Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Dai parenti morti alle coppie fittizie, frodi per 500mila euro

INTASCAVANO L'ASSEGNO SOCIALE SENZA AVERNE DIRITTO

Guardia di Finanza scopre 14 "furbetti" nella Marca


TREVISO - La Guardia di Finanza di Treviso ha segnalato alla magistratura 14 persone perchè percepivano erogazioni pubbliche illecitamente: dodici stranieri e due italiani.
I militari del Gruppo del capoluogo della Marca hanno passato al setaccio oltre mille posizioni di beneficiari di assegni sociali, individuando, anche tramite mirate indagini bancarie, i percettori senza titolo della speciale prestazione assistenziale erogata dall’Inps a cittadini anziani (con più di sessantacinque anni di età) in condizioni economiche particolarmente disagiate. La contribuzione sociale, prevista dall’art. 3 della legge n. 335 del 1995, è concessa anche agli stranieri, a condizione che abbiano residenza effettiva, stabile e continuativa per almeno dieci anni nel territorio nazionale.
Le investigazioni dei Finanzieri hanno disvelato sia casi di truffa aggravata ai danni dello Stato, sia condotte meno gravi di indebita percezione di erogazioni pubbliche.
Le frodi perpetrate si possono ricondurre a tre fattispecie: la riscossione di assegni concessi a favore di persone decedute. In quattro casi, l’emolumento sociale continuava ad essere ricevuto indebitamente da familiari delegati ad operare sul conto corrente del defunto. Da qui il nome dell’operazione, dato che “48” nella smorfia napoletana è il numero del “morto che parla”. Altro illiecito, la fissazione di residenze fittizie, in modo da continuare a percepire l’erogazione senza averne diritto. Una badante brasiliana, ad esempio, tornata a vivere in Sudamerica, per non perdere l’assegno italiano non aveva spostato la residenza acquisita nel nostro Paese e si faceva accreditare l’indennità su un conto corrente italiano. Infine, la finta separazione coniugale. Curioso è il caso scoperto dai Finanzieri di una coppia di anziani trevigiani che si erano separati al solo fine di riscuotere la contribuzione sociale, ma continuavano a condividere una normale vita familiare.
L’attività delle Fiamme Gialle ha permesso di ricostruire e segnalare all’Autorità Giudiziaria l’illecita percezione di erogazioni pubbliche per mezzo milione di euro complessivi, e di revocarne sedici per assistenza sanitaria di base non spettanti in quanto elargite a favore di quattro defunti e di dodici stranieri solo formalmente residenti in Italia.