Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/223: I SOCI AIGG SI SFIDANO SULLE DOLOMITI

Tre giornate in quota tra Alto Adige e Trentino


BOLZANO - Un interessante momento nelle gare dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti: tre giornate di golf impegnativo, in aggiunta all’annuale challenge, per godere le Dolomiti. Nella giornata di apertura ci spalanca le porte il Golf Club Eppan (Appiano): un campo da golf a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

La nuova struttura attivata all'interno dell'unità di Neurologia

ALL'OSPEDALE DI CONEGLIANO UN AMBULATORIO PER LE CEFALEE

Di mal di testa soffre almeno una volta più del 90% delle persone


CONEGLIANO - Al via, all’ospedale di Conegliano, l’ambulatorio dedicato alla diagnosi e alla cura delle cefalee. E’ stato attivato nell’ambito dell’Unità Operativa di Neurologia, con l’obiettivo di una presa in carico integrata e continuativa nel tempo dei pazienti affetti da questa patologia.
“Coloro che, a seguito di visita neurologica, risulteranno affetti da cefalea primaria – spiega la dottoressa Marianna Fortunato, direttore facente funzioni dell’Unità Operativa di Neurologia – saranno presi in carico nell’ambito del nuovo ambulatorio dedicato, seguito dal dottor Fuccaro: inizialmente saranno sottoposti a una serie di accertamenti in modo da poter giungere ad una diagnosi precisa e procedere alla prescrizione di una terapia personalizzata. Il paziente sarà, inoltre, seguito nel tempo dallo specialista, con controlli periodici”.

“Quello che viene comunemente definito “mal di testa” – ricorda Fortunato – è uno dei sintomi dolorosi più frequenti: si stima che circa il 99% delle donne e il 93% degli uomini ne soffrano almeno una volta nella vita”. 
Le cefalee si classificano in primarie e secondarie. Quelle primarie, i cui pazienti saranno seguiti dall’ambulatorio dedicato del Santa Maria dei Battuti, rappresentano una vera e propria malattia del sistema nervoso centrale. Le forme più frequenti di cefalea primaria sono: l’emicrania, la cefalea tensiva e quella a grappolo. L’emicrania ha, da sola, ha una prevalenza del 14% circa della popolazione generale e affligge più comunemente il sesso femminile. Le cefalee secondarie sono, invece, molto meno comuni e sono associate a patologie gravi; in questo caso la cefalea è un sintomo di esordio di una malattia.

"La cefalea si può presentare in modo molto variabile sia in termini di frequenza, intensità, gravità e sintomi associati – spiega il medico -. E’ quindi indispensabile che il neurologo faccia un corretto inquadramento clinico-diagnostico per individuare se il paziente è affetto da cefalea primaria o secondaria. Il compito del neurologo non si esaurisce, però, nell'escludere le cefalee pericolose: lo specialista deve, infatti, anche eseguire una corretta diagnosi delle varie forme di cefalea primaria in quanto l' approccio terapeutico differisce”.

“Le cefalee primarie - sottolinea il direttore generale dell’Ulss 2, Francesco Benazzi - rappresentano a tutti gli effetti delle patologie croniche, che possono avere un elevato impatto sulla salute del paziente ed essere causa di severa disabilità. La terapia è specifica ma deve essere individualizzata. La gestione di tali problematiche necessita quindi di una adeguata presa in carico da parte dello specialista neurologo, al fine di organizzare il più corretto percorso di cura e di sostegno per il paziente: di qui la decisione di attivare un ambulatorio dedicato che si occuperà esclusivamente della presa in carico di questi pazienti”.