Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/288: TRIONFO DA RECORD IN GIAPPONE PER TIGER WOODS

La "Tigre" raggiunge il mito Snead con 82 titoli sul circuito


Non finisce di stupire Tiger Woods, il grande Campione. Eccolo allo Zozo Championship, giocato sul par 70 dell'Accordia Golf Narashino a Chiba, l’evento con cui il PGA Tour fa il suo esordio in Giappone. Aveva un obiettivo Tiger Woods: raggiungere Sam Snead, che lo avanzava di un solo titolo...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/287: ALL'ALBENZA IL CAMPIONATO INDIVIDUALE AIGG

Dario Bartolini si aggiudica il titolo italiano asoluto


BERGAMO - A conclusione del nostro challenge, è il momento del Campionato individuale 2019. Siamo ad Almenno San Bartolomeo, nel Bergamasco, al Golf Club Albenza. Il Campo copre 85 ettari di delicate colline in direzione delle Prealpi lecchesi, su cui si snodano 27 buche nate da più...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/286: L'OPEN D'ITALIA PER LA PRIMA VOLTA PARLA AUSTRIACO

All'Olgiata si impone Bernd Wiesberger, sotto tono Chicco Molinari


ROMA - Eccoci giunti al più grande appuntamento italiano dell’anno con il Golf: la 76esima edizione dell’OPEN D’ITALIA. A ospitarla è l’Olgiata Golf Club di Roma,nel percorso di gara, par 71, su quei terreni dove pascolava Ribot; un Open da gustare dalla...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Il presidente Franceschini traccia il bilancio dell'ultimo triennio

LUDOPATIE, MARGINALITÀ, SPRECO ALIMENTARE: I NUOVI FRONTI DEL VOLONTARIATO TREVIGIANO

Venerdì prossimo il Csv Treviso rinnova i propri vertici


TREVISO - Treviso si conferma una delle capitali del volontariato. Volontarinsieme – Centro servizi volontariato, fornisce coordinamento, consulenza e assistenza a una larga fetta di queso mondo: oltre oltre 350 associazioni aderenti (per il 70% attive nel campo socio-assistenziale), 9.300 volontari (in crescita: quattro anni fa erano poco più di 8mila) e 89mila soci.
L'organizzazione, cosiddetta di secondo livello, sabato 10 marzo si appresta a vivere il rinnovo dei suoi organismi dirigenti: dopo un primo mandato, l'uscente Alberto Franceschini si ricandida alla presidenza per un secondo triennio. Il nuovo numero uno, in realtà, verrà scelto all'interno del nuovo consiglio direttivo: in corsa 19 aspiranti per 15 posti,

L'elezione è comunque l'occasione per un bilancio dell'attività svolta e dei progetti futuri. Partendo dalla ricaduta, anche economica, dell'opera dei volontari associati: un valore stimato in 12,8 milioni di euro all'anno.
Pur alle prese con il dimezzamento di fondi disponibili, dovuto al crollo degli utili delle fondazioni bancarie (per legge, principale fonte di finanziamento dei Csv), il coordinamento provinciale ha contribuito a numerosi progetti. Tra i più significativi, “Stacco”, per il trasporto di persone con difficoltà di movimento, i centri sollievo Alzheimer (38 quelli attivi nella Marca) per aiutare le famiglie con malati di degenerazione cognitiva, la formazione degli amministratori di sostegno. Senza dimenticare il gioiello dell'Università del volontariato.
Sempre in collaborazione con le associazioni, sono in corso anche progetti specifici sulla lotta alle ludopatie, l'integrazione dei ragazzi disabili attraverso lo sporto o, per disabili anche adulti, attraverso il lavoro e la coltivazone degli orti.
"L’impegno di Volontarinsieme si è tradotto in una modalità costante di lavoro in rete, sia tra le singole associazioni che tra le associazioni e le istituzioni - afferma Franceschini - per rendere il volontariato protagonista autorevole nel collaborare alla definizione delle politiche sociali in quei settori dove tradizionalmente i volontari svolgono la loro opera: l’assistenza, la sanità, il sostegno alla famiglia, la cura degli anziani, le politiche giovanili, la disabilità, l’immigrazione, le nuove povertà, la tutela ambientale, la cooperazione internazionale".
Tra le prossime linee d'azione, Volontarinsieme è pronta ad avviare un centro per l'accoglienza dei padri separati, iniziative per il contrasto alla violenza di genere, per il sostegno ai minori in difficoltà e per la raccolta delle eccendenze alimentari da redistribuire a persone indigenti. 150mila i fondi stanziati per programmare queste attività, oltre ad un progetto a più largo raggio sulle nuove forme di marginalità, finanziato dal comitato regionale per il quale Treviso farà da capofila di altre province.

L’altra grande sfida che attende i CSV nei prossimi mesi è sicuramente l’attuazione della Riforma del Terzo Settore: “La riforma, infatti, è intervenuta non solo a riordinare la normativa sul terzo settore, ma anche a dettare nuovi paradigmi per i Csv che si troveranno a supportare una platea più ampia rispetto al passato, composta non solo dal volontariato, ma, ad esempio, anche dalle associazioni di promozione sociale, dalle fondazioni, delle imprese sociali, dalle cooperative sociali. Quello che viene chiesto al Csv – conclude Alberto Franceschini - è di essere a fianco delle associazioni non più e non solo per fornire consulenze in termini legali, fiscali, amministrativi o di formazione, ma di riuscire a porsi come attivatore e animatore di processi attraverso cui gli enti del Terzo settore cercano di dare risposte ai bisogni che emergono dal territorio”.

Galleria fotograficaGalleria fotografica