Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/248: PADRAIG HARRINGTON CAPITANO DELL'EUROPA IN RYDER CUP

Nel 2020 l'irlandese guiderà il team continentale nella sfida agli Usa


ROMA - Sarà l’irlandese Padraig Harrington, a svolgere la missione di Capitano europeo alla Ryder Cup 2020, prossimo appuntamento americano fra Europa e Stati Uniti. Harrington è stato scelto da un Comitato composto dagli ultimi tre capitani del massimo circuito europeo: Paul...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/247: I CAMPIONI DEL PGA INIZIANO L'ANNO ALLE HAWAII

L'outsider Schauffele trionfa nel torneo riservato ai 37 vincitori del circuito


MAUI - Al Plantation Course di Kapalua, è andato in scena l’evento riservato alla crema del PGA, cioè ai 37 che hanno vinto un torneo nel circuito della passata stagione. Il Sentry Tournament of Champions ha luogo sempre durante la prima settimana di gennaio, sempre nel medesimo...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/19: IL MOLINETTO GOLF & COUNTRY CLUB

Dai Celti agli Sforza, a Cernusco sul Naviglio si gioca tra la storia d'Italia


CERNUSCO SUL NAVIGLIO - Quello che colpisce maggiormente arrivando al Golf Molinetto, è di trovarsi all’improvviso in una realtà che si stacca completamente da tutto ciò che la circonda: il territorio tipico della Lombardia produttiva, dove la gente è soprattutto...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

"Rinvii illegali, così si mette a rischio un patrimonio della collettività"

ASCO HOLDING, RICHIESTA UNA NUOVA ASSEMBLEA PER VOTARE LA FUSIONE

Un gruppo di Comuni chiede una terza convocazione


TREVIGNANO - Alcuni Comuni soci  tornano a chiedere che l'assemblea di Asco Holding si esprima sul proprio futuro. I rappresentanti delle amministrazioni di Borso del Grappa, Follina, Giavera del Montello, Istrana, Mareno di Piave, Paderno del Grappa, Pieve di Soligo, S. Zenone degli Ezzelini, S. Lucia di Piave, Spresiano e Trevignano hanno presentato formale rischiesta di convocare l'assise. "Con tale iniziativa vogliamo riaffermare l’urgente necessità di ristabilire, in seno all’assemblea dei soci - sottolinea in una nota Ruggero Feltrin, sindaco di Trevignano, a nome anche degli altri colleghi firmatari -, il rispetto delle norme che ne regolano il funzionamento anche in ordine al rapporto tra le diverse componenti societarie".
Le due precedenti sedute, il 15 dicembre e l'8 febbraio scorsi, si sono chiuse con un nulla di fatto. "A nostro avviso il continuo rinvio, a data da destinarsi, corrisponde al voler rifiutare di discutere e votare sul merito dell’ordine del giorno, rifuggendo così alle responsabilità cui siamo chiamati come pubblici amministratori - prosegue la lettera -. Gli atti sin qui compiuti, nonostante i nostri continui richiami, sembrano dimostrare solamente che, in questa controversa vicenda, si stia perseguendo una sola finalità: voler aggirare, o ancor peggio non rispettare, le leggi vigenti siano esse la “Madia” o il Codice Civile. Nell’ultima assemblea infatti, sono stati palesemente violati e calpestati i nostri diritti di soci, non permettendo che la nostra proposta fosse discussa e messa in votazione, come ben prevedono le norme che disciplinano le società".

Il gruppo di Comuni chiedeva venisse votata la proposta di un ingresso della Holding sul mercato regolamentato, ovvero la fusione con la controllata, quotata, Ascopiave. Il temporeggiare, mentre si avvicinano le scadenze per adempiere agli obblighi della Madia, secondo i firmatari, rischia di far perdere ai Comuni le partecipazioni in loro possesso. "Non è certo così che, a nostro avviso, si tutela un “patrimonio” di tutta la collettività - ribadisce Feltrin - poiché il non voler rispettare gli adempimenti previsti, nelle imminenti e perentorie scadenze, rischia di compromettere definitivamente e irreparabilmente il valore e la qualità delle nostre partecipazioni. È bene ricordare a chi, a parole, si dichiara strenuo difensore del bene comune, che in primo luogo tale difesa si fa applicando un principio fondamentale della buona amministrazione e cioè quello della precauzione che, nell’incertezza, impone la scelta più cautelativa in ordine alle norme e relative scadenze soprattutto tenendo conto del valore, non solo economico, del gruppo Asco Piave". "Nonostante si siano persi molti mesi nell’immobilismo quasi totale - assicura il comunicato -, noi siamo qui, una volta di più, a dichiarare la nostra più ampia disponibilità a confrontarci e a collaborare per condividere dei patti parasociali che possano garantire l’efficacia e la redditività della partecipazione pubblica nella società quotata Asco Piave. Con altrettanta fermezza, tuttavia, affermiamo che non subiremo senza reagire il depauperamento delle nostre partecipazioni e non tollereremo che chicchessia calpesti i nostri diritti".