Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/299: AD ABU DHABI WESTWOOD SI IMPONE SU UN SORPRENDENTE LAPORTA

Nel torneo in vigore le norma anti-gioco lento


ABU DHABI - Sono sette gli azzurri che partecipano al Championship di Abu Dhabi, il primo degli otto tornei sponsorizzati dalla Rolex nell’ambito dell’Eurotour. Sono numerosi, i campioni che iniziano l’anno 2020 negli Emirati Arabi Uniti all’Abu Dhabi GC, con lo statunitense...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/298: DOPO LE PROTESTE POLITICHE, AD HONG KONG TORNA IL GOLF

Successo per Wade Ormsby, Andrea Pavan unico azzurro


HONG KONG - Era stato rinviato per problemi di sicurezza l'Hong Kong Open. Avrebbe dovuto prendere avvio il 28 novembre, ma i disordini legati alla difficile situazione sociale, riordiamo i continui scontri nel Paese, aveva indotto gli organizzatori ad annullare la gara. Ora questo torneo...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/297: L'ALTRA META' DEL CIELO, IL GOLF AL FEMMINILE

Ad Evian, in Francia, l'unico major "rosa" d'Europa


EVIAN  - Nel doveroso ricordo del record assoluto di vittorie in campo internazionale conquistate dagli azzurri Bertasio, Gagli, Laporta, Migliozzi, i Molinari, Paratore, Pavan nel 2019, cominciamo il 2020 dando l'onore al Golf femminile, seppur in assenza delle atlete italiane.Il Ladies...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Primo appuntamento venerdì sui rapporti Europa- Usa

DALLA GRANDE GUERRA A TRUMP, LEZIONI DI GEOPOLITICA AL MUSEO DELLA BATTAGLIA

Tre seminari a Vittorio Veneto in ricordo di Brandolino Brandolini


VITTORIO VENETO - Venerdì 16 febbraio, al Museo della Battaglia, con inizio alle 20.30, si svolgerà la prima delle sessioni vittoriesi del XXII Corso di Geopolitica organizzato dal gruppo studi storici e sociali “Historia”. L’iniziativa, patrocinata dall’Università degli Studi di Udine e dai Comuni di Pordenone e Vittorio Veneto, è realizzata in collaborazione con gli ordini dei giornalisti del Veneto e del Friuli Venezia Giulia. L’appuntamento inaugurale si è tenuto venerdì scorso a Pordenone con una tavola rotonda dedicata al ruolo delle Forze Armate dalla Grande Guerra alla difesa europea. Il professor Guglielmo Cevolin, animatore dell’intera iniziativa, esprime grande soddisfazione “per l’ottima sinergia che - nel tempo - si è venuta a creare con le città di Vittorio Veneto e di Pordenone da un lato, e l’Università di Udine dall’altro, sinergia che ha permesso di organizzare e di ospitare tra Veneto e Friuli, appuntamenti culturali di valore assoluto”. La lezione di venerdì tratterà un argomento di grande interesse: l’evoluzione dei rapporti euro-americani dagli anni Venti del secolo scorso ad oggi. “Europa e USA dalla Grande Guerra ai tempi di Trump” è il tema che sarà infatti affrontato dai relatori Virgilio Ilari, membro della Società Italiana di Storia Militare e Guglielmo Cevolin, docente presso l’Università di Udine, moderati da Massimo Grizzo del gruppo “Historia”. La conversazione in programma al Museo della Battaglia rientra nel calendario degli studi dedicati a Brandolino Brandolini d’Adda, deputato e volontario di guerra vittoriese, unico parlamentare italiano caduto durante il primo conflitto mondiale. Le iniziative rivolte a ricordare la figura di Brandolini d’Adda sono realizzate anche grazie al sostegno economico del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo, fattore che testimonia l’importanza e il valore storico del personaggio. Il successivo incontro in programma a Vittorio Veneto, sempre presso il Museo della Battaglia, si terrà il venerdì 2 marzo ancora alle 20.30 e vedrà protagonisti Marco Tarchi dell’Università di Firenze), Roberto Bernardini del gruppo “Historia” e Guglielmo Cevolin (in qualità di moderatore). Il tema della serata saranno i successi elettorali dei partiti antisistema (o populisti) in Europa e le conseguenze geopolitiche di queste affermazioni elettorali. Il ciclo degli appuntamenti vittoriesi si concluderà il 13 aprile con Ilvo Diamanti e Luigi Ceccarini dell’Università di Urbino, che analizzeranno i risultati dell’ultima tornata elettorale.