Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/292: L'EUROPEAN TOUR RIPARTE DAL SUDAFRICA

Nel consuento anticipo della stagione 2020 successo di Larrazabal


SUDAFRICA - Son trascorsi solo quattro giorni dalla conclusione della stagione 2019 in Medio Oriente, e l’European Tour già apre in Sudafrica quella del 2020, con il consueto anticipo sull’anno solare. Si gioca sul Par 72 del Leopard Creek CC di Malelane, nel distretto di...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/291: DOPO 47 TORNEI, IL TOUR EUROPEO SI CHIUDE A DUBAI

Con la vittoria lo spagnolo Jon Rahm diventa numero uno continentale


DUBAI - Dopo 47 tornei disputati in 31 diverse nazioni, si chiude l’ampia stagione del Tour europeo, con il DP World Tour Championship, sul percorso del Jumeirah Golf Estates, a Dubai, negli Emirati Arabi Uniti. Il torneo di Dubai mette in palio una prima moneta da record, la leadership...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/290: GRAN RIMONTA DI FLEETWOOD IN SUDAFRICA

L'inglese fa suo il Nedbamk Challenge. Bene Migliozzi


SUN CITY (SAF) - Siamo al settimo degli otto eventi delle Rolex Series dell’European Tour, si gioca sul percorso del Gary Player CC, a Sun City in Sudafrica, uno dei Campi più lunghi del mondo (8.000 m). Nato nel 1981 come evento riservato a pochi eletti, tra i migliori al mondo che si...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Benazzi: "Capitolo importante della sanità trevigiana"

DOPO 166 ANNI, ADDIO ALLE SUORE INFERMIERE AL CA' FONCELLO

Le ultime Dorotee solo per l'assistenza spirituale


TREVISO - Dopo 166 anni, dal primo marzo le Suore Dorotee di Vicenza termineranno il loro servizio da infermiere all'ospedale Ca' Foncello di Treviso. Si conclude così un importante capitolo di storia della sanità trevigiana, iniziato nel 1852. L’ultimo sparuto gruppo di anziane religiose, pur senza più funzioni in corsia, rimarrà nella struttura, impegnato nell’assistenza spirituale. Prossimamente si terrà un incontro in cui la Direzione esprimerà la gratitudine dei trevigiani e scoprirà una targa di riconoscenza.
Le suore Dorotee negli anni '30 del Novecento
Tra le corsie del Ca’ Foncello la notizia segna un’epoca. Dati anagrafici e carenza di vocazioni non consentono alle Suore Maestre di Santa Dorotea Figlie dei Sacri Cuori (questo il vero nome della congregazione) di garantire ancora la presenza delle proprie infermiere. Una vera rivoluzione se si pensa che per decenni il nome della suora caposala, prima ancora di quello del primario, identificava un reparto. All’ospedale di Treviso hanno iniziato il loro servizio nel 1852. Più di un secolo e mezzo di presenza, segnata dalla carità e dalla elevata professionalità in tutti gli ambiti presenti. Ma anche dalla santità. La Chiesa, infatti, ha elevato alla gloria degli altari la suora infermiera Maria Bertilla Boscardin che - dopo avervi lavorato per 15 anni – nel 1922 è morta proprio nell’ospedale di cui oggi è patrona ed anche monsignor Giovanni Farina, il vescovo di Treviso che chiamò nel nosocomio le Dorotee dopo averle fondate quando era prete a Vicenza.
Le religiose oggi
“Con la conclusione dell'impegno infermieristico delle suore Dorotee si sigilla un capitolo importante di storia della sanità trevigiana – sottolinea il direttore generale dell'Ulss 2 Francesco Benazzi -. Contemporaneamente rImane vivo il debito di riconoscenza per il servizio prestato in oltre 165 anni di presenza nelle corsie dell'antica sede di San Leonardo, prima, e del Ca' Foncello, poi. Una presenza che per Treviso non ha rappresentato solo la permanenza di un gruppo di religiose ma, soprattutto, un vero progresso organizzativo e professionale. Grazie alle suore Dorotee di Vicenza, a Treviso si è concretizzata la professione infermieristica, legata ad una preparazione specifica ed alla formazione con un proprio percorso di studi. Con loro nacque, infatti, la prima scuola destinata a evolversi accogliendo anche studenti laici e contribuendo nei decenni a fornire numerosi professionisti ben preparati”.

“Ringrazio idealmente tutte le Suore che hanno fatto parte della nostra comunità ospedaliera ed in particolare le ultime ancora presenti - ha continuato il direttore -. Esprimo inoltre la mia gratitudine e la mia soddisfazione per l'assicurazione fornitami dalla Madre generale che, pur concludendosi l'impegno professionale, le Suore continueranno a prestare la loro collaborazione nell'assistenza spirituale dei nostri pazienti: sono sempre state parte della nostra famiglia è così continueremo a sentirle. Siamo uno dei pochi ospedali che hanno visto una sua infermiera elevata alla gloria degli Altari: Santa Maria Bertilla Boscardin, una delle tante religiose che si sono succedute al servizio dei nostri malati. Questo esempio ci ricorda e riassume quale contributo è stato dato in questi decenni anche nell'umanizzazione dell'ambiente ospedaliero, nella qualità del rapporto con il malato, nella capacità di saper curare prima ancora di riuscire a guarire”.