Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/203: GARY WOODLAND Č IL RE DEL PHOENIX OPEN

Vittoria allo spareggio, tra invasioni di campo e commoventi dediche


SCOTTSDALE (ARIZONA - USA) - dall’1 al 4 febbraio. È sul percorso del TPC, la sfida Waste Management Phoenix, l’Open supportato dalla Gestione dei Rifiuti, che, strano a dirsi, nell'economia dell'Arizona vale 389 milioni di dollari. Il montepremi è di 6.900.000 dollari,...continua

Cronaca
PILLOLE DI GOLF/202: AL FARMERS INSURANCE Č IL GIORNO DI JASON DAY

Nel torneo al Torrey Pines si rivede anche il vero Tiger Woods


In California, nei due percorsi del Golf Torrey Pines, entrambi Par 72, si è giocato dal 25 al 28 gennaio, l’Open sostenuto dalla potente “Assicurazione Agricoltori” americana, con montepremi di 6.900.000 dollari, 1.200.000 dei quali, destinati al vincitore. Il Torrey...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/17: GARDAGOLF COUNTRY CLUB

Sulle colline attorno al lago si disputerā l'Open d'Italia


SOIANO DEL LAGO - È recente la notizia che l’Open d’Italia 2018 è stato assegnato a Gardagolf; andiamo ora a vedere dal vicino questo Club, la cui scelta è stata apprezzata dal gotha dirigenziale dell’European Tour.Di progetto squisitamente inglese (Cotton,...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Per l'occasione verrā restaurata la storica sede di Conegliano

CARPENČ MALVOLTI: LA CANTINA CHE FONDŌ IL PROSECCO COMPIE 150 ANNI

L'azienda fu creata nel 1868 dal capostipite Antonio


CONEGLIANO - E' da sempre una delle eccellenze dell'enologia. Carpenè Malvolti festeggia 150 anni di storia: per celebrare l'anniversario è stato programmato un denso calendario di eventi ed iniziative, fino a dicembre.
La storica casa vitivinicola di Conegliano è stata fondata nel 1868 da Antonio Carpenè, capostipite della famiglia che tuttora mantiene il diretto controllo dell'azienda, primato di longevità nel settore spumantistico italiano. Oggi alla guida c'è Etile Carpenè, quarta generazone della famiglia.
 “Sento forte tanto l'onere quanto l'onore di essere testimone dei valori storici e fondanti ereditati dalla mia Famiglia – afferma Etile Carpenè, presidente della Carpenè Malvolti - E’ un privilegio condurre l'Impresa a questa tappa, avendo sempre posto al centro della nostra mission l'impegno etico di "condividere la storia per determinarne il futuro", sia con i più stretti Collaboratori ed i Clienti tutti sia con il Paese intero”.
I principi ispiratori dell'attività rimangono quelli degli esordi un secolo e mezzo fa: rispetto del territorio, qualità del prodotto, tradizione proiettata al futuro, attraverso una forte identità imprenditoriale - basata sulla cultura scientifica, sulla ricerca e sull'innovazione - ed una sempre attenta interpretazione dei mutamenti sociali ed economici per anticiparne le dinamiche. 
 “Gli eventi celebrativi in programma per i 150 anni - afferma ancora il numero uno della società -, non saranno un'auto-celebrazione bensì un modo per rendere merito e gratitudine al mio bisnonno Antonio Carpenè, che ha avuto l’idea di fondare l’Impresa, valorizzare un territorio ed i suoi frutti nonché permettere alle generazioni successive di continuare a tramandarlo e contribuire alla storia imprenditoriale del nostro Paese”.
Ciò che ha reso la Carpenè Malvolti un "marchio simbolo" nel mondo è la costante energia scientifica ed innovativa, di cui si è sempre fatta pioniera sin dall’intuizione di Antonio Carpenè che per primo volle produrre un vino spumante con le stesse caratteristiche dello Champagne francese ma con un vitigno autoctono della Marca Trevigiana. 
Altra pietra miliare per l'enologia italiana fu la messa a punto del metodo di spumantizzazione per valorizzare le caratteristiche organolettiche del Prosecco, così come la rivoluzionaria decisione di riportare già nel 1924 il nome del vitigno in etichetta.
Non tralasciando quindi di citare il processo di internazionalizzazione, che ancora oggi continua con importanti investimenti sia nel consolidamento dei mercati in cui la cantina trevigiana è già presente da più decenni, sia con lo sviluppo nei paesi emergenti, in particolare quelli asiatici, fino alla restaurazione del sito storico che si aprirà alla città di Conegliano nel prossimo maggio.
 “E’ stato un impegno economico importante, finalizzato peraltro in una fase congiunturale non particolarmente favorevole - sottolinea Etile Carpenè - ma abbiamo ritenuto utile investire nella sede storica e nella relativa immagine, con l’orgoglio di celebrare così i 150 anni dalla fondazione dell’attività d’Impresa, che per noi tutti costituisce una tappa dalla portata storica. Era un sogno che avevo in testa da tempo e che oggi, grazie al contributo di tutta la mia famiglia, in coincidenza con il nostro anniversario imprenditoriale siamo riusciti a realizzare”.


Notizie collegateNOTIZIE COLLEGATE Notizie collegate
28/09/2017 - Carpenč e Cerletti festeggiano 150 anni di storia enologica