Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/203: GARY WOODLAND Č IL RE DEL PHOENIX OPEN

Vittoria allo spareggio, tra invasioni di campo e commoventi dediche


SCOTTSDALE (ARIZONA - USA) - dall’1 al 4 febbraio. È sul percorso del TPC, la sfida Waste Management Phoenix, l’Open supportato dalla Gestione dei Rifiuti, che, strano a dirsi, nell'economia dell'Arizona vale 389 milioni di dollari. Il montepremi è di 6.900.000 dollari,...continua

Cronaca
PILLOLE DI GOLF/202: AL FARMERS INSURANCE Č IL GIORNO DI JASON DAY

Nel torneo al Torrey Pines si rivede anche il vero Tiger Woods


In California, nei due percorsi del Golf Torrey Pines, entrambi Par 72, si è giocato dal 25 al 28 gennaio, l’Open sostenuto dalla potente “Assicurazione Agricoltori” americana, con montepremi di 6.900.000 dollari, 1.200.000 dei quali, destinati al vincitore. Il Torrey...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/17: GARDAGOLF COUNTRY CLUB

Sulle colline attorno al lago si disputerā l'Open d'Italia


SOIANO DEL LAGO - È recente la notizia che l’Open d’Italia 2018 è stato assegnato a Gardagolf; andiamo ora a vedere dal vicino questo Club, la cui scelta è stata apprezzata dal gotha dirigenziale dell’European Tour.Di progetto squisitamente inglese (Cotton,...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

VIDEO/ Fu la prima dinastia ad indicare in etichetta il nome "Prosecco"

CARPENE' MALVOLTI: 150 ANNI DI STORIA E INNOVAZIONE

Il direttore Domenico Scimone racconta alcune tappe della storia


CONEGLIANO - Una missione perseguita da 150 anni; tanti ne sono passati da quando Antonio Carpenè diede i natali a quella che sarebbe poi divenuta una delle più stimate cantine italiane, l'attuale Carpenè Malvolti.
Dopo 150 anni da quell’intuizione, proprio il 2018 - anno in cui il Territorio delle Colline del Conegliano e Valdobbiadene è altresì candidato a divenire patrimonio Unesco - sarà celebrato lungo l'intero anno con un calendario di eventi fortemente evocativo per celebrare sia la Carpenè Malvolti sia la storia vitivinicola dell'intero territorio.


Un anniversario, quindi, che racconta la lungimiranza di una dinastia, rappresentata dall'attuale Presidente Etile Carpenè.
Quattro generazioni, da Antonio ad Etile, ed ancora da Antonio all'attuale Etile, la cui storia mette in luce un'azienda che si è sempre dimostrata pioniera su più fronti. Anzitutto su quello enologico, da una parte con la produzione di un vino spumante di alta qualità sviluppato grazie a ricerche e studi con i più eminenti scienziati dell’Ottocento, con l'obiettivo di mettere a punto il miglior metodo di spumantizzazione per il vitigno principe del territorio quale il Prosecco, oggi denominato Glera. Dall'altra contribuendo all'individuazione del metodo migliore per la coltivazione delle uve, anche realizzando macchine e strumenti per migliorare ogni fase di lavorazione. Il risultato si legge nei numerosi premi ricevuti già alla prima Esposizione Mondiale nel 1873 a Vienna fino alle molteplici medaglie conquistate nei recentissimi tempi.
La consapevolezza del valore di questo prezioso vino è determinante per la creazione nel 1876, della Scuola Enologica di Conegliano, la prima in una Italia da poco unita, che vede Antonio Carpenè tra fondatori.
Uno sguardo proiettato lontano, non solo nel tempo. Sin dall’avvio dell’attività d’impresa, l'azienda punta all'internazionalizzazione iniziando ad esportare nel mondo gli Spumanti ed i Distillati Italiani e valorizzando non solo il marchio Carpenè Malvolti, ma anche l’identità del vitigno: il nome Prosecco verrà inserito per la prima volta nel nel 1924 dalla stessa cantina. L'attenzione alla vestizione delle bottiglie, agli albori del secolo scorso, caratterizza presto la grappa con una forma del vetro rappresentativa della tradizione veneta. L'azienda inoltre crede nella comunicazione, lanciandosi nelle primissime campagne pubblicitarie in televisione già negli anni Sessanta. Una storia lunga 150 anni che la Cantina, presente con i suoi Spumanti e Distillati Italiani in 60 paesi di tutti e cinque i continenti, vuole oggi ricordare e trasmettere attraverso un percorso espositivo multimediale che si snoda all'interno della cantina di Conegliano e una serie di iniziative culturali che si svolgeranno nell'arco di tutto l'anno.

Ai nostri microfoni il direttore generale di Carpenè Malvolti, Domenico Scimone.


Notizie collegateNOTIZIE COLLEGATE Notizie collegate
20/01/2018 - Carpenč Malvolti: la cantina che fondō il Prosecco compie 150 anni
28/09/2017 - Carpenč e Cerletti festeggiano 150 anni di storia enologica