Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Shado, società del gruppo, crea la piattaforma web del calciatore

LEONARDO BONUCCI SCEGLIE H-FARM PER IL SUO MONDO MULTIMEDIALE

All'interno del sito anche una miniserie animata


RONCADE - In questi giorni Shado, la società specializzata in campagne multimediali di H-Farm, ha lanciato la nuova piattaforma web di Leonardo Bonucci, calciatore del Milan e della nazionale. Un progetto digitale innovativo che ripensa la relazione tra i tifosi e il campione rossonero grazie a iniziative interattive e di coinvolgimento: lo stesso Bonucci è venuto a presentarlo in H-Farm, dove ha incontrato e si è confrontato con i ragazzi più giovani.
Bonucci, tra i giocatori più “social” della serie A con i suoi 5,5 milioni di follower tra Instagram, Facebook e Twitter, ha sempre dimostrato una forte consapevolezza rispetto al potere del digitale. Questo progetto, spiegano da H-Farm nasce proprio con l’intenzione di sfruttare le potenzialità dei social media per tradurre in modo positivo il ruolo di responsabilità che Leonardo riveste nei confronti dei tifosi, soprattutto di quelli più giovani. Un impegno che da sempre vede il capitano del Milan in prima linea anche con le numerose iniziative di supporto ad associazioni e cause benefiche.

All’interno del sito leonardobonucci.it, oltre a trovare la storia, le gallery fotografiche, il collegamento con i canali social, c’è anche e soprattutto “Big”, una serie animata a micro episodi che coinvolgerà i più giovani, per ispirarli nell’importante momento della crescita, quando si diventa grandi non solo in campo, ma nella vita. “Di cosa è fatta la strada per realizzare i propri sogni? Impegno, talento e rispetto”: Leonardo vuole costruire insieme ai suoi più giovani tifosi una storia da grandi, spronandoli a raccontare le proprie esperienze e a farle diventare la narrazione di “Big”. Da supporter passivi a protagonisti attivi di una storia che li metterà in contatto con una community di persone con gli stessi sogni, le stesse passioni e un esempio positivo di successo come Leonardo.

Da un’indagine di MasterCard (Social Fanalytics report) emerge che gli italiani sono tra i tifosi più attivi sui social network in Europa, oltre il 92% di loro infatti utilizza costantemente piattaforme come Facebook, Twitter ed Instagram, a parimerito solo con gli spagnoli. In questo senso si inserisce il progetto di Leonardo che, non a caso, viene lanciato con un contest per vincere la maglia con cui il capitano del Milan ha segnato il primo gol in rossonero. Ad aggiudicarsela sarà il tifoso che realizzerà il video di 10 secondi più divertente con l’interpretazione della sua celebre esultanza.
Il percorso di Bonucci e il suo staff con Shado è iniziato la scorsa estate proprio da una visione comune, dalla stessa convinzione che sia necessario abbandonare le consuete strategie di engagement per instaurare rapporti più reali e per umanizzare il più possibile il ruolo di un personaggio che ha la possibilità di ispirare positivamente migliaia di ragazzi.