Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Eseguiti lavori su tetto e facciate degli edifici per oltre 85mila euro

RIMESSA A NUOVO LA CASERMA DEI CARABINIERI DI VITTORIO VENETO

Il complesso era stato danneggiato dalla grandinata di giugno


VITTORIO VENETO - La ristrutturazione della caserma dei Carabinieri di Vittorio Veneto è ultimata. Il complesso di via Boni rappresenta un’infrastruttura d’area molto importante per le attività dell’Arma perché, oltre ad ospitarne la stazione cittadina, è anche sede del comando di compagnia dal quale dipendono altre stazioni del comprensorio vittoriese.
Gli alloggi, la caserma e le pertinenze erano stati danneggiati in modo serio dalla violenta grandinata che si è abbattuta su Vittorio Veneto il 25 giugno dello scorso anno.  Gli interventi eseguiti hanno riguardato prima di tutto il tetto degli alloggi di servizio: la copertura è stata integralmente sostituita con la posa di una nuova guaina e di nuove tegole. I lavori hanno poi interessato la facciata nord dell’edificio che ospita gli appartamenti dei militari: su di essa è stato necessario stuccare i fori prodotti sul “cappotto” dai chicchi di ghiaccio con l’applicazione di una doppia rasatura con rete. Questa prima serie di opere ha comportato un costo di 48mila euro.
Lavori analoghi sono stati eseguiti anche sul tetto e sulla facciata nord della caserma per un importo di 32mila euro. Un’ulteriore spesa di 5.500 euro si è infine resa necessaria per la sostituzione dei corpi illuminanti esterni che la grandine aveva distrutto: in tutto sono stati rimpiazzati sette punti luce e sei fari.