Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/286: L'OPEN D'ITALIA PER LA PRIMA VOLTA PARLA AUSTRIACO

All'Olgiata si impone Bernd Wiesberger, sotto tono Chicco Molinari


ROMA - Eccoci giunti al più grande appuntamento italiano dell’anno con il Golf: la 76esima edizione dell’OPEN D’ITALIA. A ospitarla è l’Olgiata Golf Club di Roma,nel percorso di gara, par 71, su quei terreni dove pascolava Ribot; un Open da gustare dalla...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/285: JON RAHM PROFETA IN PATRIA

L'iberico trionfa per la seconda volta nell'Open di Spagna


MADRID - L’European Tour arriva in Spagna, fa tappa al Club de Campo di Madrid, dove si disputa il Mutuactivos Open de España, una settimana prima dell’evento italiano. Sette sono gli azzurri in gara, tutti tesi a trovare il ritmo da dimostrarepoi a Roma, per l’Open...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/284: TURKISH AIRLINES CUP, RAFFINATA PROMOZIONE SPORTIVA

La tappa veneta del torneo voluto dalla compagnia aerea


ASOLO -  Una raffinata giornata, questo torneo di Golf amatoriale. È la tappa veneziano del Campionato che Turkish Airlines promuove nei quattro Continenti. È di qualificazione, introduttivo al gran finale che verrà disputato a Belek, in Turchia, dal prossimo sabato 2 alla...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Nella relazione della Commissione ecomafie anche il caso Vidori

PUPPATO: “TROPPI INCENDI NEGLI IMPIANTI DI SMALTIMENTO IN VENETO"

"7 casi dal 2015 ad oggi in Veneto. Non una coincidenza"


TREVISO - “Gli incendi agli impianti di smaltimento dei rifiuti sono raddoppiati in meno di tre anni, passando dai 35 che si contavano nel 2014 ai 66 già avvenuti ad agosto 2017 (si chiuderà l'anno horribilis intorno ai 100) e si concentrano per quasi la metà nelle regioni del Nord, con il Veneto a fare da maglia nera in questa speciale classifica”. È quanto emerge dalla relazione della Commissione Ecomafie sugli incendi, che dedica un ampio passaggio all’incendio di quest’estate alla Vidori di Vidor (TV) in cui si dà conto delle indagini in corso e delle circostanze che hanno portato allo sviluppo dell’incendio.

“Attendiamo l’esito delle indagini che però in passato, nella metà dei casi, non sono state in grado di determinare colpe o responsabilità chiare - ha detto Laura Puppato che già aveva descritto la situazione in un incontro a Vidor - ma è evidente che il Veneto si trova al centro di una serie di eventi che non può essere considerata come figlia di mera coincidenza: abbiamo analizzato i 9 episodi maggiori, di cui 7 concentrati dal 2015 ad oggi. Sono tutti incendi accaduti nelle province di Padova, Treviso e Vicenza, ovvero quelle del Veneto centrale, non a caso in una delle aree più produttive d’Europa, al centro in questi giorni, anche di inchieste relative ad accertare la presenza della criminalità organizzata”.

“Siamo in un momento decisivo per la nostra storia e per il nostro ambiente, gli appetiti sono evidenti, ma altrettanto evidente e necessario è, dopo aver emanato la importante legge sugli ecoreati che ha impedito di proseguire con gli smaltimenti illeciti, trovare un coordinamento nella prevenzione, nei controlli e negli accertamenti che impedisca incendi di questa negativa rilevanza socio-ambientale e si traduca in una mancata concessione ad operare nel settore per aziende sospette e titolari con precedenti penali. Ne va del corretto sviluppo dell'economia circolare che prevede il completo recupero della materia prima derivante dal rifiuto" ha concluso Puppato.