percorso protette da un manto argilloso di tale spessore, che le isola totalmente da contatti esterni. L’acqua si arricchisce di sali minerali, e rivede infine la luce dopo circa quarant’anni, a Saturnia, emergendo con una straordinaria emissione di quasi 500 litri al secondo all’interno di un cratere naturale, alla stessa temperatura del liquido amniotico che protegge il nascituro nel ventre della madre.
Questo fenomeno, che ha del miracoloso, dona una salubre, particolare ricchezza al territorio. Si chiamava Aurinia il sito al tempo degli etruschi; furono i romani a cambiarne il nome in Saturnia, e lì impararono a sfruttare l’aspetto benefico delle terme. Furono proprio loro, i romani, a coniare l’acronimo SPA (Salus Per Aquam) e, oltre al valore salutare, diedero alle terme l’attraente ruolo di piacere amoroso, di luogo politico, e di ambito socializzante.
In questa magica terra è inserito il Resort Terme di Saturnia, i cui tratti sono altrettanto magici nel generare esperienze e sensazioni uniche con i riti termali come l’essere cosparsi di oli, di fanghi, e con i massaggi tonificanti. Un particolare, suggestivo ambiente, in travertino, fa rivivere il clima delle antiche terme romane.
Il fiore all’occhiello del resort, è però il Campo da Golf: sono 70 gli ettari nella valle di Saturnia che ne abbracciano il percorso ondulato, tracciato nel 2008 con numerosi bunker e ostacoli d’acqua, dall’architetto californiano Ronald Fream. Regala paesaggi emozionanti, ma soprattutto dà la sensazione di un territorio immenso, abitato da cervi, caprioli, lepri, fagiani, tartarughe, e dalle tante specie di uccelli della maremma. Nel percorrere il Campo giocando a Golf, è gradevole alzare a tratti gli occhi sulla ordinata campagna circostante, sugli uliveti, e sugli abitati limitrofi. Non è a caso che il Club ha ottenuto l’autorevole attestazione GEO di rispetto alla natura per l’assoluta attenzione all’ambiente, e per l’intelligente gestione della risorsa idrica: i consumi di acqua sono estremamente ridotti. Il territorio che lo circonda, seduttore nella sua natura selvatica, è però ricco anche di tappe culturali e archeologiche di grande coinvolgimento. Sono andato a visitare, scoprendoli, borghi medioevali, ruderi romani, necropoli etrusche, sempre immerso in quel tipico fascino, che la terra toscana possiede. Ce ne sono a iosa, ne cito qualcuno che maggiormente mi ha colpito: Montemerano, splendido sobborgo medievale con le sue viuzze stimolanti arroccato su di un colle, Sovana, incassata tra le mura antichissime e con le sue viuzze, ancora praticabili, lastricate dagli etruschi, Sorano, con la leggendaria magia del severo castello eretto su una rupe vulcanica, itigliano, posto a strapiombo su pareti di tufo, che già da lontano ti affascina, è il più spettacolare. Ma non sono finite le località da visitare, è d’obbligo andar a vedere il Parco dell’Uccellina, fare una puntata a Capalbio, all’Argentario.
È da tener presente che in Maremma non ci sono autostrade, per cui è bene pianificarsi il percorso, ma soprattutto è bene godere del paesaggio, farne una scorpacciata.
A Saturnia ci sono arrivato con il mio peregrinare a seguito delle gare dell’AIGG, generosamente supportate dallo sponsor DIAVOLINA. Qui, contrariamente al solito frettoloso rientro, in compagnia di Florio che ne sentiva uguale desiderio, ho soggiornato un po’ di più. Scelta felice. È tutta troppo bella la Maremma, e la cucina è prelibata. Perfino l’acqua cotta ho mangiato, che proprio non conoscevo, e il cui nome mi affacciava tutto un programma, m’incuriosiva un bel po’. Arrivavamo da Punta Ala, altro posto incantevole proprio sul mare, e per raggiungere il Golf Terme di Saturnia, abbiamo percorso tutta una teoria di colline boscose, ricche di profumi. Per quanto riguarda la gara, non è stato appagante il mio gioco. Pazienza! Ci hanno pensato altri a giocar bene: una per tutti Prisca Taruffi, bravissima, che con un eccellente giro si è conquistato il primo lordo. Poliedrica come il padre l’ingegner Piero Taruffi, uno dei più grandi piloti di tutti i tempi, ne segue le orme. Campionessa Italiana di Rally, Direttore Tecnico nei corsi di Guida Sicura e Sportiva, Campionessa di Golf nel Ladies Seniores 2010, è simpatica giornalista di cui amo leggere i reportage.
Al di là dei premi destinati ai più bravi, siamo stati tutti vincitori, nelle caldissime attenzioni del gestore Procolo Sabbatino: ci ha fatto trovare un ricco e saporito terzo tempo, che ci ha lautamente corroborato.
Paolo Pilla