Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/227: JUSTIN THOMAS SENZA RIVALI AL BRIDGESTONE INVITATIONAL

Il terzo evento del circuito World Golf Championship


AKRON (USA) - È Francesco Molinari a godere il favore degli spettatori. Lo divide con il leader mondiale Dustin Johnson, che di WGC ne ha già conquistati cinque. Anche Tiger Woods, riemerso grazie alla bella prestazione nell’Open Championship, è atteso con...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/226: UN BEL COMPLEANNO FESTEGGIATO SUL FAIRWAY

Torneo e party in onore di Luigino Conti, patron di Ca' della Nave


MARTELLAGO - Una Louisiana a due, per festeggiare il genetliaco di Luigino Conti, direttore del Club Cà della Nave, persona che sa farsi benvolere.Luigino, che ormai da tre anni ha assunto la dirigenza del Circolo trovando nel suo cammino un mare di difficoltà, è riuscito a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/225: CON L'ACI SI GIOCA NEL BOSCO DELLA SERENISSIMA

Al Golf Cansiglio il torneo promosso dall'Automobile Club


TAMBRE D'ALPAGO - L’Automobile Club d’Italia ha cura dei propri soci: al di là del suo compito d’istituto su tutto quanto è attinente all’automobile, mette a loro disposizione un Campionato italiano di Golf, che gira da aprile ad agosto, su 28 tra i...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

"Rinvii illegali, così si mette a rischio un patrimonio della collettività"

ASCO HOLDING, RICHIESTA UNA NUOVA ASSEMBLEA PER VOTARE LA FUSIONE

Un gruppo di Comuni chiede una terza convocazione


TREVIGNANO - Alcuni Comuni soci  tornano a chiedere che l'assemblea di Asco Holding si esprima sul proprio futuro. I rappresentanti delle amministrazioni di Borso del Grappa, Follina, Giavera del Montello, Istrana, Mareno di Piave, Paderno del Grappa, Pieve di Soligo, S. Zenone degli Ezzelini, S. Lucia di Piave, Spresiano e Trevignano hanno presentato formale rischiesta di convocare l'assise. "Con tale iniziativa vogliamo riaffermare l’urgente necessità di ristabilire, in seno all’assemblea dei soci - sottolinea in una nota Ruggero Feltrin, sindaco di Trevignano, a nome anche degli altri colleghi firmatari -, il rispetto delle norme che ne regolano il funzionamento anche in ordine al rapporto tra le diverse componenti societarie".
Le due precedenti sedute, il 15 dicembre e l'8 febbraio scorsi, si sono chiuse con un nulla di fatto. "A nostro avviso il continuo rinvio, a data da destinarsi, corrisponde al voler rifiutare di discutere e votare sul merito dell’ordine del giorno, rifuggendo così alle responsabilità cui siamo chiamati come pubblici amministratori - prosegue la lettera -. Gli atti sin qui compiuti, nonostante i nostri continui richiami, sembrano dimostrare solamente che, in questa controversa vicenda, si stia perseguendo una sola finalità: voler aggirare, o ancor peggio non rispettare, le leggi vigenti siano esse la “Madia” o il Codice Civile. Nell’ultima assemblea infatti, sono stati palesemente violati e calpestati i nostri diritti di soci, non permettendo che la nostra proposta fosse discussa e messa in votazione, come ben prevedono le norme che disciplinano le società".

Il gruppo di Comuni chiedeva venisse votata la proposta di un ingresso della Holding sul mercato regolamentato, ovvero la fusione con la controllata, quotata, Ascopiave. Il temporeggiare, mentre si avvicinano le scadenze per adempiere agli obblighi della Madia, secondo i firmatari, rischia di far perdere ai Comuni le partecipazioni in loro possesso. "Non è certo così che, a nostro avviso, si tutela un “patrimonio” di tutta la collettività - ribadisce Feltrin - poiché il non voler rispettare gli adempimenti previsti, nelle imminenti e perentorie scadenze, rischia di compromettere definitivamente e irreparabilmente il valore e la qualità delle nostre partecipazioni. È bene ricordare a chi, a parole, si dichiara strenuo difensore del bene comune, che in primo luogo tale difesa si fa applicando un principio fondamentale della buona amministrazione e cioè quello della precauzione che, nell’incertezza, impone la scelta più cautelativa in ordine alle norme e relative scadenze soprattutto tenendo conto del valore, non solo economico, del gruppo Asco Piave". "Nonostante si siano persi molti mesi nell’immobilismo quasi totale - assicura il comunicato -, noi siamo qui, una volta di più, a dichiarare la nostra più ampia disponibilità a confrontarci e a collaborare per condividere dei patti parasociali che possano garantire l’efficacia e la redditività della partecipazione pubblica nella società quotata Asco Piave. Con altrettanta fermezza, tuttavia, affermiamo che non subiremo senza reagire il depauperamento delle nostre partecipazioni e non tollereremo che chicchessia calpesti i nostri diritti".