Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/223: I SOCI AIGG SI SFIDANO SULLE DOLOMITI

Tre giornate in quota tra Alto Adige e Trentino


BOLZANO - Un interessante momento nelle gare dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti: tre giornate di golf impegnativo, in aggiunta all’annuale challenge, per godere le Dolomiti. Nella giornata di apertura ci spalanca le porte il Golf Club Eppan (Appiano): un campo da golf a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

La ricerca Confcommercio- Quaeris sui primi giorni di svendite

SALDI INVERNALI "FREDDI": SOLO IL 35% DEI CLIENTI COMPRA

Per quasi metà dei negozianti vendite in calo


TREVISO - I saldi invernali 2018, nella Marca, sono partiti con il freno tirato. Il 47,8% dei negozi registra un minor afflusso rispetto all'anno scorso. Lo evidenzia una ricerca, pressoché in tempo reale (i ribassi sono cominciati il 5 gennaio scorso), della società specializzata Quaeris per conto di Confcommercio Treviso.
La rilevazione, d'altra parte, conferma una perdita di interesse per le svendite di fine stagione, sia da parte dei consumatori, sia da parte degli stessi commercianti.
Tra i primi, neppure 35 su cento dichiarano di aver già comprato qualche articolo in saldo o di avere intenzione di farlo nei prossimi giorni. Chi comprerà, peraltro, non si darà certo a spese folli: la maggioranza del campione (il 53,2%) anzi non stanzierà più di cento euro complessivi e solo il 6% si dice pronto a sborsare da 300 euro in su.
Di conseguenza, per oltre metà dei commercianti il saldo invernale inciderà al massimo per il 5% sulle vendite totali dell'intera annata.
Saldo ormai senza senso? Piuttosto da ripensare, per Guido Pomini, presidente provinciale di Federmoda, la federazione dei commercianti di abbigliamento, calzature e accessori (tre quarti degli acquisti durante i ribassi riguarda quasti articoli). A partire dal collocazione temporale e durata: "Posticiparli a fabbraio e agosto, davvero a fine stagione, per un solo mese, avrebbe effetti positivi sui bilanci di moltissime imprese. Ma ci sarebbero vantaggi anche per il consumatore che potrebbe beneficiare fin da subito di sconti con percentuali consistenti".
Piccola consolazione per gli imprenditori del settore: il 72% dei clienti, anche con gli sconti, preferisce rivolgersi al negozio di fiducia. L'e-commerce, del resto, pur in crescita, rimane per ora affare per pochi: solo il 13% dei consumatori dichiara di acquistare on line abitualmente o comunque in misura maggiore rispetto ai punti vendita fisici. E anche chi compra su internet, cerca solo alcuni generi di prodotti.
Nei negozi trevigiani, comunque, si respira un clima più ottimistico rispetto al recente passato: per il 45,6% degli esercenti nel corso del 2017 (al netto dei saldi) le vendite sono calate, a fronte di un 34,8 incline alla stabilità e il 19,6 che vede un incremento. Ma per il 2018 i commercianti si aspettano uno scontrino medio in crescita: da 66 a 74,5 euro.
"I nostri negozi, al di là della funzione economica, svolgono anche un ruolo sociale - ribadisce Federico Capraro, vicepresidente di Confcommercio Treviso - Presidio del territorio, sicurezza, pulizia, illuminazione di vie e piazze: sono funzioni svolte dagli esercizi commerciali nei centri urbani, insostituibili per una realtà amministrativa. Chiediamo di considerare questo aspetto come fondamentale nella programmazione, nella pianificazione urbana, nella tassazione locale: gli strumenti non mancano”.