Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/263: IL VICENTINO MIGLIOZZI MIGLIOR AZZURRO AL CHINA OPEN

A Shenzen il finlandese Korhonen si impone al playoff sul francese Hebert


SHENZEN - Sono ben quattro gli azzurri che partecipano al Volvo China Open, evento dell’Asian Tour e dell’European Tour, in programma a Shenzhen, al Tradition at Wolong Valley, di Chengdu in Cina. È Il venticinquesimo anniversario di questo torneo, che significa scadenza molto...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/20: GOLF CLUB CASTELFALFI

Tra le colline del Chianti, il paesaggio fa dimenticare anche le difficoltà tecniche


CASTELFALFI - Si arriva a Castelfalfi, località ignota ai più, percorrendo le luminose colline del Chiantigiano che riservano splendidi scorci. Siamo a Montaione, nei pressi dei borghi di San Gimignano e di Volterra, e Castelfalfi è un piccolo villaggio medievale arroccato...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/262: LA PRIMA VOLTA DEL MASTERS IN ROSA

Sfida tra le migliori 72 dilettanti sul mitico Augusta National


AUGUSTA - Si tratta di un evento storico per il golf femminile: per la prima volta il Masters in rosa.A giocare all’Augusta National, il mitico percorso voluto da Bobby Jones, sono le migliori 72 dilettanti del mondo. Tra loro, quattro azzurre: Virginia Elena Carta, Caterina Don, Alessandra...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Giovani con disabilità compieranno il tragitto in hugbike

LE BICI DEGLI ABBRACCI TORNANO AD APRIRE LA TREVISO MARATHON

Domenica 15 marzo 15^ edizione della corsa


Treviso Marathon e Hugbike, un binomio di “solidarietà” che si rinnoverà anche domenica 25 marzo, per l’edizione numero 15 della maratona trevigiana. Saranno ancora loro, le “bici degli abbracci” ad aprire la 42,195 km che per la prima volta nella sua storia partirà e arriverà a Treviso. Un’edizione rinnovata in tanti suoi aspetti, ma che conferma un momento diventato ormai imperdibile, quella passerella lungo il percorso che vede insieme campioni e personaggi legati agli XI di Marca di capitan Marco Varisco e ragazzi con autismo e affetti da altre disabilità. Una mattinata divertente e piena di emozione non solo per chi “guiderà” le Hugbike ma anche e soprattutto per bimbi, ragazzi e giovani che affronteranno questo viaggio davvero speciale.
A rendere possibile tutto questo Maratona di Treviso, XI di Marca e Fondazione Oltre il Labirinto Onlus, presieduta da Alberto Cais e diretta da Mario Paganessi. Per partecipare a questo grande evento arriveranno non solo da tutta Italia (Toscana, Puglia e Campania, sono solo alcune delle regioni di provenienza di questi ciclisti speciali), ma anche da Francia e Gran Bretagna, paesi dove le Hugbike stanno spopolando e l’interesse attorno a questa bici cresce di giorno in giorno.
“Si stanno organizzando perfino dalla Gran Bretagna e dalla Francia per venire alla Treviso Marathon pedalando sulle Hugbike – commenta il direttore di Oltre il Labirinto, Mario Paganessi – per noi la maratona trevigiana è un appuntamento fisso, imperdibile, ricordiamo sempre con emozione la nostra prima uscita pubblica, con i prototipi, proprio qui, tra Conegliano e Treviso. La maratona trevigiana ci ha portato fortuna e siamo contentissimi di essere presenti. Anche perché correre tra le strade di casa, con i nostri ragazzi è un’esperienza unica. L’affetto che ci circonda è poi è tantissimo”. Nell'arco di cinque anni sono state prodotte, con anche l'intervento di ragazzi con autismo coinvolti nel processo produttivo, oltre 200 Hugbike. La prima è stata donata a Papa Francesco, il 2 aprile 2014, dopo la prima uscita ufficiale proprio alla Treviso Marathon 1.1 del marzo 2014.
A guidare la “truppa” dei ciclisti degli abbracci sarà, come sempre, il maestro del vetro Marco Varisco, che proprio in questi giorni sta allestendo il team di campioni e personaggi noti del territorio che parteciperanno alla manifestazione trevigiana.
“Oltre agli amici degli XI di Marca, sto cercando di coinvolgere qualche personaggio che non ha mai partecipato con noi alla maratona trevigiana – dice Varisco – più di qualcuno ha manifestato interesse e affetto per questa iniziativa, speriamo di riuscire a far combaciare il tutto con i tanti impegni di lavoro. Di fatto non mancherà lo zoccolo duro di campioni e personaggi del nostro territorio”.